Connect with us

Hi, what are you looking for?

Vangelo

Crescere è passare dal battesimo dell’acqua a quello dello spirito

Il Battesimo ci invita ad immergerci nella vita condividendo i problemi e i bisogni del nostro prossimo

L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)
L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)

Vangelo di Matteo
In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».
Matteo 3, 13-17

Fare memoria del battesimo di Gesù è un invito a riflettere sul significato del nostro battesimo.
Innanzitutto è importante sottolineare che a Matteo non interessava farci la cronaca di che cosa è avvenuto al fiume Giordano. Invece, vuole raccontarci ancora una volta, ma in modo diverso, il mistero del Natale. Lo scandalo di un Dio che si fa uomo. E lo fa sempre con un linguaggio simbolico e poetico.

Ci viene spontaneo un primo interrogativo. Perché Gesù, il Figlio di Dio, il senza peccato «si mette in fila con i peccatori per farsi battezzare»?
La parola “battesimo” deriva dal greco “baptìzo” che vuol dire immergere. Con il battesimo Gesù si “immerge” nelle acque del Giordano.
L’acqua è il simbolo della vita. Il suo gesto quindi simboleggia la sua scelta di vita: il suo “immergersi” nella vita della gente, soprattutto degli ultimi.
Il suo vero battesimo non è stato il rito al Giordano, ma il suo modo di vivere ogni giorno: aiutare gli ammalati, farsi compagno di strada dei più disperati, l’andare a mangiare con i peccatori, il non giudicare e condannare chi ha sbagliato, difendere i diritti dei piccoli, dei semplici, degli emarginati.

Il battesimo di Gesù ci aiuta a capire il nostro battesimo. Anche noi come Gesù dobbiamo imparare ad “immergerci” nella vita di tutti i giorni, con i suoi problemi e le sue contraddizioni.
Ci è stato insegnato che il Battesimo ci rende “figli di Dio”. Che cosa vuol dire?
Il Battesimo non è una tessera per privilegiati che ci garantisce l’ingresso in paradiso. Non è un gesto magico per assicurarci la protezione di Dio.
Il Battesimo è una scelta, è un modo di essere e di vivere.

Anche noi come Gesù, siamo invitati a coniugare la terra con il cielo, l’umano con il divino. Dobbiamo passare dal Battesimo dell’acqua che abbiamo ricevuto da bambini, al Battesimo dello Spirito che scegliamo da adulti.
Per l’Anagrafe i battezzati sono tutti cristiani, ma nella realtà i veri credenti sono sempre più una minoranza.
In tanti credo, preghiamo il “Dio del cielo”. Forse spesso ci dimentichiamo del “Dio della terra”.
Da bambini ci insegnavano a voler bene a Gesù. È facile dire “io amo Dio, amo Gesù”. È molto difficile amare la sorella e il fratello che mi sta accanto. È facile dire a parole “sono cristiana”, “sono cristiano”. È difficile testimoniare il Vangelo nella vita di tutti i giorni.

Il racconto si conclude con delle parole e immagini misteriose: «Si aprirono i cieli … e una voce dal cielo: questi è il figlio mio, l’amato». Che cosa possono voler dire?
Forse ci dicono che quando anch’io, come Gesù, “mi metto in fila” con i più deboli, quando mi prendo cura di chi mi sta accanto, anche per me “i cieli si aprono”. Anche per me Dio ripete le stesse parole: “Tu sei il mio figlio prediletto”.
Ecco che cosa vuol dire diventare “figli di Dio”.
È quando abbiamo il coraggio di vivere profondamente la nostra umanità che facciamo esperienza del divino che è in noi.
Che cosa è il Battesimo lo ha sintetizzato molto bene il teologo e filosofo Romano Guardini: “Diventare cristiani vuol dire diventare umani”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Don Roberto Vinco
Domenica 8 gennaio 2023

«Cristiani non si nasce ma si diventa.
Diventare cristiani vuol dire diventare umani»
Romano Guardini, filosofo e teologo (Verona, 1885 – Monaco di Baviera, 1968).

Written By

Don Roberto Vinco, docente di filosofia allo Studio Teologico San Zeno e all'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire di Verona, è collaboratore nella parrocchia di Novaglie. roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Vangelo

Il programma di Gesù è che le donne e gli uomini di tutte le culture e di tutte le religioni siano felici. E per...

Vangelo

Il nostro tesoro sono le persone, i nostri miracoli sono i piccoli gesti della vita quotidiana. A volte basta uno sguardo per rendere bella...

Vangelo

Gesù non ci parla mai di un Dio onnipotente e nemmeno di un Dio degli eserciti. Ci parla invece di un Dio che è...

Vangelo

Quel bimbo di Betlemme, diventato adulto, ci insegnerà con la sua vita che Dio non è un idolo da adorare. Dio invece è una...

Advertisement