Connect with us

Hi, what are you looking for?

La Gran Guardia di Verona illuminata con il Tricolore per i 100 anni della Sezione ANA di Verona

Lettere

Verona volti pagina e celebri con dignità la Festa della Liberazione

Verona volti pagina e celebri con dignità la Festa della Liberazione

La nomina a presidente della Commissione sicurezza del consigliere comunale Andrea Bacciga, recentemente passato alla Lega, non mi ha per nulla sorpreso. Anzi, mi ha fatto ricordare alcuni fatti che nel passato hanno visto e confermato che a Verona le varie formazioni della destra politica hanno sempre trovato e avuto vasta accoglienza. Ciò anche in relazione al fatto che larga parte dell’elettorato, ma anche della borghesia veronese, da anni non fa più caso a simili scelte che avvengono all’interno della amministrazione locale.

Ci sono stati in passato presidenti di società partecipate del Comune di Verona che hanno fatto parte di gruppi musicali estremisti. Oppure assessori alla Sicurezza che hanno voluto dotare la Polizia municipale di strumenti come gli sfollagente identici ai manganelli, proponendo persino copricapi simili ai Fez delle Camice nere di antica memoria. Senza dimenticare che, recentemente, esponenti del Consiglio comunale hanno proposto persino di dedicare una strada o una piazza a Giorgio Almirante,  già dirigente del Partito Nazionale Fascista ed ex fondatore e segretario del Movimento Sociale Italiano.

Ho ricordato altre volte come la nostra città, e la sua provincia, siano state sedi e abbiano offerto vaste testimonianze di orientamenti verso movimenti estremisti ed eversivi, come ad esempio l’organizzazione paramilitare conosciuta come “la Rosa dei Venti”, all’interno della quale hanno operato per anni anche alti ufficiali delle Forze Armate. Ricordo infine come Verona sia stata più volte in passato sede di appartenenti ad apparati deviati, come l’organizzazione “Gladio”, facente parte di servizi segreti operanti all’interno dell’Esercito.

Per queste ragioni mi auguro che la città di Verona, insignita di Medaglia d’Oro al Valore Civile nel 1991 e di Medaglia d”Oro al Valore Militare nel 1993, per il suo valoroso impegno nella lotta di liberazione dal fascismo, sappia reagire, scrollandosi di dosso l’indifferenza-mista ad una deleteria apatia, e che non solo il consigliere Bacciga, ma l’intero Consiglio comunale della nostra città, sindaco compreso, possano incontrare non più l’indifferenza della politica e di tanta gente veronese, ma un impegno attivo delle forze politiche democratiche, della società civile, delle forze sociali e delle organizzazioni sindacali presenti sul nostro territorio.

Mi aspetto pertanto che di ciò sia data prova con una convinta partecipazione, pur in presenza delle limitazioni imposte dalla pandemia in atto, sin dalle imminenti iniziative che saranno promosse per celebrare il prossimo 25 aprile.

Giuseppe Braga 

Written By

Giuseppe Braga è nato a Verona il 12 giugno del 1943. Ha lavorato alle Officine e Fonderie Leopoldo Biasi di Verona. È stato dirigente e membro della segreteria FIMCISL di Verona; dirigente e Segretario generale Federchimici CISL di Verona; Segretario generale SICET CISL di Verona e Responsabile organizzativo Confederazione; consigliere di terza Circoscrizione in Borgo Milano. Durante l’attività sindacale ha ricoperto varie cariche. giuseppe.braga@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

100 anni fa, dopo l'accordo tra Giolitti e Mussolini, la spedizione "liberale" contro il Corriere del Mattino, quotidiano popolare e antifascista.

Territorio

Il vessillo dell'RSI allo Stadio, il Coronavirus che si prende la scena dopo le polemiche tra il Sindaco Sboarina e l'ANPI per la partecipazione...

CS

Da La città che sale riceviamo e pubblichiamo. 75 anni dopo la bombe, le devastazioni, il sangue, la dittatura; dopo le leggi contro gli...

Advertisement