Connect with us

Hi, what are you looking for?

Vangelo

Trovare il coraggio di fermarsi, per dedicare un po’ di tempo a se stessi

Siamo tutti continuamente assillati dal fare. Fermarsi, riposarsi, non è perdere tempo. Ti permette invece di crescere, di star meglio

L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)
L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)

Dal Vangelo di Marco
In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose». Marco 6,30-34

Gesù è un maestro di vita che si preoccupa soprattutto di “formare” delle persone. Attraverso il suo esempio, insegna l’arte di vivere.

Dopo aver condiviso con i suoi discepoli e discepole la loro gioia per il successo della prima esperienza di annunciatori del Vangelo, non si mette a fare ulteriori programmi o progetti, ma li invita a riposarsi.

«Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’».
A lui non interessano i risultati. Bisogna uscire dalla logica della produzione e dallo stress di prestazione. Quello che conta è che la persona stia bene. Nessuno è chiamato ad essere un super-eroe. E nemmeno siamo chiamati a fare gli operai da catena di montaggio.

Siamo tutti fragili. Le nostre forze sono limitate. Per questo bisogna trovare il coraggio di fermarsi, per dedicare un po’ di tempo a se stessi, per riposarsi, per recuperare le forze, per star bene.

Volersi bene non è egoismo. È invece il punto di partenza per aprirsi veramente agli altri.

Siamo tutti continuamente assillati dal fare. Fermarsi, riposarsi, non è perdere tempo. Ti permette invece di crescere, di star meglio.
Il riposo non è “il dolce far niente”. È invece qualche cosa di positivo.
Il riposo per Dio è una festa, il sabato. Il libro della Genesi ci ricorda che “il settimo giorno quando vide che tutto era bello e buono, Dio si riposò”.
Il “sabato”, il riposo, non è l’interruzione del lavoro, ma il tempo prezioso in cui ritrovare e ripensare il senso della vita.
Il riposare ti regala il piacere di contemplare le bellezze della natura, i fiori, il mare, le montagne.  Ti aiuta a vivere in modo più profondo le amicizie, a coltivare nuove relazioni. Il dedicare un po’ di tempo per sé stessi, ti fa riscoprire quanto è importante il silenzio, il leggere, l’ascoltare musica.
Quando siamo stressati tutto diventa più difficile. Se invece siamo rilassati le cose si fanno meglio e anche le relazioni sono più vere e più profonde.
È quello che succede a Gesù: «…Vide una grande folla, ebbe compassione di loro…».
Dopo che si è riposato, non solo vede, ma anche si commuove. Entra in empatia con l’altro. Rivela le sue viscere materne, il suo sguardo pieno di tenerezza.
Gesù ci insegna che per vivere profondamente la propria “umanità” bisogna imparare a saper sempre coniugare il cielo con la terra, il pensare a sé, senza mai dimenticare l’altro che ti sta accanto; essere aperti al mistero, al divino, senza mai dimenticare la vita, la storia.  
Un cristianesimo che si interessa soltanto del “sociale” rischia di confondersi con la politica e le ideologie.
Una fede troppo “intimistica” rischia di ridursi a riti e formule lontane dalla vita.

In sintesi possiamo dire con San Paolo: “cerchiamo sempre le cose di lassù”, ma come ci suggeriva il filosofo Nietzsche: “rimanendo sempre fedeli alla terra”.

Don Roberto Vinco
Domenica 18 luglio 2021

Ma dove corri? Fermati e riposati!
Aiutami a riscoprire
il magico ristoro del riposo.
Insegnami l’arte di sostare un poco
a guardare un fiore,
a chiacchierare con un amico,
ad accarezzare un cane,
a leggere poche righe da un buon libro».

William Edwin Sangster
pastore metodista, scrittore
(Londra 1900–1960)

 

Written By

Don Roberto Vinco, docente di filosofia allo Studio Teologico San Zeno e all'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire di Verona, è collaboratore nella parrocchia di Novaglie. roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Vangelo

È importante farsi degli amici, circondarsi di affetti. Le relazioni sono come i fiori: perché diventino belle bisogna coltivarle

Vangelo

Il Dio del Vangelo è il Dio della gioia. Non è il Dio dei sensi di colpa o della paura. È il Dio innamorato...

Vangelo

Bisogna imparare ad innamorarsi della vita, dei giorni tristi e dei momenti meravigliosi; innanzitutto delle persone

Vangelo

La vera umiltà evangelica non consiste nel negare quello che sei, ma nel mettere al servizio degli altri quello che sei e quello che...

Advertisement