Connect with us

Hi, what are you looking for?

CS

Il fantastico mondo di Federico tra promesse mancate e realtà

Come accade a tutti i Sindaci che governano poco e male, anche Sboarina arriva sul finire del mandato proponendo una visione completamente distorta della realtà, e dimenticando tutte le promesse fatte quattro anni fa. Da aspirante al secondo mandato ci ripropone infatti tutti temi che nella scorsa campagna elettorale aveva assicurato essere di imminente risoluzione, vedi ad esempio il filobus, per il quale non esiste ancora una soluzione, oppure l’Arsenale, dove siamo ancora ai tetti, esattamente al punto in cui l’avevano lasciate le precedenti amministrazioni e con nulla di sicuro davanti. O ancora il “Central Park” che ha copiato in campagna elettorale dal progetto presentato dal Comitato di Verona Sud e che ora nel masterplan ha sensibilmente ridotto nelle dimensioni del parco. Il consolidamento di ponte Nuovo era stato avviato ormai otto anni fa. Quale opera dovrebbe dunque finire Sboarina?

Il primo cittadino gioca con le parole quando dice che con la Variante 29 non è stato consumato suolo. Il suolo è stato consumato eccome, solo che la legge regionale non considera tale quello cementificato nell’ambito della città consolidata e nemmeno quello cementificato con strumenti urbanistici in deroga. Ma di fatto i cittadini veronesi hanno a che fare con un territorio sempre più fragile ed esposto a calamità ed eventi atmosferici violenti.

Sboarina sembra non sapere che la progettazione definitiva del Piano Folin non è obbligatoria in quanto lui stesso e la sua amministrazione hanno permesso di ricorrere allo Sblocca Italia, che non la prevede. Ad ogni modo Fondazione Cariverona ha già illustrato il progetto definitivo alla Prima Circoscrizione. Di che cosa sta parlando, dunque, Sboarina?

Sboarina si confonde sul filobus, che lui stesso ha contribuito ad avviare durante la prima amministrazione Tosi; si confonde sul Piano Folin, che non sarebbe mai partito senza l’attivo consenso della sua amministrazione; si confonde sulla Variante 29. Insomma, il Sindaco sembra vivere in un mondo a parte. E intanto manca anche all’ultima delle promesse riguardo al clientelismo che è ritornato imperante in molte aziende partecipate. Il silenzio è complicità.

Michele Bertucco
consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune

 

Written By

redazione@verona-in.it

1 Comment

1 Comment

  1. ODC

    21/08/2021 at 10:28

    Cronache dall’isola che non c’è.
    A quelli che hanno niente da dire
    Del tempo ne rimane
    Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
    Porterà una trasformazione
    E tutti quanti stiamo già aspettando
    Sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno
    Ogni Cristo scenderá dalla croce
    Anche gli uccelli faranno ritorno
    Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno
    Anche i muti potranno parlare
    Mentre i sordi già lo fanno
    E si farà l’amore, ognuno come gli va
    Anche i preti potranno sposarsi
    Ma soltanto a una certa età
    E senza grandi disturbi qualcuno sparirà
    Saranno forse i troppo furbi
    E i cretini di ogni età

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

COVID 19

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

Presentata al Teatro Romano l'edizione del prossimo Festival Internazionale dei Giochi in Strada; dal 17 al 19 settembre per 101 attività.

CS

Continuano le invasioni di campo del presidente di Cariverona Mazzucco sui temi urbanistici: gli immobili del quadrilatero comprendente le vie Garibaldi, Sant’Egidio, Emilei e...

Ambiente

La compagine ambientalista chiede al Sindaco Federico Sboarina e alla sua Giunta di impegnarsi per discutere e approvare lo stato di emergenza e avviare...

Advertisement