Connect with us

Hi, what are you looking for?

fuoco di gioia - coro
Il Coro della Fondazione Arena di Verona - Foto Ennevi/Fondazione Arena

Spettacoli

Il Coro torna protagonista della Stagione Sinfonica 2020 di Fondazione Arena

TEATRO FILARMONICO. Doppio appuntamento per un programma all’insegna del romanticismo italiano e operistico con alcune tra le più belle pagine di Bellini, Donizetti e Verdi.

Per la Stagione Sinfonica 2020 di Fondazione Arena, venerdì 23 e sabato 24 ottobre, al Teatro Filarmonico, doppio appuntamento con il Coro dell’Arena di Verona diretto da Vito Lombardi in un ricco programma che vuole essere un’antologia del romanticismo italiano e operistico con alcune tra le più belle pagine di Vincenzo Bellini, Gaetano Donizetti e Giuseppe Verdi, in un ideale passaggio di testimone. Il Coro maschile sarà affiancato nei ruoli solistici dal soprano Monica Zanettin e dal basso Romano Dal Zovo.

 Il concerto si apre con alcune delle più belle pagine verdiane: si inizia con All’erta, all’erta! del primo atto del Trovatore e nel ruolo del capitano degli armati del conte di Luna Ferrando sarà impegnato il basso Romano dal Zovo. Seguono quindi I due Foscari con l’aria del secondo atto Che più si tarda e i due celebri cori dall’Ernani Allegri! Beviam e Si ridesti il Leon di Castiglia, per concludere con Chi v’impose unirvi a noi? dei sicari del secondo atto di Macbeth. Dal coro introduttivo di Norma di Bellini è tratto invece Ite sul colle, o druidi; Romano dal Zovo interpreterà Oroveso, il capo dei druidi che inneggia alla liberazione dal giogo romano. Dal finale del primo atto de La Figlia del reggimento di Donizetti, successiva di pochi anni al capolavoro belliniano, è invece tratto il coro Rataplan!. Segue quindi una ricca antologia di brani tratti dalla Forza del destinoCompagni sostiamo, il campo esploriamo, Madre, pietosa vergineOr siam soli…, il finale dell’opera Il santo nome di Dio Signore per concludere con La vergine degli angeli. Protagonisti con il Coro, nei ruoli solisti di Leonora e di Padre Guardiano, si esibiscono il soprano Monica Zanettin il basso Romano dal Zovo. Tra questi brani si inseriscono due arie tratte da Rigoletto: il coro del primo atto Zitti, zitti moviamo a vendetta, con il rapimento di Gilda ad opera dei cortigiani, e Scorrendo uniti remota via, dall’atto II.

Il concerto,  Davide da Como, vedrà inoltre impegnati i professori dell’orchestra areniana Günther Sanin al violino, Laura Recchia all’arpa e Alessandro Carobbi alle percussioni. I Maestri collaboratori Patrizia Quarta e Maria Cristina Orsolato accompagneranno l’esecuzione rispettivamente al pianoforte e all’organo.
Ulreriori informazioni sulla Stagione Sinfonica 2020 sul sito di Fondazione Arena.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

Il sindaco Sboarina: «Prioritario sostenere i tre motori dell’economia scaligera: Aeroporto, Fiera, Arena e aiutare i cittadini in difficoltà»

Spettacoli

Con 221 recite tra le pietre dell’Arena, l’opera è tra i colossal delle stagioni areniane, dalla sua prima rappresentazione nell’anfiteatro nel 1938, è tornata...

Spettacoli

TEATRO FILARMONICO. Appuntamento con la Stagione Lirica 2021 di Fondazione Arena, con un’opera estremamente attuale poiché porta con sé numerosi temi della contemporaneità tra...

Opinioni

«La mancanza di un piano, che faccia capire quale città si vorrebbe realizzare, fa temere che chi ci amministra stia navigando a vista»

Advertisement