Connect with us

Hi, what are you looking for?

Aspettando Manon - Teatro Libero Palermo - Giuseppe Lanino
Teatro Libero Palermo, Aspettando Manon - Giuseppe Lanino

Spettacoli

Aspettando Manon inaugura la 52ª stagione al teatro dell’Arsenale

TEATRO LABORATORIO. Divertissement che con gusto e leggerezza affonda le mani in un tema difficile e spinoso come quello dei rapporti familiari e dell’identità.

Venerdì 25 settembre 2020 alle 21 il Teatro Laboratorio (ex Arsenale) inaugura la 52a stagione teatrale con lo spettacolo Aspettando Manon tratto dal romanzo La morale del Centrino. Ovvero come sopravvivere a una mamma siciliana di Alberto Milazzo. L’adattamento teatrale dell’opera è di Luca Mazzone e Alberto Milazzo. Scena, regia e paesaggio sonoro Luca Mazzone. Con Giuseppe Lanino. Luci Fiorenza Dado e Gabriele Circo, video Pietro Vaglica con la collaborazione di Marta Lunetta. Produzione Teatro Libero Palermo

Aspettando Manon - Luca Mazzone e Alberto Milazzo

Luca Mazzone e Alberto Milazzo

Aspettando Manon è un divertissement che con gusto e leggerezza affonda le mani in un tema difficile e spinoso come quello dei rapporti familiari e dell’identità. Andrea, protagonista anzi coprotagonista di questa storia, ci invita nel salotto di casa. Un salotto borghese, o forse piccolo borghese, dove tutto è in apparenza al proprio posto. Tutto è nella media, in una sorta di condizione di media infelicità condivisa. Gli spettatori sono invitati a un rito? A una festa? A cosa? L’ospite d’onore, Manon appunto, non c’è e in attesa del suo arrivo ne scopriremo il profilo e il rapporto che intercorre tra lei e Andrea. In viale Ortigia 72 si consuma il rito di una felicità desiderata, anelata, soprattutto mancata. Manon è felice? Una domanda che fa da scintilla alla narrazione, scandendo a più riprese l’attesa, l’attesa dell’incontro, l’attesa della felicità stessa. Al civico 72 di viale Ortigia, a Palermo, dove vive, la signora nota come Manon difende da sola principi che il resto del mondo dilapida come fossero un’immeritata eredità, o almeno così crede. Il rapporto di un figlio e di sua madre, della vita di un figlio, della sua felicità e dell’affermazione del proprio sé che si scontra con l’ancestrale giogo esercitato dalle madri.

«Per volersi bene basta annuire in silenzio. Uno accenna al proprio profondo malessere, l’altro annuisce. Il silenzio è parte fondamentale di questa storia». Si affronta un tema delicato e arduo: le difficoltà e l’accettazione dell’altro e il coming out come difficile atto da compiere all’interno degli schemi e della borghese attitudine al silenzio, a coprire ciò che non ci piace – si legge nelle note di regia – coprirlo come in un qualche modo fa la nostra Manon con i suoi centrini. Perché come abilmente scrive Milazzo, il centrino diventa una metafora della vita. Se i centrini avessero una morale, quella sarebbe la morale della signora Manon. Perché il centrino è un po’ come la neve, ingentilisce il paesaggio, rende tutto omogeneo… La signora Manon ne conta centinaia in casa sua. Tende in pizzo, particolarmente amati i soggetti pastorali e arcadici: pecorelle, pastorelli, ceste di frutta. Sovraccoperte lavorate a tombolo. Uncinetti poggiatesta per le bergère con lo schienale alto, col risultato che una volta seduto l’ospite sembrerà avere un’aureola di cotone a incorniciargli l’ovale del viso. È teorizzabile un nesso occulto ma sperimentabile fra certo immobilismo e la natura del centrino. Nelle più riposte stanze della facoltà̀ di Lettere dell’Università di Palermo c’è chi bisbiglia che il leggendario “immobilismo siciliano” si comprenderebbe meglio scandagliando le tracce lasciate dai centrini isolani, ma sono di quei segreti accademici sordidi quanto inconfessabili. Quell’immobilismo che però uccide la libertà, quella di essere fino in fondo se stessi per potersi dire finalmente felice, senza timori.

Botteghino aperto un’ora prima dello spettacolo. Ingresso € 10,00. Persona con disabilità ingresso gratuito – accompagnatore ingresso € 5,00. Saranno applicate le norme di sicurezza Covid. Posti limitati. Prenotazione consigliata. Inviare mail a info@teatroscientifico.com – 0458031321 – 3466319280

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Spettacoli

TEATRO LABORATORIO. Una storia di speranza, meraviglia, bellezza e disperazione. Il destino della sonda Voyager 1 si mescola con quello del suo creatore, quello...

Spettacoli

TEATRO LABORATORIO. Dall’8 all’11 ottobre 2020 protagoniste tre donne, che sono esistite o “forse” sono solo il sogno di qualcuno, raccontano le loro pulsioni...

Spettacoli

Bilancio positivo per l’anteprima del cartellone 2020 della rassegna estiva di prosa, musica e danza organizzata dal Comune con spazi e spettacoli riadattati in...

Spettacoli

TEATRO ROMANO. Isabella Caserta ammalia nello spettacolo che incarna la fusione dei due progetti del Teatro Scientifico dedicati al femminile e all'amore.

Advertisement