Connect with us

Hi, what are you looking for?

Il Teatro Comico - Compagnia e Produttori
Il Teatro Comico, compagnia e produttori

Spettacoli

Il Teatro Comico di Carlo Goldoni prodotto da PPTV e Teatro Stabile Veneto

Un progetto produttivo unitario e condiviso che vede coinvolte sei realtà produttive professionali venete con Giulio Scarpati e la regia di Eugenio Allegri.

Al via le prove de Il Teatro Comico di Carlo Goldoni ideato da Produttori Professionali Teatrali Veneti (PPTV) associazione costituita da sei realtà produttive professionali venete: Ensemble, Pantakin, Tam, Teatro Scientifico, Theama, Tib e coprodotto dal Teatro Stabile Veneto. PPTV ha al suo attivo l’organizzazione di Sguardi, Festival del Teatro Contemporaneo Veneto, che si è svolto in ogni città sede di una delle compagnie PPTV: Vicenza, Venezia, Padova, Verona, Belluno. I produttori teatrali professionali veneti, riuniti in PPTV (il cui presidente è Labros Mangheras), sono imprese venete di produzione che da decenni svolgono un importante lavoro sul territorio. In un momento in cui molte realtà teatrali si sono fermate a causa dell’emergenza sanitaria, PPTV risponde alla grave situazione causata da Covid 19 facendo squadra per la creazione di un progetto produttivo unitario e condiviso che vede coinvolte tutte le sue strutture. Con questo progetto dal significativo titolo 6X1 PPTV intende, in un momento di grande difficoltà per il settore della produzione, tutelare il lavoro dei suoi associati costruendo un esempio di buona pratica attraverso un’esperienza che unisce non solo i singoli produttori, ma anche le loro risorse in un percorso produttivo unitario che rappresenta un unicum originale e inedito nel panorama regionale. Ai sei produttori si aggiungono l’importante collaborazione con il Teatro Stabile Veneto che partecipa come coproduttore e il sostegno della Regione Veneto.

In questi giorni è iniziata la prima fase del lavoroIl Teatro Comico, la prima delle 16 commedie nuove che Carlo Goldoni scrisse a partire dal 1750 per l’impresario Medebach, è un testo metateatrale (in scena una compagnia impegnata nelle prove di uno spettacolo) estremamente moderno nella sua concezione, esempio di teatro nel teatro da cui emergono gli intenti della riforma goldoniana. In un periodo critico come quello che stiamo attraversando, la scelta di questo testo invita a una riflessione sul mestiere dell’attore e sulle sue difficoltà, sul teatro e sulle sue poetiche.
La regia de Il Teatro Comico è di Eugenio Allegri che firma anche l’adattamento. Il protagonista è Giulio Scarpati. In scena accanto a lui in ordine alfabetico: Grazia Capraro, Aristide Genovese, Vassilij Mangheras, Manuela Massimi, Solimano Pontarollo, Irene Silvestri, Roberto Vandelli, Anna Zago. Scene e costumi Licia Lucchese. Video arte e suono Alessandro Martinello. Aiuto regia Alessia Donadio. Il debutto è previsto a primavera 2021.

