Connect with us

Hi, what are you looking for?

Lettere

Cosa succede all’ULSS9 Scaligera? Impraticabile il numero delle prenotazioni

Dopo il dramma dei neonati morti o gravemente colpiti dal citrobacter presso l’Ospedale della mamma e del bambino di Borgo Trento, causato forse da gravi carenze e sottovalutazioni nella cura dell’igiene, un altro problema, certamente meno tragico, ma che crea pesanti disagi ai cittadini veronesi: il numero unico delle prenotazioni 045.4646464 per visite mediche e servizi ambulatoriali è diventato impraticabile.

Da sempre bisognava armarsi di tanta pazienza per poter fissare una visita o un esame, ma da qualche tempo sta diventando una impresa epica. Talvolta non si riesce neppure a prendere la linea risultando il numero occupato, più spesso quando si ha accesso alla linea e si rimane pazientemente “in attesa di un operatore libero”, dopo circa 2-3 minuti la comunicazione viene interrotta. Quando finalmente si riesce a parlare con un operatore l’appuntamento non può essere fissato per mancanza di disponibilità.

Ospedale di Borgo Roma, sede dell’UOC di Malattie Infettive dell’AOUI, Verona

Cosa succede al sistema organizzativo delle prenotazioni dell’ULSS9 Scaligera? I cittadini veronesi meritano una risposta, le scuse, e la risoluzione tempestiva dei problemi.

Ho assistito personalmente ad un dialogo ad uno sportello fisico fra l’operatore dell’ULSS9 ed una anziana signora cui veniva negata la prenotazione di una visita di controllo sospesa a marzo causa covid19: freddamente professionale ma poco umano da parte dell’operatore liquidare la signora ottantenne, sola, con il “sporga reclamo all’URP in via Poloni in Valverde”.

E siamo arrivati al nocciolo del problema: non vengono fissati gli appuntamenti per visite ed esami non urgenti, perché non ci sono disponibilità entro 90 giorni, e si consiglia il cittadino di ritentare dopo qualche giorno… ma dopo qualche giorno la minestra è sempre la stessa, di settimana in settimana, rendendo la situazione esasperante.

Peraltro il “riprova sarai più fortunato” è stupido perché non risolve il problema a monte, che è la cronica mancanza di una agenda di appuntamenti disponibili, mentre aggrava intasandolo il servizio telefonico.

In attesa che vengano potenziate le disponibilità in agenda, perché non si propongono appuntamenti anche oltre i 90 giorni? In parecchi casi non urgenti anche 100-120 giorni potrebbero essere tollerati o quantomeno l’utente potrebbe valutare altre soluzioni. Già, forse perché allora peggiorerebbero le statistiche di servizio oggi edulcorate da prenotazioni tutte entro i 90 giorni, dato che oltre non vengono assegnate? Statistiche di servizio non veritiere per fingere di raggiungere obiettivi di qualità che in realtà non ci sono?

È ben noto a tutti che il Covid19 ha aggravato i problemi in tutta la sanità pubblica, ma dopo mesi sarebbe ora, con responsabilità, di recuperare i ritardi accumulati anche con piani straordinari.

La direzione dell’ULSS9 risolva presto questo problema, perché abbiamo bisogno tutti di una sanità pubblica efficiente, a meno che qualcuno non lavori forse per il Re di Prussia.

Claudio Toffalini









Claudio Toffalini
Written By

Claudio Toffalini è nato a Verona nel 1954, diplomato al Ferraris e laureato a Padova in Ingegneria elettrotecnica. Sposato, due figli, ha lavorato alcuni anni a Milano e quindi a Verona in una azienda pubblica di servizi. Canta in un coro, amante delle camminate per le contrade della Lessinia, segue e studia tematiche sociali e di politica economica. toffa2006@libero.it

2 Comments

2 Comments

  1. Redazione2

    Redazione2

    12/09/2020 at 16:48

    Prenotazioni di esami e visite mediche, la risposta dell’Ulss 9

    In risposta alla lettera da voi ospitata, a firma di Claudio Toffalini e titolata “Cosa succede all’ULSS9 Scaligera? Impraticabile il numero delle prenotazioni”, la Direzione dell’Ulss 9 Scaligera informa che, per far fronte all’emergenza delle chiamate post lock down, l’Azienda ha già acquistato e sta implementando un nuovo sistema del call center in “ambiente cloud”, piattaforma collaborativa in grado di supportarne la gestione e mantenerne costantemente il monitoraggio.

    Questo sistema, che inizialmente consentirà all’Ulss 9 di accogliere e trattare 180 telefonate contemporaneamente, fornirà una maggiore flessibilità nella gestione dei canali telefonici di ingresso permettendo, se necessario, di aumentare in maniera rapida i 180 previsti. I lavori per la sua messa in funzione sono già iniziati, ma richiederanno ancora un po’ di tempo legato soprattutto ai tempi tecnici necessari per la fornitura delle linee internet che servono per collegare gli operatori del CUP al nuovo Call center.

    A sua volta Azienda Zero metterà a breve a disposizione un’app che permetterà all’utente di effettuare in autonomia la prenotazione di alcune delle principali prestazioni ambulatoriali. Per tutte le altre prestazioni sarà possibile richiedere la prenotazione alla propria Ulss tramite una form, compilabile sempre dall’app. Successivamente, nel giro di qualche giorno, l’utente sarà ricontattato dagli operatori del CUP via mail o telefonicamente, a seconda della preferenza espressa dal cittadino.

    La Direzione si scusa, come evidenzia il sig. Toffalini, per le incomprensioni sorte o che sorgessero ai vari front line aziendali; ma ricorda come anche quel personale amministrativo, come medici, infermieri e operatori, ospedalieri e distrettuali, sia da mesi sottoposto allo stress provocato dall’attuale emergenza Covid che sembra non volerci dare tregua. Si rassicuri comunque il vs. lettore: qua non si sta lavorando per alcun “Re di Prussia”, ma per la salute e il benessere dei nostri utenti, con scrupolo e col costante impegno di tutti.

    Ufficio Stampa Ulss 9

  2. Avatar

    antonio ricciuti

    11/09/2020 at 15:05

    Mio papa’ ha bisogno di una urgente visita cardiologica….chiamo inutilmente da una settimana con l’impegnativa ….lo facciamo morire? Lo porti al pronto soccorso…questa la risposta del ULSS9 Scaligera..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

L'iniziativa valorizza da sei anni la creatività degli studenti. I riconoscimenti saranno consegnati dai coniugi Tommasoli e dell'associazione Prospettiva Famiglia.

Territorio

Dopo l'incontro dell'ambasciatore messicano Carlos Garcia de Alba con il sindaco Sboarina, i commenti sul progetto.

Territorio

Tutti possono partecipare. Attraverso il Park Litter verrà replicata l’indagine sulla quantità e tipologia dei rifiuti abbandonati.

Territorio

La protesta di Aned (Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi nazisti) di Verona che non ha partecipato alla commemorazione.

Advertisement