Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Il seno di Giulietta a Monaco è un problema. E a Verona?

La notizia ha provocato i commenti divertiti o solidali dei cittadini garantendo like e visualizzazioni alle testate che l’hanno ripresa.

Dopo l’articolo apparso su Verona-In lo scorso 21 agosto e la decisione della città di Monaco di mettere in discussione il rito di strofinare il seno della statua di Giulietta nella Marienplatz del capoluogo bavarese, le reazioni nella città d’origine del mito shakespeariano non si sono sprecate. A Verona, infatti, la notizia ha provocato  commenti divertiti o solidali dei cittadini, garantendo così soprattutto like e visualizzazioni alle testate che l’hanno ripresa e scatenando la curiosità dei lettori interessati per lo più a polemizzare sulla decisione dell’Assessore alla Cultura di Monaco di Baviera Anton Biebl di organizzare un convegno per dibattere sulla pratica scaramantica in voga dal 1974 anche nella sua città.

Di fronte alla latenza di prese di posizione politiche pubbliche, Verona-In ha chiesto all’Assessora alla Cultura Francesca Briani che cosa pensasse delle iniziative del collega tedesco: «Quel gesto non mi piace, non lo condivido e non ha nulla a che vedere col mito dell’amore di Giulietta che è nato spontaneamente nella nostra città. Credo però che ora appartenga più a una consuetudine piuttosto che a una pratica con intenzione sessista o violenta. Non escludo comunque che si possa aprire un dibattito sul tema, a cui tengo molto anche come donna», afferma l’Assessora Briani.

Molto più tranchant la dichiarazione che ci ha rilasciato il Movimento Non Una di Meno Verona, che già negli anni 2017 e 2018 aveva espresso la propria posizione sulla questione della statua di Giulietta: «Il gesto che viene riportato nell’ambito della “goliardia” o della “scaramanzia” è invece il simbolo, perfettamente normalizzato, di quanto nel nostro paese (ma non solo) manchi una cultura del consenso. Il corpo femminile è oggettificato e considerato come a completa disposizione: una proprietà che tutti si sentono legittimati a toccare, commentare e giudicare. Apprezziamo che a Monaco questo tema sia diventato oggetto di dibattito e siamo convinte che la risposta vada trovata nel lavoro educativo e culturale», dichiarano le rappresentanti del Movimento.

A Monaco, intanto, sia i cristiano-democratici della CSU sia i socialdemocratici dell’SPD si trovano d’accordo sulla decisione dell’Assessore Biebl di prendere seriamente la questione della Giulietta tedesca: «Totalmente assurdo, completamente folle» (fonte Bild Zeitung).

Annalisa Mancini

Written By

Annalisa Mancini è nata il 25 dicembre 1979, frequenta l’istituto tecnico per corrispondenti in lingue estere. Dal lago di Garda, dove vive fino al 1998, si trasferisce prima a Trieste per gli studi in Scienze Politiche e poi a Berlino. Completa il suo sguardo sul mondo viaggiando, leggendo e scrivendo, è interessata soprattutto al giornalismo d’inchiesta, alla politica nazionale e internazionale e alle questioni ambientali. Tornata a Verona, fonda una sezione di Legambiente e lavora anche come editor e correttrice di bozze. Ha collaborato con Il Piccolo di Trieste, ilveronese.it, ilgardesano.it, Il Corriere del Garda, Radio Garda FM, RuotaLibera di FIAB, corriereditalia.de. mancini.press@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

COVID 19

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Primo piano

All'indice il "rito sessista" di toccare il seno alla giovane Capuleti tanto che la consigliera Burneleit propone qualcosa di simile per Romeo

Territorio

Alle tre vincitrici un gioiello e una copia in miniatura della scultura "A cuore Aperto", creata da Piera Legnaghi e presente nel giardino del...

Territorio

Da mercoledì 16 a sabato 19 ottobre, Verona festeggia la 24ᵃ edizione di Scrivere per amore. L’apertura ufficiale del festival sarà giovedì 17 ottobre, alle 17.30...

Advertisement