Connect with us

Hi, what are you looking for?

Federico Sboarina
Federico Sboarina

Territorio

Sboarina: «Bene i ministeri che interessano le partite veronesi»

«A Verona per le infrastrutture, ferme agli anni ’50, servirebbero 100 milioni di euro, altri 10 per la digitalizzazione dell’intera città»

«La velocità nella composizione e la buona rappresentanza del Nord sono un segnale che serve ai nostri territori, tutti però aspettiamo il Governo Draghi al varco delle prove importanti per il Paese» ha dichiarato il sindaco di Verona Federico Sboarina in merito alla lista dei ministri stilata dal presidente del Consiglio incaricato e presentata ieri al Paese.

«Da sindaco di Verona confido in risposte importanti dalle figure scelte nei due ministeri con i quali la nostra città ha relazioni aperte: Cultura e Infrastrutture. Con la riconferma di Dario Franceschini possiamo continuare la condivisione sul tema della legge speciale per Fondazione Arena, mentre l’esperienza in sviluppo sostenibile di Enrico Giovannini sarà utile per l’ammodernamento del progetto filovia che è in corso. Indubbio vantaggio per la nostra città verrà senz’altro dall’ormai consolidato pragmatismo di Giancarlo Giorgetti in un dicastero saliente come lo Sviluppo economico e di Erika Stefani alla Disabilità, che è un tema molto caro alla mia Amministrazione. Anche dai ministri di Forza Italia mi aspetto una particolare attenzione per i nostri territori, soprattutto sul tema tanto caro ai veneti dell’autonomia».

«Detto questo, non è tutto oro quel che luccica – prosegue Sboarina –. Abbiamo davanti mesi ancora duri sia sul fronte della pandemia ma soprattutto su quello della ripresa economica. Uno snodo non più rinviabile e che rappresenta la vera cartina di tornasole di Draghi. Su una cosa saliente misurerò il suo agire, sul ruolo degli enti locali nella distribuzione del Recovery fund e del taglio alla burocrazia. » e le figure a cui le comunità locali chiedono aiuto.

«Sappiamo bene cosa serve alle nostre città – conclude il primo cittadino – e senza tante burocrazie dovremmo poter disporre delle risorse per generare ricchezza. Solo a Verona per le infrastrutture, ferme agli anni ’50, servirebbero 100 milioni di euro, altri 10 per la digitalizzazione reale dell’intera città. Ma molte altre sono le voci stimate che avrebbero bisogno di modernizzazione e che potrebbero mettere in circolo ossigeno rigenerante per dare opportunità alle ‘Nuove generazioni’, come dice il titolo del piano. Questo mi aspetto dal presidente Draghi, che capisca la valenza strategica dei territori e che sia un supporto concreto e tangibile per far ripartire le nostre imprese, le nostre attività commerciali e il nostro turismo”.

Written By

1 Comment

1 Comment

  1. ODC

    13/02/2021 at 23:25

    Spiritoso e di animo gentile: fa parte dell’unico partito all’opposizione di questo governo e ha già assegnato i compiti per casa degli altri. Se fosse rimasto un giudice a Berlino….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Meteo

Temperature ancora di qualche grado sotto i valori normali con massime tra 20 e 22 gradi e minime sui 10-12 gradi

Il Vangelo

Marco chiude il suo vangelo con una frase che ci regala tanta speranza: «Essi partirono e… il Signore agiva insieme con loro».

Cultura

Dalla Dedizione del 1405 alla costruzione della Dogana Fluviale. Il 6 giugno la visita guidata per rivivere i luoghi del dominio veneziano.

Territorio

Il progetto prevede che si metta subito mano a coperture e sicurezza antisismica, interventi il cui studio di fattibilità è datato fine 2017

Advertisement