Connect with us

Hi, what are you looking for?

Plastic free Onlus a Corte Molon
Plastic free Onlus a Corte Molon

Interviste

Caccia alla plastica: «Cittadinanza attiva e rispetto per l’ambiente»

INTERVISTA – Antonietta Di Renzo è referente per Verona di Plastic Free Onlus, presente in 100 località italiane e in continua espansione.

INTERVISTA – Plastic Free Onlus è una realtà già presente in oltre 100 località italiane ed è in continua espansione. Propone azioni concrete, mirate alla tutela del patrimonio ambientale. Abbiamo incontrato la dottoressa Antonietta Di Renzo, psicologa, psicoterapeuta e referente Plastic Free per Verona .

Antonietta di Renzo

Antonietta di Renzo

–Come è nata e di che cosa si occupa Plastic Free Onlus?

«L’associazione Plastic Free nasce il 29 aprile 2019 con l’obiettivo di sensibilizzare e informare le persone, attraverso i social network, sulla pericolosità della plastica che inquina e uccide il nostro ecosistema e noi stessi. Secondo una ricerca del WWF ognuno di noi ingerisce circa 5 grammi di plastica alla settimana, attraverso il cibo e l’acqua che beviamo. Plastic Free è una realtà in continua espansione: abbiamo già oltre 100 gruppi in altrettante località in Italia, e sono destinati a crescere. L’associazione propone anche diversi progetti, come ad esempio Adotta una tartaruga, il Progetto Scuola che mira ad educare fin dalla giovane età al rispetto e alla tutela dell’ambiente e il Progetto Raccolta in collaborazione con i comuni, con cui si coinvolge la cittadinanza nella raccolta di rifiuti».

– Quali sono gli scopi che vi siete prefissi e che cosa fate concretamente per raggiungerli?

«Cerchiamo di coinvolgere i cittadini e le istituzioni in un progetto di “cittadinanza attiva” per portare le persone al centro del cambiamento attraverso azioni concrete e mirate alla tutela del patrimonio ambientale; concretizziamo l’impegno con periodiche uscite ecologiche mirate a ripulire dai rifiuti alcune zone del territorio particolarmente degradate».

– Quante persone sono iscritte all’associazione e quante partecipano realmente alle attività?

«Due mesi fa abbiamo fatto la nostra prima uscita con una decina di persone e oggi siamo al quarto evento Plastic Free con 59 iscritti, questo significa che in media ad ogni uscita si aggiungono al gruppo circa 15 persone».

– Bambini e adolescenti vengono coinvolti in queste attività?

«L’uscita ecologica a Corte Molon ha visto la partecipazione di diversi bambini dai 3 ai 12 anni insieme alle loro famiglie e si sono divertiti tantissimo nel raccogliere la plastica. I bambini e gli adolescenti assorbono la cultura e l’educazione che la famiglia trasmette loro, quindi se crescono in famiglie sensibili al rispetto dell’ambiente saranno a loro volta persone rispettose e attente».

– Come si svolge la raccolta e quali sono le difficoltà che incontrate?

«La raccolta Plastic free si svolge in modo molto spontaneo: ci si incontra nel luogo prefissato e si inizia la “caccia” ai rifiuti. Ognuno segue una propria pista, tenendosi in contatto col gruppo attraverso il referente, con il quale ci si può sempre confrontare nel caso in cui ci fossero dei ritrovamenti inaspettati. Nell’ultima uscita del 27 settembre, ad esempio, al parco dell’Adige di Corte Molon sono stata più volte contattata telefonicamente dai volontari per situazioni che non sapevano come affrontare. Sono stati trovati un sacco di plastica pieno di tegole di amianto, un motorino, dei carrelli e anche alcuni mobili. I volontari di Plastic Free non possono gestire questi materiali, noi segnaliamo quindi tutto ad Amia che il giorno dopo passa a recuperarli».

Plastic free Onlus

Plastic free Onlus

Avete un aiuto dalle istituzioni? Di che cosa avreste bisogno?

«Attualmente abbiamo l’appoggio della Seconda Circoscrizione, grazie alla sensibilità della presidente Elisa Dalle Pezze e dell’Amia che ci fornisce guanti e sacchi, oltre che darci supporto per ritirare i rifiuti ingombranti o pericolosi in cui ci imbattiamo».

– Chi fosse interessato a collaborare come può mettersi in contatto con voi?

«Chi fosse interessato può iscriversi all’associazione dal nostro sito internet www.plasticfreeonlus.it, oppure contattarmi direttamente tramite cellulare al numero 339.593635, per avere ulteriori informazioni».

Erna Corsi

Erna Corsi
Written By

Erna Corsi è nata nel 1973 a Verona, dove risiede tuttora. Ha frequentato il Liceo Artistico Boccioni e ha successivamente conseguito un diploma superiore in marketing e design presso il Centro Studi Palladio. Attualmente lavora come graphic designer presso un'azienda privata. Ama il teatro, la danza e la letteratura. ernaluna@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

Impegnava a "non deliberare provvedimenti che tendano a parificare i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle famiglie naturali". Le parole del Papa.

Mostre

Le opere dell'artista trevigiano in esposizione a Verona ricercano la relazione tra forma e colore e richiamano gli strati della vita.

Dossier

Quello che potrebbe essere il più grande avvelenamento delle acque in Europa è a una svolta importante. Decisiva la data del 29 ottobre.

Territorio

Dal report della Camera di Commercio di Verona emerge la grave crisi del comparto, con 8 milioni di presenze in meno rispetto al 2019.

Advertisement