Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Scuola, una falsa partenza. Ora avanti con il piano B

Scuola

“L’ordinanza del governatore Zaia che provvede a far slittare in avanti il lockdown per le scuole secondarie superiori fino al 31 gennaio è tardiva e ambigua: nei giorni scorsi è stato fatto un grande sforzo di coordinamento tra prefettura di Verona, ufficio scolastico regionale, provinciale e ATV per il piano di raccordo tra orario di inizio e termine attività didattiche e orario di servizio trasporto. Le incertezze sulla ripartenza delle scuole erano ampiamente prevedibili e andavano risolte per tempo introducendo misure aggiuntive che come Sindacato abbiamo ribadito al tavolo prefettizio del 4 gennaio delineando un “piano B” così articolato: un ulteriore sforzo per servire gli spostamenti degli studenti degli istituti tecnici professionali che provengono in buona misura dalla provincia e che con l’attuale modulazione degli orari rientrerebbero a casa a sera inoltrata; un sistema di condivisione delle emergenze che identifichi i focolai emergenti e la loro gravità; la verifica e l’eventuale aggiornamenti dei protocolli di sicurezza nei vari istituti; semplificazioni nella nomina dei supplenti”. Così Beatrice Pellegrini, segretaria provinciale Flc Cgil Scuola, che aggiunge: “Questo continuo procrastinare ci riporta agli errori commessi a settembre con incalcolabili danni educativi ad un territorio ed un Paese che vede ancora livelli altissimi di abbandono scolastico e di giovani che non studiano e non lavorano. La scuola va fatta in presenza e in piena sicurezza. Da qui non si scappa”.
Sul nuovo piano del potenziamento dei trasporti interviene Raffaello Fasoli segretario Filt Cgil Verona “L’ipotesi di ripartenza delle scuole al 7 gennaio poggiava su alcune ipotesi: ore di lezione da 50 minuti; orari l’ingresso e l’uscita variabili e scaglionati fra le 8.00 e le 9.30 e fra le 12.30 e le 16.30; rinforzo delle linee extraurbane con autobus Ncc privati per un totale di circa 70 mezzi; impiego di personale ausiliario esterno da agenzia per le operazioni di incarrozzamento visto che i mezzi possono viaggiare al 50% del carico. La nota stonata è che Verona sembra fare il contrario di quello che accade nel resto del Veneto dove si esce con tutto il servizio disponibile spostando i servizi dalle ore di morbida alle ore di necessità per poi affidare all’esterno ciò che non si riesce a gestire. Da noi invece si mantengono le frequenze prefestive del sabato con rinforzi all’occorrenza. Questo porta a mantenere in azienda uno strutturale esubero di personale che non viene impiegato. Inoltre non ci mette nelle condizioni di farci trovare pronti quanto la scuola ritornerà a pieno regime”.
Conclude il segretario generale della Camera del Lavoro Cgil Verona Stefano Facci: “Il Sindacato non nega gli sforzi che stanno facendo le aziende di trasporto, le aziende sanitarie e le scuole, constatiamo tuttavia che per mancanza di determinazione e forse anche di volontà politica, i piani predisposti e le azioni intraprese non riescono ad andare a decollare assicurando a tutti i nostri ragazzi il pieno diritto allo studio. È un anno che ci ripetiamo che dobbiamo imparare a convivere con il virus ed è tempo che questo proposito venga concretizzato a partire dalla scuola”.

Written By

redazione@verona-in.it

1 Comment

1 Comment

  1. Marcello Toffalini

    07/01/2021 at 18:04

    Giustamente Facci (CGIL) sostiene che “dobbiamo imparare a convivere con il virus ed è tempo che questo proposito venga concretizzato a partire dalla scuola”. Non c’è più tempo da perdere: potremmo doverci scontrare con l’ordinanza di Zaia per ristabilire il diritto primario all’Istruzione sulle comprensibili esigenze dell’economia. Persino Stefano Allievi, sul Corriere del Veneto del 6/1, sembra prendere le distanze dal nostro “governatore”, quando stronca chi, in campo scolastico, è per una “soluzione semplice ad un problema complesso”, com’è quella del rinvio delle lezioni (in presenza) al 31 Gennaio, vero “alibi per inefficienze originate altrove” (cioè fuori dalla Scuola).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Opinioni

Anche in questo settore scuola, università e sistema formativo e la loro integrazione rappresentano gli strumenti essenziali per la qualificazione dell’offerta di lavoro

Opinioni

Penuria di idee e una classe dirigente non all'altezza penalizzano il territorio mentre andrebbero riqualificate le eccellenze puntando sull'innovazione

Opinioni

Seggi elettorali fuori dalle scuole per non perdere ore di lezione, controlli sull'accoglienza turistica per contrastare l'abusivismo, spazi e rispetto per le persone diversamente...

Opinioni

Questa festa ci aiuta a capire che dalle difficoltà dovute alla pandemia e alla crisi globale si esce solo recuperando il senso della solidarietà

Advertisement