Connect with us

Hi, what are you looking for?

Traguardi
Traguardi

Politica

Traguardi presenta la squadra civica per le elezioni 2022

«Un laboratorio di idee aperto ed inclusivo per arrivare all’appuntamento elettorale con una candidatura forte, condivisa e vincente».

Si è svolta venerdì 9 ottobre alle 12 al Caffè Corsini di Verona la presentazione della squadra civica del movimento Traguardi in vista delle elezioni amministrative 2022. Si tratta di un gruppo di esponenti della società civile che qualche mese fa aveva sottoscritto il Manifesto per la ripresa, «e che ora si mette a disposizione per un progetto politico condiviso».

«Verona ha bisogno di uscire dall’immobilismo in cui è bloccata e guardare finalmente al futuro – esordisce Tommaso Ferrari, consigliere comunale di Traguardi –. In anni in cui ogni cosa, in Italia e nel mondo, procede e si evolve sempre più velocemente, sta emergendo sempre più chiaramente quanto la nostra città sia ferma, incapace di intraprendere nuove strade e fare scelte strategiche a causa di una politica concentrata su scontri ideologici e lotte di potere».

«Si tratta di un progetto che non ha precedenti in città – conclude Ferrari. Un laboratorio di idee aperto ed inclusivo fondato su valori chiari e un sincero impegno civico, per arrivare alle elezioni del 2022 con una candidatura forte, condivisa e vincente. C’è molto da fare, e questa squadra civica, composta da personalità che condividono con noi un’idea di città per il futuro, aperta a nuovi giocatori e nuovi contributi, è il primo passo».

«Verona gode ancora di una condizione privilegiata, ma il benessere, se non viene coltivato, si esaurisce –, che insieme ad altre personalità cittadine hanno risposto all’appello di Traguardi –. Dobbiamo ricominciare a investire sulle potenzialità di Verona per dar vita a una città che offra opportunità a imprese e giovani, per ridare slancio a progetti infrastrutturali e per disegnare con lungimiranza la città dei prossimi 50 anni.

«Verona non ha bisogno dell’ennesimo “uomo solo al comando” o di cartelli elettorali, ma di adottare un nuovo metodo: per questo abbiamo deciso di rispondere all’appello di Traguardi» spiegano Donatella Gobbi, Giorgio Mion, Andrea Rossi, Carlo Rugiu, Italo Sandrini e Stefania Zivelonghi –. Ascolto e concretezza, progettualità e competenze, valori chiari e apertura verso nuove idee: sono questi i pilastri attorno ai quali strutturare una proposta politica per le prossime elezioni che aiuti a smuovere Verona dal pantano in cui è sprofondata».

Per Tragurdi i temi su cui lavorare sono quelli che caratterizzano i cambiamenti del nostro tempo: dalle conseguenze economiche e sociali della pandemia al tema delle nuove povertà, dalla necessità di imprimere slancio al sistema produttivo tramite l’innovazione tecnologica sino alle sfide ambientali.

Redazione2
Written By

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Maurizio Danzi

    12/10/2020 at 13:25

    Traguardi si pone come interlocutore di chi ha steso il manifesto per la ripresa. Questo credo di averlo capito. Non conosco il manifesto ma alcune delle persone che lo hanno steso, e sono certamente persone serie e competenti. Il punto sono gli interlocutori: e qui il discorso è prettamente politico, al di là dell’enfasi di Ferrari che forse ha dimenticato l’attività politica svolta dal nonno (credo che nei sedimenti originari di Verona ci siano metri cubi di libri dei sogni), e oltre gli steccati ideologici, che Traguardi disconosce: su quali gambe quindi cammineranno questi progetti? Non proprio una banalità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

CS

«La maggioranza prenda le distanze dal consigliere leghista o sarà chiaro che chi governa la città condivide le sue opinioni».

Opinioni

Gabanizza, Genovese (Sinistra Italiana): «La raccolta differenziata a Verona non decolla perché per i rifiuti si pensa ancora a Ca' del Bue».

Opinioni

Cambiare paradigma economico, dall'usa e getta all'economia circolare, un passo necessario per salvaguardare il benessere.

Opinioni

Per funzionare il progetto dovrà essere aperto ad apporti provenienti sia da altre forze politiche democratiche che da singoli cittadini.

Advertisement

Privacy Preference Center

Cookie tecnici

Questi cookie sono utilizzati esclusivamente per il corretto funzionamento del sito.

Cookie tecnici proprietari.

Cookie di terze parti

Questi cookie consentono al sito di raccogliere informazioni anonime sui visitatori a fini statistici e alle terze parti di ricavare dati per la profilazione pubblicitaria.

Google analytics, Google Adsense, Amazon.