Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Rispetto per l’ambiente e nuove leggi contro la siccità

Un aspetto problematico è l’abbondanza di enti e consorzi che propongono norme in contraddizione a quelle proposte dal Governo e non riescono mai a risolvere problemi infrastrutturali che durano da più di mezzo secolo

Un aspetto problematico è l'abbondanza di enti e consorzi che propongono norme in contraddizione a quelle proposte dal Governo e non riescono mai a risolvere problemi infrastrutturali che durano da più di mezzo secolo

Il 30% del territorio italiano è a rischio desertificazione e ciò dimostra che il fenomeno non riguarda solo i paesi del Nord Africa, ma il sud e il nord del nostro paese.

L’Unione Europea intende investire i fondi del Pnrr per decarbonizzare il corso dell’Adige e del Po, ma rimane un progetto insufficiente perché il clima caldo tropicale scioglierà i ghiacciai del 40% alla fine di questo secolo.

Gian Antonio Stella, firma del Corriere della Sera, in un suo recente editoriale, intititolato L’agonia del nostro grande fiume Po. Ma faremo qualcosa per salvarlo? ci ricorda che, se non presteremo attenzione alle nostre risorse idriche, tanto il Po quanto l’Adige e il Lago di Garda si ritireranno.

Episodi di ritiro e mutazione sono piuttosto diffusi nel mondo, si pensi il Gran Lago Salato nello Utah, negli Stati Uniti, o al lago d’Aral, in Asia. Nella zona del lago Ciad, in Africa Centrale, più di 20 milioni di persone stanno combattendo una guerra per le risorse idriche e la pesca come conseguenza della sottrazione idrica.

I fiumi nostrani richiedono un enorme sforzo di manutenzione, tutela e conservazione. Per mantenere intatto il loro habitat, occorre investire nella rinaturalizzazione e riforestazione, aspetti che non vengono discussi in Parlamento o nei consigli comunali.

Un aspetto problematico è l’abbondanza di enti e consorzi che propongono norme in contraddizione a quelle proposte dal Governo e non riescono mai a risolvere problemi infrastrutturali che durano da più di mezzo secolo.

La siccità, da crisi saltuaria rischia di diventare cronica. Il clima è cambiato e non ci sono più le quattro stagioni. Se una volta i contadini aspettavano le piogge, ora i temporali-lampo distruggono i raccolti. (M.P.)

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Flash

L’obiettivo dell'associazione "Campo Teatro degli Ulivi" è di rendere viva e frequentata la contrada e di tutelarne le bellezze, tra cui 150 alberi secolari

Ambiente

Il blocco delle forniture causato dalla guerra in Ucraina ha mandato gli stati europei nel panico e di colpo le promesse e gli impegni...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Ambiente

Durante la COP 15 di Copenaghen i Paesi sviluppati si erano impegnati a versare 100 miliardi di dollari l’anno ai Paesi che avevano subito...

Advertisement