Connect with us

Hi, what are you looking for?

Verona

Lettere

Il cielo sopra Verona, un segno di speranza in questi mesi difficili

Nubi stratificate a contrasto con azzurri intensi e tonalità cremisi hanno sostituito la foschia a cui eravamo abituati

Da molti mesi ormai, la natura ha iniziato a riprendersi progressivamente gli spazi che l’audacia dell’uomo le aveva tolto. Sono stati avvistati diversi animali selvatici nei pressi dei centri abitati: lepri, caprioli, volpi e anche cinghiali. Attirati dal cibo e dall’assenza delle persone hanno iniziato ad allargare il loro territorio verso le nostre piazze e i nostri giardini. La scorsa primavera, quando siamo tornati per le strade, le abbiamo trovate prese d’assalto dalle erbacce in ogni crepa. Fiori che avevamo dimenticato sono riapparsi nei parchi e nelle aiuole.

Ma la cosa più particolare che sta regalando la natura a noi veneti in questo periodo è il cielo: albe e tramonti con sfumature e colori che finora la nostra generazione aveva visto solo nei quadri di Paolo Veronese o del Tintoretto. Nubi stratificate a contrasto con azzurri intensi e tonalità cremisi sostituiscono la foschia a cui eravamo abituati e che attutiva ogni passaggio tonale.

L’inquinamento dell’aria della nostra pianura non registra purtroppo notevoli variazioni, essendo per conformazione naturale il bacino in cui si raccoglie le PM10. Nonostante questo qualcosa è cambiato in modo sostanziale e forse dovremmo davvero chiederci in che direzione vogliamo andare per nostro futuro e per quello dei nostri figli.

Condividi questo articolo sui social, aggiungendo una tua foto del cielo della nostra splendida città: dimostriamo insieme che il bello si trova anche nei momenti più difficili!

Erna Corsi

Redazione2
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

INTERVISTA – Migliorati: «Nella sua semplicità la parola "noialtri" ci spiega che appartenere a qualcosa o a qualcuno è un bisogno primario, che oggi...

Meteo

Nel bacino padano durante il periodo di blocco per il Covid si è registrata una riduzione del 30-40% del biossido di azoto

Il Vangelo

Possiamo scegliere di vivere il Coronavirus con il coraggio di chi sa «trasfigurare» una situazione di grave crisi in una opportunità

Territorio

INCHIESTA – Per l'assessore alla Sicurezza Padovani esagerato parlare di emergenza. Filippi (SIULP): «Non usiamo le bande giovanili per giustificare altri fenomeni».

Advertisement