Connect with us

Hi, what are you looking for?

Opinioni

Case vuote di persone, ma piene di ricordi dei bei Natali di un tempo

In passato l’Evento si preparava con anticipo e cura: ognuno aveva un compito preciso. Poi un giorno il mondo cambiò e l’incanto si ruppe.

Un Natale surreale: una città in rosso, deserta, desolata, spenta…. solo il rumore de l’Adese che inesorabile scorre. A ricordare l’atmosfera natalizia, a rinnovare l’annuncio che un evento straordinario illo tempore è accaduto segnando i due millenni della nostra storia occidentale, solo le celebrazioni religiose e i rintocchi delle campane e lo sfavillio delle luminarie che quest’anno campeggiano solitarie nel cielo. Nella maggior parte delle case, silenzio, intimità, solo in alcune più fortunate il desco imbandito riunisce gli affetti familiari. Per i più è solitudine e caos emotivo.

Inevitabile diviene allora abbandonarsi ai ricordi, ai bei Natali trascorsi insieme, quando era scontato ritrovarsi almeno a Natale. I ricordi, come alla moviola, riaggallano e ci riportano a Festività lontane, ai tempi in cui l’Evento era preparato con molto anticipo e cura, secondo tradizione. In quelle occasioni, ognuno aveva dei compiti precisi. In particolare, a noi bambini/e  toccava la ricerca del muschio fresco per il presepe, rispolverare dai bauli le vecchie statuine colorate  di gesso, recuperare la carta dipinta di stelle, disegnare la stella cometa, ingegnarsi perché, con pochi e poveri  strumenti, ne uscisse un capolavoro. Alla mamma spettava invece l’organizzazione del pranzo, una sorta di memorabile pranzo di Babette che comportava, dalle mie parti, per la vigilia la preparazione dei tortelli di zucca e anguilla marinata e per Natale gli agnoli, i lessi con gallina ripiena, accompagnata da pearà, mostarde e purè. Oculata dunque doveva essere la scelta della zucca, asciutta, pastosa, saporita,  e delle carni magre o intrecciate giuste per il bollito, per il ripieno degli agnoli, a partire dalla gallina che sapientemente imbottita trionfava poi sulla tavola imbandita. Come d’obbligo la pasta era tirata in casa e noi bambini tutti ingaggiati a chiudere montagne di agnoli che dovevano durare per tutte le feste.

Allora non c’erano il sig. Conad, Migros, Pam e tutto veniva conservato e cucinato in casa, unico supporto eccezionale il forno del paese per cuocere qualche dolce particolare. L’unico lusso, ricordo, il panettone Motta, quello di Milano, offerto  da qualche parente di passaggio. Non mancavano i doni portati da Babbo Natale o dalla Befana. Era per noi bambini la magia della sorpresa, che si univa all’attesa della nevicata. Poi l’incanto si ruppe e il mondo cambiò

Soldi, benessere, il trionfo del commercio, l’arrivo dei Centri Commerciali, dei Supermercati, la follia del consumismo ebbero la meglio. E il Natale si tramutò in un’orgia sfrenata di merci, affari, viaggi, ristoranti. Nonostante un Bambino continuasse a nascere e a ricordarci l’umiltà di una mangiatoia. Ed ora eccoci qui.

Corinna Albolino

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Written By

Originaria di Mantova, vive e lavora a Verona. Laureata in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, si è poi specializzata in scrittura autobiografica con un corso triennale presso la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Arezzo). In continuità con questa formazione conduce da tempo laboratori di scrittura di sé, gruppi di lettura e conversazioni filosofiche nella città. Dal 2009 collabora con il giornale Verona In. corinna.paolo@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Interviste

INTERVISTA – Andrea Brugnoli: «Dal 2016 pubblichiamo ricerche documentate sulla tradizione del territorio scaligero, disponibili in forma gratuita»

Opinioni

Anche a Verona nascono nuove povertà legate all'emergenza sanitaria, che riguardano in particolare coloro che hanno perso il lavoro e molte persone anziane

Opinioni

Continua l'indagine della Procura di Bergamo sulle prime fasi della pandemia e sul mancato aggiornamento del Piano anti-pandemico

Opinioni

Gli auguri ai giovani, alle donne, agli ultimi, ai perseguitati, abbracciando Patrick e ricordando Giulio, e auguri anche a Verona In

Advertisement