Connect with us

Hi, what are you looking for?

Farmacia
Farmacia

Territorio

Vaccino in farmacia, sono 150 i presidi disponibili a Verona

Le dichiarazioni di Elena Vecchioni, presidente di Federfarma, e di Carlo Rugiu, presidente dell’Ordine dei medici

Il 29 marzo è stato siglato un accordo quadro tra Federfarma, Assofarm, Governo e Province autonome per la somministrazione dei vaccini anti-Covid nelle farmacie, come previsto dalla Legge di Bilancio 2021 e dal decreto Sostegni. Il via alle vaccinazioni nelle farmacie era previsto per metà aprile, ma in alcune Regioni non sono ancora iniziate, come anche in Veneto.

Dopo la definizione dello schema dell’accordo per gli aspetti tecnici e organizzativi, le farmacie hanno dovuto indicare, entro il 7 aprile e attraverso le Associazioni provinciali, la loro disponibilità alla conversione in punti di vaccinazione, così da essere inserite nel piano di distribuzione dei vaccini. Al 9 aprile, come riporta Federfarma, erano 10.400 le farmacie – sulle circa 18 mila associate su tutto il territorio nazionale – che hanno aderito, più 600 farmacie comunali, per un totale di 11 mila.

Come ci spiega Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona, il territorio veronese ha risposto bene alla richiesta volontaristica del governo: «A Verona sono 154 le farmacie che si sono rese disponibili, di cui 62 rurali. A queste si sono poi aggiunte 7/8 farmacie in attesa di essere inserite. Una data di partenza precisa ancora non c’è perché tutto è declinato al protocollo regionale. Nel frattempo stiamo portando avanti la formazione necessaria, che prevede sia una parte teorica che una parte pratica, per la certificazione dei farmacisti all’inoculo».

Sarà poi il protocollo regionale, declinato alle singole Ulss, a definire la gestione per il rispetto delle cinque fasi della vaccinazione, sulle quali le farmacie stanno facendo formazione (anamnesi, acquisizione del consenso, preparazione del vaccino, osservazione e consegna del certificato firmato da operatore sanitario abilitato) –, la logistica e la distribuzione delle dosi nelle farmacie.

«La gestione delle fasi sarà più specifica e molto precisa compatibilmente con le esigenze di una sede vaccinale più piccola. La farmacia inoltre non vaccinerà il paziente fragile, che sarà gestito dal medico di medicina generale, ma la popolazione ordinaria, secondo i criteri del Piano vaccinale. Può essere anche che la campagna vada avanti con altri termini ma l’importante è che sia stata data la disponibilità di sedi e operatori per rafforzare la task force» conclude la presidente Vecchioni.

≪Quello che manca adesso sono le dosi disponibili, non i vaccinatori – spiega Carlo Rugiu, presidente dell’Ordine dei medici di Verona –. Si sono offerti quasi 200.000 medici, non c’è carenza di personale. La campagna vaccinale è a rilento soprattutto per l’approvvigionamento dei vaccini. La posizione deontologica dell’Ordine è quella di non essere d’accordo alla vaccinazione nelle farmacie, perché il vaccino non è solo l’inoculazione ma anche tutta la fase di anamnesi del paziente, di valutazione del rischio e di osservazione post vaccinazione».

«Ogni medico segue 1500 pazienti prosegue Rugiu – ogni gruppo di medicina integrata quindi potrebbe vaccinare un migliaio di persone perché ogni medico mediamente vaccina il 20% dei propri assistiti quindi un 300-350 persone. Potrebbero vaccinare nelle sedi della provincia, oppure ricorrere alla vaccinazione a domicilio per i pazienti allettati, 20.000 nella provincia di Verona. Quello a cui noi dobbiamo arrivare, per uscire dalla pandemia, è che tutta Italia, come l’Europa, sia vaccinata in modo paritetico».

Cristiana Ceccarelli

Cristiana Ceccarelli è toscana, nata in provincia di Pisa nel 1995. Attualmente è residente a Verona ma il dialetto è per lei ancora un po' ostico. Ha vissuto a Londra e adesso studia Editoria e Giornalismo all'Università di Verona. cristianaceccarelli311@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Meteo

Temperature ancora di qualche grado sotto i valori normali con massime tra 20 e 22 gradi e minime sui 10-12 gradi

Il Vangelo

Marco chiude il suo vangelo con una frase che ci regala tanta speranza: «Essi partirono e… il Signore agiva insieme con loro».

Cultura

Dalla Dedizione del 1405 alla costruzione della Dogana Fluviale. Il 6 giugno la visita guidata per rivivere i luoghi del dominio veneziano.

Opinioni

Accorato appello a imprenditori e professionisti perché dedichino le loro migliori energie alla città dove hanno costruito la loro fortuna

Advertisement