Connect with us

Hi, what are you looking for?

non una di meno

Opinioni

Erotica, femministe in Piazza Bra contro le discriminazioni di genere

Manifestazione di “Non una di meno” per rivendicare riconoscimento, dignità, parità alle donne e a tutte le differenze sessuali.

Venerdì 18 settembre appuntamento in Piazza Bra a Verona dalle 18 alle 21 per manifestare contro un Festival organizzato da Idem con il sostegno del Comune di Verona. Un evento culturale che da anni nega pressoché la presenza delle donne tra le sue protagoniste. Una sorta di contro-Festival di protesta per rivendicare riconoscimento, dignità, parità alle donne e a tutte le differenze sessuali.

Piazza Bra si offra dunque come agorà di voci, forza prorompente contro quel potere maschile che ancora egemonizza spazi politici, culturali. La manifestazione è organizzata da Non Una Di Meno in concerto con numerose associazioni  cittadine che da tempo lottano per la parità dei diritti.

Riprendendo la tematica dell’eros, quest’anno trattata da Idem, le giovani femministe focalizzano invece l’attenzione sull’Erotica, l’arte di amare, così come è vissuta nelle variegate differenze di genere. Già la locandina/manifesto che promuove l’evento presenta elementi simbolici, linguistici innovativi. Eros-erotica-erosive sono infatti rimandi linguistici maneggiati con padronanza e sapienza, caricati di una vena provocatoria che bene si addice ad abbattere a colpi di martello polverosi schemi mentali stereotipati.

Non a caso queste giovani, figlie di uno spirito del tempo più libero, si definiscono erosive di pregiudizi, muri, discriminazioni e si pongono come forze desideranti, capaci di aprirci a nuovi scenari di mondo. Chiamate a parlare di eros, nella pluralità delle sue incarnazioni culturali, sono donne  sapienti che con la loro presenza vogliono prendere le distanze dal modello  “culturale” dominante di promuovere eventi, basato appunto sull’offerta di  personaggi cult, idoli da venerare, in continuità con una logica atavica verticale, asimmetrica e quindi gerarchica di concepire i rapporti tra gli umani.

Le protagoniste vogliono invece ribaltare gli schemi e contrapporre un effettivo evento “di cultura” che proprio in quanto tale è necessariamente orizzontale, simmetrico, perché la cultura  rifugge da ogni gerarchia  fondata sul predominio. Propongono un racconto che, arricchendosi di rimandi letterari e filosofici rielaborati, sappia parlare di eros, mostrare come esso sia vissuto nella ricchezza di quelle diversità di genere che abitano il nostro mondo.

E soprattutto queste intellettuali ci mostrano ancora una volta che di eros di può dire in molti modi, anche in una modalità libera dalle soverchianti sovrastrutture di pregiudizi, false credenze, ipocrisie sedimentate in secoli di storia, ma il cui peso risulta oggi assolutamente intollerabile.

Corinna Albolino

Corinna Albolino
Written By

Originaria di Mantova, vive e lavora a Verona. Laureata in Filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, si è poi specializzata in scrittura autobiografica con un corso triennale presso la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Arezzo). In continuità con questa formazione conduce da tempo laboratori di scrittura di sé, gruppi di lettura e conversazioni filosofiche nella città. Dal 2009 collabora con il giornale Verona In. corinna.paolo@tin.it

4 Comments

4 Comments

  1. Avatar

    Alba

    18/09/2020 at 16:33

    Grazie Corinna per dare luce e risonanza a un evento che propone uno sguardo nuovo e diverso, un cambio di prospettiva che contribuisce a far crescere la consapevolezza. I tempi sono cambiati, ma qualcuno ha bisogno di capirlo ancora.

  2. Avatar

    Stella Cernecca

    18/09/2020 at 10:26

    oggi 18 settembre 2020 scendiamo in campo in piazza Bra dalle ore 18 per la valorizzazione delle donne e del loro impegno in ogni campo, contro il potere arroccato maschile economico a Verona, e non solo, che gli uomini rivendicano ad esclusivo beneficio maschile nel Festival della Bellezza, con un controfestival di piazza sul tema Erotica, non remunerato, offerto gratuitamente al pubblico in segno di protesta.
    Condivido appieno il pensiero di Corinna Albolino che da anni si batte per la valorizzazione del genere femminile in ogni campo, anche e specie nella cultura .

  3. Avatar

    Miria Pericolosi

    17/09/2020 at 10:09

    E’ un bell’articolo esplicativo del titolo e della novità dell’iniziativa. Non da tutte/i sono stati, infatti, compresi i rimandi che Corinna sottolinea perchè ancora molto diffusa è la non conoscenza in materia e molti sono ancora i pregiudizi esistenti, non solo fra il genere maschile, ma anche in quello femminile.
    Le capacità intellettuali delle donne, ovviamente, ci sono anche in queste tematiche dell’Eros e della Bellezza: grave, ripeto, che questa organizzazione “maschilista” non le abbia portate alla ribalta del festival.
    Spero che quanto le intellettuali femministe stanno facendo per rivendicare la non discriminazione di genere porti la cittadinanza, femminile e anche maschile, a partecipare alle varie manifestazioni, con attenzione a questo aspetto.

  4. Avatar

    Nunzia

    16/09/2020 at 21:11

    Grazie a tutte quelle che danno voce a chi voce non ha!!!grazie Corinna per il tuo continuo impegno…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Lettere

Una manifestazione di successo quella di ieri a Verona promossa da Non Una Di Meno. Una piazza Bra gremita di donne di tutte le...

Lettere

Gli ospiti iconici di Idem (Cacciari, Galimberti, Recalcati...) potrebbero esprimersi contro una palese contraddizione reiterata negli anni.

Cultura

Il filosofo e scrittore Alessandro Baricco incanta l'Arena di Verona attraverso le voci di Shakespeare, Garcìa Marquez, Rostand e Omero.

Advertisement

Privacy Preference Center

Cookie tecnici

Questi cookie sono utilizzati esclusivamente per il corretto funzionamento del sito.

Cookie tecnici proprietari.

Cookie di terze parti

Questi cookie consentono al sito di raccogliere informazioni anonime sui visitatori a fini statistici e alle terze parti di ricavare dati per la profilazione pubblicitaria.

Google analytics, Google Adsense, Amazon.