Connect with us

Hi, what are you looking for?

Il Vangelo

La risurrezione di Gesù non si dimostra ma si vive ogni giorno

È nei gesti concreti che l’Eucarestia da rito diventa vita. Una fede adulta deve essere sempre impregnata di umanità.

Dal Vangelo di Luca
In quel tempo, i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus narravano agli Undici e a quelli che erano con loro ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto Gesù nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni». Luca 24,35-48

I racconti delle apparizioni di Gesù risorto sono piuttosto misteriosi e contengono molte contraddizioni. È un Gesù che “appare a porte chiuse”. All’inizio i discepoli non lo riconoscono e addirittura pensano che sia un “fantasma”. Poi “mangia con loro del pesce arrostito” e quasi sempre, dopo aver mangiato, sparisce.

È importante tener presente che non sono delle cronache, ma racconti simbolici e teologici che devono essere interpretati alla luce della fede. Il loro intento è quello di farci capire come le prime comunità cristiane hanno vissuto l’esperienza della risurrezione.

Il “credere”, sia per i primi discepoli, sia per noi, è una esperienza affascinante, ma spesso anche faticosa, lenta, difficile. Non si può spiegare un “mistero”. Se lo spiego non è più un mistero. La risurrezione di Gesù non si dimostra, ma si vive.

Qual è l’esperienza profonda che ha trasformato i primi discepoli da gente piena di paura a persone che hanno avuto il coraggio di andare a testimoniare il Vangelo nel mondo? “… lo riconobbero allo spezzare del pane”. Tutti i racconti concordano su un fatto: è il momento in cui mangiano assieme, quando condividono quello che sono e quello che hanno, che fanno esperienza della presenza di Gesù risorto in mezzo a loro. Il mangiare assieme è uno dei segni più belli per creare legami, per fare comunione.

Il vero “miracolo” della risurrezione avviene quando io vivo concretamente il Vangelo. Quando riesco a fare della mia vita un dono, quando faccio esperienza di relazioni profonde. Qual è il pericolo? “… non sono un fantasma. Guardate, toccate, mangiamo assieme”. Il pericolo è che Cristo anche oggi rimanga solo un “fantasma”.

Ma dove oggi possiamo taccarlo, vederlo? È proprio Gesù che ci dice: “Avevo fame e mi hai dato da mangiare… ero malato e sei venuto a trovarmi…”. La “carne” di Cristo oggi la vedo e la tocco nelle persone, nei volti che incontro ogni giorno. Nelle lacrime di una madre disperata. Nel corpo malato di chi è costretto a letto in un ospedale. Nella crisi di un giovane che non trova lavoro e non può pensare al futuro. Nella solitudine di un anziano.

Il “corpo risorto” di Cristo sono le donne e gli uomini che lottano per un mondo più umano. È facile commuoversi di fronte ad un crocifisso. Ma se non imparo io ad abbracciare i tanti “poveri cristi” che incontro nella mia vita, la mia fede rimane puro sentimentalismo. È nei gesti concreti, che la nostra “Eucarestia” da rito, diventa vita. Una fede “adulta” e non ingenua o infantile, deve essere sempre impregnata di umanità.

Spesso mi chiedo: chi mi incontra, incontra un fantasma o incontra un sorriso, uno sguardo, una mano disposta ad aiutarlo?

Don Roberto Vinco
Domenica 18 aprile 2021

Written By

Don Roberto Vinco è parroco a San Nicolò all'Arena (Verona). roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Il Vangelo

Marco chiude il suo vangelo con una frase che ci regala tanta speranza: «Essi partirono e… il Signore agiva insieme con loro».

Il Vangelo

Il discorso durante l’ultima cena, subito dopo aver lavato i piedi ai suoi discepoli, può essere considerato il testamento spirituale di Gesù

Il Vangelo

Non c’è bisogno di penitenze, ma di frutti, cioè di gesti concreti che diano sapore alla vita.

Il Vangelo

Dobbiamo passare dal linguaggio della ragione, che pretende di vedere e spiegare a quello del cuore, che si preoccupa soltanto di amare

Advertisement