Connect with us

Hi, what are you looking for?

CS

Casa di Giulietta, si continua a non decidere, ora basta!

Casa di Giulietta
Casa di Giulietta


Da Federico Benini, Elisa La Paglia, Stefano Vallani, del gruppo consiliare comunale del Pd, riceviamo e pubblichiamo.

Da mesi il tema è scomparso dall’agenda dei lavori del Consiglio comunale, ci eravamo lasciati alla fine del luglio con l’ennesima annuncio del sindaco che prometteva, in collaborazione con i Vigili del Fuoco, una stima di quante persone potevano entrare nel cortile di Giulietta, secondo l’ipotesi, avanzata dal Prefetto, di contingentare gli ingressi e di conseguenza anche la calca attraverso un sistema di prenotazione on line delle visite.

A distanza di due mesi non si sa nulla né di questa stima né delle modifiche che le società che concorrono al project financing bandito ormai da anni sono tenute a imprimere alle loro proposte in rispetto delle indicazioni della Soprintendenza, la quale non intende permettere percorsi di visita segregati tra casa e cortile e che impone sia garantito l’accesso dall’ingresso storico per preservare la concezione originaria di Antonio Avena.

Forse il sindaco accetta di buon grado quello che di fatto è un commissariamento, tuttavia è importante che l’amministrazione arrivi a proporre una sua soluzione perché, oltre alla questione sanitaria e della sicurezza pubblica, in ballo ci sono anche importanti potenziali introiti per le casse comunali. Già un biglietto da 1 euro genererebbe un importante flusso di cassa da reinvestire nei servizi al turismo, anche a sostegno del giro di affari delle attività private del settore prostrate dalla crisi.

Dopo 3 anni e mezzo di governo della città la maggioranza è ancora spaccata e incerta sul da farsi, prima delle elezioni la Lega ha cambiato di nuovo rotta sostenendo la necessità di una gestione diretta del sito da parte del Comune.

Chiediamo la convocazione urgente di una commissione consiliare per fare il punto della situazione e mettere fine alla scandalosa inconcludenza dell’amministrazione Sboarina che ha trasformato in un problema insolubile quella che dovrebbe essere una miniera d’oro e un punto strategico di markenting territoriale per il Comune di Verona.

Federico Benini, Elisa La Paglia, Stefano Vallani
Gruppo consiliare comunale Pd

Redazione2
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

La pagina Facebook c'è ancora ma secondo Alessandro Gennari (Lega) è diventata «un contenitore per persone già politicamente attive»

Politica

Ma Bertucco si mette già di traverso. Sondaggio Winpoll sul gradimento dei possibili candidati: Tosi 55%, Sboarina 58%, Tommasi 80%

Interviste

INTERVISTA. Il partito non l'ha scelta come candidata alla vicepresidenza del Consiglio comunale e lei ora ne fa una battaglia culturale

Interviste

INTERVISTA – Il Senatore del PD D'Arienzo precisa che «almeno il 70% delle risorse erogate dalla UE dovranno essere spese tra il 2021-2022, il...

Advertisement