il teatro comico - Giulio Scarpati

Giulio Scarpati



Giulio Scarpati, protagonista de Il Teatro Comico, sale sul palco a soli 12 anni e il teatro rimarrà una costante della sua vita professionale. Lavora tra gli altri con registi come Aldo Trionfo, Antoine Vitez, Gianfranco De Bosio, Ermanno Olmi, Elio De Capitani, Massimo Castri, Maurizio Scaparro, Gigi Dall’Aglio, Pietro Garinei, Alessandro Gasmann, Nora Venturini, passando dai classici al teatro contemporaneo e anche alla commedia musicale con Aggiungi un posto a tavola. Ci piace ricordare Orfani con Sergio Fantoni, L’idiota di Dostoiewskij, Oscura immensità testo di M. Carlotto e i più recenti Una giornata particolare tratto dal film di Ettore Scola e l’ultimo spettacolo Il Misantropo 2019. Anche il cinema lo vede protagonista nel 1989 in Roma, Paris, Barcellona con cui vince il Premio “Sacher” come Miglior Attore. Nel 1994 con Il giudice ragazzino ottiene il Premio “Efebo d’oro” e il Premio “David di Donatello” come Miglior Attore Protagonista. Ricordiamo tra gli altri Pasolini un delitto italiano con la regia Marco Tullio Giordana, Chiedi la luna di Giuseppe Piccioni e Mario, Maria e Mario di Ettore Scola. In televisione lo ricordiamo in Resurrezione dei fratelli Taviani, Cuore regia Maurizio Zaccaro, L’ultima pallottola di Michele Soavi, L’uomo della carità – Don Luigi Di Liegro regia di Alessandro Di Robilant, Cugino e Cugino di Vittorio Sindoni, Fuoriclasse 2 con Luciana Littizzetto… e naturalmente lo ricordiamo protagonista di Un medico in famiglia nella fortunata serie.

il teatro comico - eugenio allegri

Eugenio Allegri – Foto di Manuela Giusto

Eugenio Allegri, regista de Il Teatro Comico, partecipa al suo primo stage di commedia dell’arte tenuto in Italia nel 1978 da Jacques Lecoq e si diploma nel 1979 alla Scuola di Teatro Alessandra Galante Garrone di Bologna. Come attore inizia l’attività̀ professionistica con i Dialoghi di Ruzante diretto, in Italia, da Francesco Macedonio e Jacques Lecoq. Nel corso degli anni lo vedremo lavorare con Dario Fo, Carlo Boso, Leo De Berardinis Alessandro Baricco,Eugenio Allegri,  Gabriele Vacis.  Allegri viene riconosciuto come uno dei più ammirati interpreti del teatro italiano contemporaneo, protagonista di innumerevoli ed importanti produzioni di prestigiosi teatri nazionali. Parallelamente all’attività di attore, Allegri sviluppa l’attività di drammaturgo e regista scrivendo e dirigendo tra il 1986 e il 1997 scenari di commedia dell’arte per alcune giovani compagnie italiane. Nel 1998 è regista del Re cervo di Carlo Gozzi, prodotto dal Teatro Stabile di Venezia e negli anni successivi mette in scena o interpreta testi di Molière, Beaumarchais, Bertold Brecht, Peter Weiss, Giovanni Testori e adattamenti da Primo Levi, Dino Buzzati, Umberto Eco e altri grandi scrittori italiani. Nell’ottobre 2017 debutta al Theatre de Renelaghe di Parigi La parole du silence di e con Elena Serra, di cui Allegri è regista. Nel frattempo, l’8 giugno 2016, erano iniziate a Torino le prove di Mistero Buffo di Dario Fo, di cui Allegri è il regista e Matthias Martelli il giovane interprete, per la messa in scena del capolavoro del grande attore italiano premio Nobel nel 1997. Mistero Buffo ha debuttato con grande successo alle Fonderie Limone di Torino il 6 febbraio 2018, prodotto dal Teatro Stabile di Torino. Nel luglio del 2019 debutta in Nati sotto contraria stella scritto e diretto da Leo Muscato con il quale due anni prima aveva partecipato a Il nome della rosa. Nella sua carriera Allegri ha preso parte a film, a trasmissioni e sceneggiati televisivi e ha collaborato con molti musicisti di fama nazionale ed internazionale. Dal 2015 è direttore del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica, in Toscana.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Libri

Lino Cattabianchi in questo zibaldone spazia da argomenti di cultura classica a episodi di vita vissuta sul fil rouge di un anno segnato dalla...

Territorio

Traguardi: «In tre anni e mezzo di amministrazione non abbiamo visto una sola misura efficace per combattere l’inquinamento cittadino»

Salute/Benessere

Per trovare risposta alle tante domande sui vaccini anti covid e essere informati sul piano regionale di vaccinazione, l’opuscolo della Regione Veneto

Territorio

L'edizione 2021 potrebbe riservare una sorpresa per i veronesi: la posticipazione. La sfilata sospesa nel 91 per la Guerra nel Golfo.

Advertisement