Connect with us

Hi, what are you looking for?

Castelvecchio (foto Giorgio Montolli)
Castelvecchio (foto Giorgio Montolli)

Opinioni

Grande Castelvecchio, il progetto di VeronaPolis per il nuovo museo

L’offerta culturale della nostra città andrebbe programmata attraverso un’organica pianificazione urbanistica

La presenza dei militari a Verona, da cinquant’anni ad oggi, è molto cambiata e, viceversa, è aumentata la domanda di spazi per la cultura, adeguatamente attrezzati.
Il dibattito sull’opportunità di ampliare il museo di Castelvecchio, con l’utilizzo degli spazi ora occupati dal Circolo Ufficiali Unificato, è iniziato molti anni fa.
Un dibattito che avrebbe dovuto riguardare la necessità per il nostro museo di adeguarsi agli standard e alle esigenze di un museo moderno, si è trasformato in una contesa tra chi è pro e chi è contro i militari. Ma non è così; si tratta di discutere se un “Grande Castelvecchio” possa essere un bene per Verona e non se sia un dispetto contro i militari.
Inoltre, su questo tema si stanno confrontando diverse posizioni da parte dei partiti politici, che rischiano di trasformare un dibattito sulla città, in una sorta di campagna elettorale in vista delle prossime elezioni amministrative.

Verona, città d’arte e di cultura, non può rinunciare ad avere un museo all’altezza della sua storia. Con un grande museo di Castelvecchio, la nostra città potrebbe realizzare un interessante itinerario che partirebbe dalla Tomba di Giulietta, sede del Museo degli affreschi, proseguirebbe con la Gran Guardia, sede di esposizioni estemporanee, quindi con il Museo lapidario Maffeiano, con il grande museo di Castelvecchio, per terminare all’Arsenale, sede ideale per ospitare le opere d’arte, ora chiuse nei depositi museali.

L’offerta culturale della nostra città andrebbe poi programmata attraverso un’organica pianificazione urbanistica. Una città d’arte come Verona dovrebbe dotarsi di un progetto di valorizzazione e fruizione ecosostenibile del proprio patrimonio artistico, con l’obiettivo di realizzare un sistema museale in grado di rispondere alle esigenze culturali ed economiche del territorio, riorganizzandolo in una rete che li comprenda tutti.

Il solo luogo dove il museo si potrebbe espandere è all’interno dello stesso complesso scaligero, occupando i locali ora utilizzati dal Circolo Ufficiali Unificato, per il quale è possibile individuare altre sedi altrettanto prestigiose, come richiede la storia della presenza dei militari a Verona.

A tale proposito, voglio ricordare i progetti realizzati gratuitamente da un team coordinato dall’ingegner Maurizio Cossato e dall’architetto Alberto Vignoli per conto dell’Associazione Amici dei Civici Musei D’Arte di Verona, che prevedono l’allargamento del museo nei locali del Circolo Ufficiali e il trasferimento di quest’ultimo in una parte dell’Ospedale militare, con entrata in piazzetta Santo Spirito. 

Rammento che a Roma il Circolo Ufficiali ha accettato di essere spostato dal prestigioso Palazzo Barberini, dove è stata realizzata una galleria di arte antica, in un’altra sede di circa 600 mq.

Giorgio Massignan
VeronaPolis

Written By

4 Comments

4 Comments

  1. Silvio Tornieri

    22/05/2021 at 17:22

    Molto interessante, porterebbe a rivivere la stagione delle mostre di palazzo Forti organizzate da Giorgio Cortenova. Attiravano (30 anni fa..) visitatori da tutta Italia, ricordo le paginate sul Venerdì di Repubblica…Con l’attuale ricettività della città il rapporto numero di presenze/qualità del soggiorno aumenterebbe notevolmente.

  2. Marcello Toffalini

    23/05/2021 at 15:21

    Bella la satira di Gianfalco. Non penso proprio allo zampino dell’Alpino della Sanità, quanto alle solite e solide zampe degli amici degli amici (troppo presenti in questa città di Caserme e troppo poco sensibili all’arte e ai Musei). Val la pena però insistere: l’iniziativa di Verona-Polis può servire a dare agli Ufficiali una degna locazione e alla Città un grande Museo.

  3. M.

    24/05/2021 at 11:08

    Una buona idea potrebbe essere anche quella di creare ex-novo piccoli spazi espositivi permanenti per collocare le raccolte museali dei depositi cittadini ma anche ospitare mostre temporanee di altre importanti gallerie europee. Creare questo in aree periferiche dove ci sono spazi verdi(ex Scalo Merci-Forte Santa Caterina, Quadrante Europa,parco Passalacqua…)
    M.

  4. Giorgio Massignan

    24/05/2021 at 11:52

    Devo precisare che l’iniziativa è della “Civica Alleanza”, formata da cittadini e associazioni e di cui anche VeronaPolis ne fa parte.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

Tra giugno e ottobre 2021 Verona celebra il Sommo Poeta con una mostra diffusa in collaborazione con Ravenna e Firenze.

Opinioni

L'assessore Segala ha iniziato il suo mandato annullando alcune delle peggiori delibere della Giunta Tosi ma poi i compromessi hanno prevalso

Spettacoli

MUSEO DI CASTELVECCHIO. Per l’esposizione temporanea del dipinto Ritratto di W.A. Mozart all’età di 13 anni, saranno eseguiti da giovani artisti dei mini concerti...

Advertisement