Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, eventi in città

Comune e rete di associazioni scaligere impegnate in questo campo rimangono attive anche in questo periodo, il numero verde è 800392722

Violence against women's- Fonte Wikimedia Commons

“Esci dalla violenza, chiama” è il titolo di questa giornata internazionale. Sul manifesto: un telefono, una donna tra le mura domestiche, il buio della tenda scura e poi la luce. Un invito a non aver paura.

Questa mattina, il programma delle iniziative è stato presentato dall’assessore alle Pari opportunità Francesca Briani insieme a Anna Maria Sanson, presidente della Consulta delle Associazioni Femminili, una ventina di realtà che operano sul territorio in sinergia con l’Amministrazione comunale e provinciale.

«Sappiamo che denunciare non è semplice − ha detto Briani − ma non ci stancheremo mai di ripetere che a Verona nessuna donna viene lasciata sola. E le segnalazioni possono arrivare anche dai vicini di casa o dai familiari. Ci sono servizi pubblici e privati pronti a sostenere ogni caso, con le sue difficoltà e complessità, anche in questo periodo di emergenza. Abbiamo strutture adeguate e protette, anche per le madri con figli. Una rete importante che si è rinsaldata con l’ultimo protocollo sottoscritto in Prefettura, un documento che ha messo in connessione tutti i Comuni scaligeri affinché ci sia un dialogo costante e serrato su questa tematica».

Tra gli eventi che si terranno online nell’arco del prossimo mese: “Vite straordinarie. Uomini che narrano le donne” dell’Ordine degli Avvocati, il meeting telematico “Il potere della conoscenza e della resilienza finanziaria’, con Annamaria Lusardi, docente di Economics and Accountancy, presso la George Washington University e direttore Accademico del Global Financial Literacy Excellence Center. E ancora, workshop interattivo “Quando #iorestoacasa non è rassicurante: l’impatto del Covid-19 sulla violenza domestica e possibili vie d’uscita”, promosso dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata. E la staffetta “We Run Libere di correre, Virtual Race”, durante la quale ognuno sarà invitato a camminare ovunque si trovi. Si parlerà poi di cyber-sicurezza, di scuola e amore, di violenza di genere, di aspetti psico-giuridici, criminologici e sanitari.

Il 25 novembre, sui canali dell’Università di Verona, verrà inaugurata la mostra “STOP/Campagna contro l’uso di un linguaggio violento e sessista”, a cura di Olivia Guaraldo, docente di Filosofia Politica. In tutte le farmacie verrà distribuito materiale informativo. Dal 18 novembre al 2 dicembre, infine, su Facebook verrà veicolata la mostra “Non chiamatelo raptus”, con i volti e le tracce della violenza. L’iniziativa è di A.N.T.E.A.S.

Tutte le informazioni e i numeri di telefono per i servizi sono disponibili sul sito www.comune.verona.it.

Hanno collaborato al calendario eventi Università di Verona, Azienda Ospedaliera, Ulss 9, Rete “scuola e Territorio: educare insieme” con AIAF, Consulta delle Associazioni Femminili, FIDAPA, Soroptimist club di Verona, Telefono Rosa, Circolo della Rosa, Ve.G.A., Anteas, EWMD Verona, VPWN Teatro Scientifico-Teatro Laboratorio, DIMA e Urbs Picta, Woman Triathlon Italia, Angels in run, Ordine degli Avvocati e Federfarma.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Interviste

INTERVISTA – Carcereri De Prati, presidente dell'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere: «Giulietta e Romeo conferiscono a Verona un pizzico di fascino ma non...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Interviste

Olivia Guaraldo, filosofa dell'Università di Verona: «Spesso le donne si rispecchiano nella mancanza di valore simbolico del loro sapere. Ciò fa sì che non...

Advertisement