Connect with us

Hi, what are you looking for?

Vangelo

Natale, festa di tutti: in ogni nascita si rinnova il miracolo della vita

Dobbiamo ri-nascere per uscire dalla cultura del consumo, del profitto, del successo ad ogni costo e riconquistare i valori veri della vita

L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)
L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)

Vangelo di Luca
In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nazareth, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».
Luca 2,1-14

Tra le tante feste cristiane, possiamo dire che il Natale è la festa di tutti: credenti e diversamente credenti. Perché ogni nascita è un miracolo della natura. Lo diceva un grande filosofo laico Norberto Bobbio: “non occorre dimostrare che Dio esiste. Basta guardare il miracolo della nascita di un bambino”.
Ogni cosa che nasce ha il profumo del divino: i colori di un’alba, un bocciolo di un fiore, un pulcino, un filo d’erba.

Il Natale non è un anniversario da ricordare, ma una memoria da vivere. Non è un presepio da usare come bandiera simbolo della nostra identità. Natale, dice Giovanni nel Prologo, è: “Il Verbo si è fatto carne”. Natale è il divino che si fa umano. Perché? Perché l’umano diventi divino. Ma come è possibile? si sono chiesti i giovani Maria e Giuseppe. La filosofa Maria Zambrano diceva: “la nostra è una nascita incompleta. Dobbiamo fare in modo di portarla a compimento”.

Gesù, diventato adulto dirà a Nicodemo: “Bisogna ri-nascere dall’alto”. Ri-nascere è sempre difficile. Ogni parto comporta dolore. Ma a “ri-nascere si impara”.
Per “venire alla luce” siamo usciti tutti con fatica dal grembo materno. Per “venire alla vita” bisogna imparare con fatica ad “uscire” ogni giorno.

Ma da dove dobbiamo uscire oggi per ri-nascere? Stiamo vivendo un momento storico globale segnato da eventi drammatici: la pandemia, la guerra in Ucraina, la crisi ecologica, quella economica. Forse la crisi più importante dalla quale dobbiamo uscire è quella “culturale”. Quella che ha messo al centro il dio-consumo, il dio profitto, il dio successo. Dobbiamo cambiare il nostro modo di essere, il nostro stile di vita.

Ma anche come cristiani dobbiamo ri-nascere. Bisogna che usciamo dal buio delle nostre chiese. Sono sempre più vuote. Sono rimasti i bambini e gli anziani. Dobbiamo rivoluzionare le nostre parrocchie. È necessario inventare nuovi modi di annunciare e testimoniare il Vangelo. Dobbiamo riempire le nostre eucarestie di umanità. Bisogna che anche noi, come i pastori, ci mettiamo sulla strada della meraviglia e dello stupore.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia”. Nel presepio non c’è nulla di sacro. Non c’è odore di incenso. C’è invece tanta umanità: un bimbo e due giovani innamorati, Maria e Giuseppe.
Che cosa vuol dire inginocchiarsi davanti a un bambino? Vuol dire riconoscere che in ogni donna e in ogni uomo che incontro c’è un frammento di Dio.

È abbastanza facile andare in chiesa a pregare o ad adorare Dio. È molto più difficile accogliere quei bambini, quei giovani e quelle mamme che annegano in mare.

Rimane sempre la grande domanda: che cosa posso fare io? Papa Francesco invita spesso i cristiani alla “rivoluzione della tenerezza”. Cosa vuol dire? La riassume molto bene il grande maestro Gianni Rodari che diceva ai suoi ragazzi: “Se impareremo a darci una mano, impareremo a fare miracoli, e allora, il giorno di Natale durerà tutto l’anno”.

Don Roberto Vinco
Domenica 25 dicembre 2022

«Vorrei un Natale a luci spente
con le persone accese»
Charles Bukowski (1920–1994) poeta e scrittore

Advertisement. Scroll to continue reading.
Written By

Don Roberto Vinco, docente di filosofia allo Studio Teologico San Zeno e all'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire di Verona, è collaboratore nella parrocchia di Novaglie. roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Vangelo

Il programma di Gesù è che le donne e gli uomini di tutte le culture e di tutte le religioni siano felici. E per...

Vangelo

Il nostro tesoro sono le persone, i nostri miracoli sono i piccoli gesti della vita quotidiana. A volte basta uno sguardo per rendere bella...

Vangelo

Gesù non ci parla mai di un Dio onnipotente e nemmeno di un Dio degli eserciti. Ci parla invece di un Dio che è...

Vangelo

Il Battesimo ci invita ad immergerci nella vita condividendo i problemi e i bisogni del nostro prossimo

Advertisement