Connect with us

Hi, what are you looking for?

Ambiente

Presentato il Regolamento comunale per la tutela del verde cittadino

Norme e sanzioni su progettazione di giardini e strade, tecniche di potatura, abbattimenti. Introdotta la “Consulta per il verde”

cultura del verde - alberi
Verona, olmi in Via Campofiore

Questa mattina, al parco Forti di via Anti a San Michele Extra, il sindaco Federico Sboarina e l’assessore ai Giardini Marco Padovani hanno presentato il nuovo documento che tutelerà il patrimonio verde di Verona. Erano presenti anche il presidente di Amia Bruno Tacchella e i rappresentanti delle associazioni e ordini professionali coinvolti.

Il Regolamento norma la gestione del verde fornendo precise indicazioni tecniche e procedurali a seconda delle aree in cui piante e arbusti sono collocati, dà attenzione al paesaggio, ai materiali ecologici e di provenienza locale, alla biodiversità, al recupero delle acque meteoriche, alla piantumazione di alberi ad alto fusto. Stabilisce, inoltre, i criteri di potatura e degli abbattimenti che valgono anche per gli alberi presenti su suolo privato. Il documento, ora al vaglio delle Circoscrizioni, sarà poi esaminato dal Consiglio comunale per l’approvazione definitiva.

Per la prima volta, inoltre, sono state introdotte delle sanzioni, che vanno fino a 500 euro. Oltre i 5 mila euro se si abbattono o danneggiano alberi monumentali.

Il Regolamento prevede anche il coinvolgimento diretto della cittadinanza nella gestione del verde mediante ricorso alla sponsorizzazione e alla stipula di patti di sussidiarietà; nasce la “Consulta per il verde” in grado di proporre, esaminare e discutere i progetti green.

«Si tratta solo di un primo step – ha spiegato Padovani – il secondo sarà il censimento del verde urbano. Grazie a questo lavoro, anche attraverso l’introduzione di sanzioni, non ci sarà più solo un approccio estetico nelle fasi di progettazione, piantumazione e potatura, ma anche un vero e proprio metodo culturale».

Il Regolamento comunale è stato elaborato dall’Amministrazione comunale insieme a Amia, Ordini professionali di Architetti, Agronomi, Arboricoltori, Florovivaisti, WWF, Legambiente, Italia Nostra, Lipu, Verona Polis, Fai e Gruppo Fronda Verde.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Interviste

INTERVISTA – Filobus da rivedere e maglie più strette per la ZTL. Grande spazio per le biciclette e aree sosta per i monopattini ben...

Ambiente

Nello spazio di un anno, dal 2019 al 2020, nella nostra regione sono spariti 682 ettari di verde mentre la legge regionale sul consumo di...

Opinioni

Pur nell’eccezionalità della coincidenza non si tratta di un normale avvicendamento ma contiene in sé la possibilità di una svolta per il futuro della...

Ambiente

Luca Luppi, Casartigiani Verona: “Non possiamo andare avanti con questa politica spregiudicata e la Legge Regionale 14/2017 non è sufficiente per invertire la tendenza...

Advertisement