Connect with us

Hi, what are you looking for?

Vangelo

Il Regno dei cieli è il sogno di un mondo senza armi e ingiustizie

La pandemia, le guerre, la crisi energetica, le povertà ci dicono che bisogna cambiare: non si può più vivere in questo modo

L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)
L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)

Vangelo di Matteo
In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea, dicendo: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!”. Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaia quando disse: “Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!”. E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di potere sfuggire di sottrarvi all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli di Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. lo vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile”. Matteo 3,1–12

«Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!»
Questo invito oggi è rivolto a noi. Ma che cos’è questo “Regno dei cieli”? È il sogno di un mondo dove non ci siano più armi, più guerre, più ingiustizie. Dove “regna” la Pace.
In un linguaggio laico potremmo tradurlo come: “la possibilità di un mondo altro”. È un invito di grande attualità. Stiamo vivendo una delle più drammatiche crisi mondiali. La pandemia, le guerre, la crisi energetica, la filosofia, tutti ci dicono che bisogna cambiare. Non si può più vivere in questo modo.

Ma convertirsi, cambiare non è semplice. Un mondo altro bisogna costruirlo. Ecco allora che Matteo, usando le parole di Isaia ci porta come esempio concreto di “conversione” la figura del Battista. «Voce di uno che grida nel deserto».
Giovanni non è uno che “grida” con le parole e con le chiacchiere. È uno che “grida” con la sua vita. Non viveva in una reggia, ma nel deserto. Non parlava nel tempio, ma lungo il Giordano. Non si vestiva con “capi firmati”, ma con pelli di cammello. Non mangiava al ristorante, ma si nutriva di ciò che trovava in natura.

Giovanni era un “saggio” che aveva scelto uno stile di vita sobrio.
Ma dove ha trovato tanta saggezza? Nel deserto. Il deserto è una metafora che simboleggia il silenzio. Possiamo dire che il silenzio è il grande assente nella nostra vita quotidiana. Se da una parte sentiamo un profondo bisogno di silenzio, dall’altra abbiamo tutti paura del silenzio.

Ma che cosa vuol dire fare esperienza di silenzio? Di quale silenzio abbiamo bisogno? C’è il silenzio della indifferenza, della disperazione, della solitudine, dell’angoscia. Ma c’è anche un altro silenzio: il silenzio che si fa ascolto.
È il silenzio che ci permette di fermarci per pensare, per riflettere, per meditare.
È nel silenzio che riusciamo a percepire il mistero dell’altro.
È nel silenzio che impariamo l’arte della comunicazione.
È nel silenzio che riscopriamo il linguaggio dello sguardo.
È nel silenzio che impariamo a parlare con il corpo, con i gesti, con i simboli.
Ecco la proposta che ci fa il Vangelo di oggi: Impara a “fare silenzio” e ad “ascoltare”. Imparerai a sognare l’impossibile e a profumare di speranza.
A tutte e tutti, l’augurio di un avvento di speranza.

Don Roberto Vinco
Domenica 4 dicembre 2022

Advertisement. Scroll to continue reading.

 

Il prodigio del “silenzio” è giungere a parlare tacendo.
Sabino Chialà, monaco di Bose 

Written By

Don Roberto Vinco, docente di filosofia allo Studio Teologico San Zeno e all'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire di Verona, è collaboratore nella parrocchia di Novaglie. roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Vangelo

Il programma di Gesù è che le donne e gli uomini di tutte le culture e di tutte le religioni siano felici. E per...

Vangelo

Il nostro tesoro sono le persone, i nostri miracoli sono i piccoli gesti della vita quotidiana. A volte basta uno sguardo per rendere bella...

Vangelo

Gesù non ci parla mai di un Dio onnipotente e nemmeno di un Dio degli eserciti. Ci parla invece di un Dio che è...

Vangelo

Il Battesimo ci invita ad immergerci nella vita condividendo i problemi e i bisogni del nostro prossimo

Advertisement