Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cultura

Cinema e città: gli spazi urbani e la loro rappresentazione visiva

Martedì 27 aprile 2021, il primo incontro del ciclo organizzato da Ri-Ciak cinema di comunità e Università di Verona.

Ri-Ciak - ViveVisioni - cinema e città
Ri-Ciak - ViveVisioni - Foto di Luciano Perbellini

Le città di Fellini: immagini paesaggi, forme di vita è il primo incontro del ciclo Cinema e città organizzato da Ri-Ciak cinema di comunità e Università di Verona dedicato a come il cinema ha rappresentato gli spazi urbani. L’appuntamento in programma martedì 27 aprile 2021, dalle 18:30 alle 20:30, sarà condotto a distanza da Marco Bertozzi, regista e professore di Storia del Cinema all’Università IUAV di Venezia, dove dirige un laboratorio di Cinema documentario. L’Italia di Fellini: immagini, paesaggi, forme di vita è il titolo del libro di Marco Bertozzi, edito recentemente da Marsilio, dove viene messa  in luce l’estetica del grande regista, in un perenne rapporto dialettico fra locale e universale.

Il secondo appuntamento del ciclo Cinema e città, dal titolo Film d’azione… in quartiere, si terrà invece il 25 maggio, dalle 18:30 alle 20:30, e sarà condotto dalla regista Anna Marziano, studentessa dell’ateneo veronese. recentemente Marziano ha vinto il Premio Speciale della Giuria al Torino Film Festival 2020 con il documentario Al largo. Seguiranno nei mesi successivi altri incontri, sempre dedicati a come il cinema ha rappresentato gli spazi urbani.

Il ciclo di incontri online Cinema e città è il primo atto, frutto della convenzione stipulata tra l’ateneo di Verona e l’associazione ViveVisioni, promotrice del recupero dell’ex sala cinematografica. L’accordo quadro della durata di 3 anni ha come obiettivo sviluppare tutte le potenzialità di valorizzazione del patrimonio culturale e di rigenerazione del contesto urbano in cui ViveVisioni è inserita. 

È possibile seguire il ciclo Cinema e città registrandosi al link http://bit.ly/iscrizionecinemacitta

Cinzia Inguanta

Advertisement. Scroll to continue reading.
Written By

Nasce a Firenze il 4 giugno 1961, sposata con Giuliano, due figli: Giuseppe e Mariagiulia. Alcuni grandi amori: la lettura, il cinema, il disegno, la fotografia, la cucina, i cinici, le menti complicate e le cause perse. Dopo la maturità scientifica, s’iscrive al corso di laurea in medicina e chirurgia per poi diplomarsi in design all’Accademia di Belle Arti Cignaroli. Nel 2009 s’iscrive alla Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca. Giornalista pubblicista dirige Radio Popolare Verona, già direttrice del magazine online Verona-IN con il quale continua a collaborare coordinando la redazione spettacoli e scrivendo di libri. Nel 2006 ha curato la pubblicazione di La Chiesa di Verona in Sinodo e di Il IV Convegno Ecclesiale Nazionale, nel 2007 di Nel segno della continuità. Nel 2011 l’esordio letterario con la pubblicazione del suo primo romanzo Bianca per la casa editrice Bonaccorso. Alcune sue poesie sono pubblicate nel 2° volume della Raccolta di Poesie del Simposio permanente dei poeti veronesi (dicembre 2011), altre sono pubblicate nella sezione Opere Inedite sul blog dedicato alla poesia di Rainews. cinzia.inguanta@email.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Editoriale

Buona parte dei neolaureati, dopo anni di inutili tentativi, decide di cambiare l'obiettivo professionale mentre i più fortunati raggiungono la soglia degli anta prima...

Opinioni

Ci sono problemi tanto evidenti quanto in gran parte ignorati dalla classe dirigente e dalla politica, che appare priva di idee e di proposte

Cultura

A breve sarà in vendita il libro di Morello Pecchioli dedicato all'economista, con un taglio che privilegia il suo legame con la patria nativa

Spettacoli

TEATRO ROMANO. L'allestimento segna il debutto dell'artista belga Jan Fabre all'Estate Teatrale Veronese; testo di Ruggero Cappuccio

Advertisement