Connect with us

Hi, what are you looking for?

Manifestazione a Verona, 28 ottobre 2020
Manifestazione a Verona, 28 ottobre 2020

Editoriale

Manifestazione violenta, si accertino responsabilità e connivenze

In attesa della ferma condanna delle categorie economiche per distinguere la manifestazione in Bra dagli episodi violenti che sono seguiti.

Mentre attendiamo la presa di distanza da parte delle categorie economiche e dell’autorità amministrativa, il Sindaco  e la giunta, sulla manifestazione violenta che si è tenuta la sera di mercoledì 28 ottobre a Verona, leggiamo dai giornali che l’evento è stato organizzato da ambienti di estrema destra, quasi in concomitanza con l’iniziativa in Piazza Bra di FIPE-Confcommercio, tanto da apparire in continuità.

Va subito chiarito come mai una legittima manifestazione che doveva esprimere il dissenso verso le azioni del Governo per contenere il Coronavirus (DPCM) – e tale è stato in piazza Bra fino a tarda mattinata – si sia poi trasformata in un’azione violenta in piazza Erbe e in piazza dei Signori o se effettivamente si tratta di due cose completamente scollegate tra loro. Ce lo diranno le reazioni, se ci saranno, delle parti interessate. Nel frattempo ci attendiamo che Prefettura e Questura accertino con rapidità responsabilità ed eventuali connivenze. 

È importante capire quanto gli esercenti presenti in piazza giustifichino la violenza espressa (a differenza di altre città non ci sono stati danni ingenti), dal momento che proprio su questo consenso fanno leva le frange estreme che stanno operando sul territorio nazionale con finalità destabilizzanti; e soprattutto diventa importante la lettura che faranno i responsabili delle associazioni di categoria, economiche e non, in relazione a quanto è accaduto.

È intollerabile che in un momento in cui tutti siamo provati dalla pandemia in corso ci sia qualcuno che per interessi politici di natura sovversiva faccia leva sulle difficoltà delle persone al puro scopo di ottenere visibilità attraverso la manipolazione, senza prospettare soluzioni che non siano demagogiche o peggio, come è stato per la manifestazione di Verona, il ferimento di cinque poliziotti, il lancio di fumogeni e bombe carta e la distruzione di oggetti.

Giorgio Montolli

 

 

 

 

 

 

Redazione2
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

A inizio settimana pubblichiamo i grafici relativi ai dati forniti dall’Azienda Zero negli ultimi 30 giorni che riguardano il territorio veronese (ULSS9 scaligera).Dal 31ottobre al...

Opinioni

La pandemia ha messo in moto enormi interessi e per le case farmaceutiche arrivare primi significa prestigio e guadagni.

Territorio

Riaprono le bancarelle in Piazza Erbe con una rigida regolamentazione degli spazi. Mascherine anche quando si è al bar o al ristorante.

Cultura

L’anelito della vita non si arrende alla potenza distruttrice del negativo. Occorre però governare con saggezza questo impulso vitale.

Advertisement