Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Tocatì, il festival dei giochi antichi si trasferisce al parco delle Colombare

Il festival dei giochi antichi diventerà permanente e parte integrante della città. Si prevedono iniziative dedicate alle scuole.

Mercoledì 16 settembre. A ridosso della diciottesima edizione del Tocatì, l’Associazione Giochi Antichi (AGA) annuncia l’idea di una manifestazione a 365 giorni all’anno, con la realizzazione del primo parco italiano a tema dedicato ai giochi antichi. Il festival diventerà parte integrante della città in uno spazio aperto a tutti i cittadini per sperimentare e conoscere questo mondo.

La sede sarà il parco delle Colombare, che già oggi ospita la casetta di legno dell’Associazione, e l’intervento sarà finanziato con il contributo del MIBACT (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) di 600 mila euro, che risponde al costo complessivo del progetto. A seguire i lavori, previsti per marzo 2021 con termine nel settembre dello stesso anno, sarà il Comune di Verona perché proprietario degli immobili in concessione ad AGA e dell’area circostante.

Il progetto prevede l’ampliamento dell’edificio esistente e la creazione di un’ampia aula per la didattica dedicata alle scuole e alla parte teorica dei giochi. Gli spazi esterni invece saranno dedicati alla pratica. I giochi all’aperto nel parco delle Colombare, previsti prima dell’emergenza Covid, sono oggi un valore aggiunto.

Il progetto è stato presentato oggi dall’assessore ai lavori pubblici Luca Zanotto insieme al presidente dell’Associazione Giochi Antichi Paolo Avigo. Presenti anche i membri del direttivo di AGA, gli architetti Nicola Gasperini e Diego Caloi, che seguono il progetto per l’associazione, e i progettisti del piano di fattibilità, gli architetti Cristina Rizzo e Orlando Lanza.

«L’idea del parco dedicato ai giochi e agli sport tradizionali ci è piaciuta subito – ha commentato Zanotto –. Un progetto dalle molteplici valenze, culturale, turistica, didattica e sportiva, che contribuirà a riqualificare un parco dalle mille potenzialità, grazie anche alla sua posizione strategica tra il Centro e Castel San Pietro. Tra un anno contiamo di inaugurare il Tocatì permanente».

«Sono anni che lavoriamo a questo progetto – ha detto Avigo -, oggi possiamo dire che Verona avrà il Tocatì 365 giorni all’anno, sempre aperto e rivolto a tutti. L’obiettivo è creare un calendario di eventi in cui ospitare giochi di diverse città e regioni italiane sempre diversi, un modo per coinvolgere cittadini, appassionati e visitatori. Grande attenzione sarà dedicata all’aspetto didattico, coinvolgendo tutte le scuole cittadine».

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Enrico

    17/09/2020 at 08:18

    Questa associazione al parco delle Colombare aveva in gestione non solo la casetta ma anche altri spazi. Peccato che siano evidenti gravi segni di incuria e abbandono. E adesso riempiremo il parco di aggeggi pagati fior di quattrini che cadranno in abbandono e diventeranno un pericolo. A chi toccherà rimuoverli? Al Comune? e pantalone continuerà a pagare…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

Si ripropone una categoria politico-culturale che ha contrassegnato le fasi storiche meno vive e positive della vita delle Chiesa.

Opinioni

Sulla scia dell'intervista pubblicata dal nostro giornale all'ing. Marco Passigato l'appassionato intervento di un cittadino di Verona Sud.

Animali

Convivere con un animale vuol dire comprendere i suoi bisogni di specie per una relazione serena. Prima di adottare è consigliato confrontarsi con educatori,...

Territorio

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile ha come obiettivo quello di raddoppiare la percentuale dei ciclisti e diminuire il traffico, con i conseguenti benefici...

Advertisement