Connect with us

Hi, what are you looking for?

Nicola Tommasoli
Nicola Tommasoli

Territorio

Borsa di Studio Nicola Tommasoli, il valore del coraggio

È stata ribadita l’importanza di fornire alle nuove generazioni gli strumenti per poter esercitare la libertà in maniera consapevole.

Il 26 settembre alle 11, all’Istituto Copernico Pasoli di San Michele Extra (Verona), sono stati premiati alcuni dei 37 lavori presentati dagli alunni di scuole primarie, secondarie di I e II grado, così come della scuola della Casa Circondariale di Montorio e della scuola dell’Ospedale per la partecipazione all’iniziativa borsa di studio Nicola Tommasoli, giunta quest’anno alla sesta edizione e organizzata da Prospettiva famiglia. Il 26 settembre è anche il giorno del compleanno di Nicola, ma tutto si è fermato a quel 30 aprile 2008, giorno della morte di Nicola.

Durante la premiazione, alunni, docenti e genitori hanno ripercorso quei tragici momenti ascoltando la suggestiva narrazione teatrale Uno strappo interpretata da Ture Magro, attraverso un filmato proiettato in sala. Poi il pensiero corre a pochi giorni fa, quando il nome del ragazzo ucciso diventa un altro, Willy. Storie che si ripetono, dove la stupidità e la brutalità della violenza prevaricano sulla coscienza civile, sulla capacità di pensare e scegliere la cosa giusta da fare.

Nicola Tommasoli

Nicola Tommasoli

La premiazione non è stata solo un riconoscimento importante al lavoro dei ragazzi e della scuola, è stato un momento di profonda riflessione, dove tutta la comunità si è posta la questione della libertà di essere noi stessi senza pregiudizi e condizionamenti. Se quindi la libertà è un presupposto essenziale per una società che voglia definirsi civile, è altrettanto importante che si forniscano alle nuove generazioni strumenti per poter esercitare questa libertà in maniera consapevole.

Da qui l’importanza della scuola e della rete, composta dalle famiglie e da associazioni come Prospettiva famiglia, che cercano di creare progetti per promuovere i valori di rispetto e tolleranza e «costruire il senso di legalità, intesa come rispetto delle regole di convivenza, sviluppare un’etica della responsabilità che implichi il miglioramento continuo del proprio e altrui contesto di vita», come ricordano le parole di Paolo Stefano, presidente dell’associazione che assieme a Luca e Maria Tommasoli promuovono ogni anno la borsa di studio.

Il tema di quest’anno, Il valore del coraggio, diventa ancora più significativo, perché si intreccia con un presente impegnativo, stravolto da una pandemia che ha cambiato completamente il nostro modo di vivere, di pensare e di affrontare le cose.

Come accade spesso i ragazzi e i bambini hanno saputo restituire le molteplici sfaccettature del coraggio, intendendolo non come forza fisica, ma come capacità di affrontare la vita senza rinnegare se stessi, come l’umiltà di saper fare un passo indietro e chiedere scusa, come la volontà di cogliere e capire i bisogni degli altri. Incredibile come negli elaborati dei ragazzi si possa ritrovare una sensibilità di sostanza che riporta alla Scuola di Barbiana, dove Don Lorenzo Milani insegnava, I care, mi interessa, il contrario del motto me ne frego.

Un messaggio forte che in epoca social, fatta di nickname e di apparenze, non va molto di moda, come ha ribadito Angela Barbaglio, Procuratore capo di Verona, presente alla cerimonia, che anzi ha sottolineato che «il coraggio è una virtù di chi è se stesso e rispetta gli altri come se stesso».

Particolarmente toccanti infine sono state le parole di Mariagrazia Bregoli, direttrice del carcere di Montorio che, assieme a Nicoletta Morbioli, dirigente del CPIA di Verona, ha ritirato il premio per il progetto realizzato dai detenuti della casa circondariale. Entrambe hanno espresso parole di profondo ringraziamento per i coniugi Tommasoli, che con la loro scelta di premiare chi “sta dall’altra parte” e sta cercando una forma di riscatto attraverso la scuola, hanno dato senso e valore al lavoro di recupero sociale che si svolge tra le mura del carcere. Un messaggio concreto, perché, come ha sottolineato Morbioli «la cultura non basta e non è un’etichetta formale; è necessaria una rete sociale che sostenga e aiuti le azioni di tutte le scuole, senza pregiudizi».

La professoressa Daniela Galletta, referente dell’Istituto Copernico Pasoli, che ha coordinato e presentato l’evento, ha lanciato il tema della prossima edizione 2020-21: Il Sogno, la capacità di chiudere gli occhi e viaggiare con il cuore e la fantasia. Un altro ottimo spunto per continuare l’esercizio del pensare, unico modo per un’esistenza lontana dai pregiudizi.

I vincitori dell’edizione 2019-20.
Ic 19, Scuola primaria Guarino per le scuole primarie, con i volti di chi ha affrontato la quarantena senza mai arrendersi allo sconforto.
Ic 17, Scuola Simeoni classe 2C, per le scuole secondarie di I grado, con le loro poesie e componimenti hanno mostrato i molteplici significati della parola coraggio.
Istituto Superiore Ferraris-Fermi classe 2A, per le scuole secondarie di II grado, con il loro toccante video hanno ricordato il coraggio del lavoro svolto da tutti gli operatori sanitari durante l’emergenza Covid.
La Scuola in Ospedale: con i disegni di “andrà tutto bene” dei bambini
La casa circondariale di Montorio con il plastico di un ponte che collega la Lombardia e Veneto, le regioni più toccate dal Covid, realizzato da un detenuto.

Marta Morbioli

Marta Morbioli
Written By

Marta Morbioli, veronese, laureata in Filologia Italiana presso la Facoltà di Lettere di Verona, specializzata in libri antichi con un Master in Storia e tecnica dell’editoria antica. Da sempre vive vite parallele tra la passione per la storia e le sue fonti e il lavoro come knowledge management. Il suo obiettivo è sfidare le leggi della matematica e far incontrare le due strade.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

17 eventi in 11 giorni tra Teatro Romano e Arena di Verona, 35 mila presenze dal vivo e più di 2 milioni e mezzo...

Economia

La piattaforma di networking e formazione ha ospitato 4.975 utenti, tutti professionisti del settore collegati in rete da 135 nazioni.

Territorio

L'iniziativa valorizza da sei anni la creatività degli studenti. I riconoscimenti saranno consegnati dai coniugi Tommasoli e dell'associazione Prospettiva Famiglia.

Territorio

Giochi nei musei, ingressi contingentati, strumenti sanificati, mascherine e gel. E una piattaforma per seguire gli eventi in streaming.

Advertisement