Connect with us

Hi, what are you looking for?

Danilo Marino
Danilo Marino e Federico Sboarina

Territorio

La medaglia della città di Verona al Vigile del fuoco eroe Danilo Marino

Danilo Marino si è gettato in Adige per salvare un giovane ma nonostante questa impresa incredibile ha detto di non sentirsi affatto un eroe.

Danilo Marino, il Vigile del fuoco che la sera di domenica 30 agosto ha messo a repentaglio la sua vita gettandosi in Adige per salvare quella di un uomo che si era buttato nel fiume in piena dal Ponte Pietra, ha ricevuto oggi in municipio la medaglia della città di Verona, una pergamena di encomio e i ringraziamenti del Sindaco Federico Sboarina a nome di tutti i veronesi per l’atto di eroismo compiuto.

Marino è stato per ore in balia delle onde per essere poi portato in salvo nei pressi di Zevio ma nonostante questa impresa incredibile ha detto di non sentirsi affatto un eroe. Ha affermato solo di essere stato fortunato perché il lieto fine della sua avventura non era per niente scontato. «Il mio pensiero va al ragazzo che non sono riuscito a trarre in salvo – ha detto il Vigile del fuoco –. In più momenti ho pensato di non farcela, soprattutto alle due dighe, dove ho temuto di rimanere incastrato e non uscirne. Ero stanco, le gambe cominciavano ad addormentarsi per il freddo, ma sentivo da fuori le sirene. E vedevo le luci dei lampeggianti dei colleghi e il pensiero della famiglia a casa mi ha dato la forza per non mollare. È andata bene». 

Marino era accompagnato dal direttore interregionale dei Vigili del Fuoco di Veneto e Trentino Alto Adige Loris Munaro, dal Comandante del Comando provinciale di Verona Luigi Giudice, da alcuni colleghi e dalla moglie.  Presente anche l’assessore alla Protezione civile Daniele Polato.

«Gesti come questi non devono passare inosservati – ha dichiarato Sboarina –; c’è un limite oltre il quale la professionalità diventa generosità incondizionata e non tutti sono disposti a mettere a rischio la propria vita per salvare quella altrui».

Danilo Marino

Il vigile Del fuoco Danilo Marino riceve dal sindaco Federico Sboarina la medaglia della città di Verona

Quanto accaduto nella sera del 30 agosto – ha detto ancora il Sindaco – è la certificazione di ciò che i Vigili del Fuoco fanno quotidianamente per soccorre i cittadini, in qualsiasi situazione, anche le più rischiose, anteponendo la salvezza altrui alla loro».

Poi, rivolto a Marino: «Sfido a trovare un solo veronese che oggi non vorrebbe abbracciarti per ringraziarti non solo del gesto e di quanto vissuto personalmente durante il soccorso in Adige, ma anche dello straordinario esempio che tutto ciò rappresenta soprattutto per le generazioni più giovani. Ciò che hai fatto ha dell’incredibile e testimonia come la generosità possa arrivare a questi livelli».  

Sboarina ha anche rivolto un pensiero al giovane caduto in Adige che risulta ancora disperso. «Nonostante i disperati tentativi del vigile del fuoco Marino e delle squadre che si sono susseguite dopo di lui nelle ricerche, non abbiamo ancora nessuna notizia. Più passano le ore, più la speranza di trovarlo vivo si affievolisce».

«Come ha bene evidenziato il sindaco,  l’elemento etico fondante del Corpo dei Vigili del fuoco è prestare soccorso in ogni condizione e situazione, anche a rischio della propria vita» ha aggiunto il Comandante Giudice.

In mattinata Marino è stato anche ricevuto dal Prefetto Donato Cafagna che gli ha espresso la gratitudine per aver dato prova di coraggio, spirito di sacrificio e senso del dovere altissimi, donandogli una formella bronzea che riproduce un particolare del portale della Basilica di San Zeno raffigurante Noé sulle acque che riceve il ramoscello di ulivo dalla colomba.

Il Prefetto ha anche dato atto del lavoro eccezionale svolto dai Vigili del Fuoco nel contesto emergenziale delle ultime settimane, a partire dal 22 e 23 agosto, con migliaia di interventi effettuati in favore della popolazione e a tutela del patrimonio edilizio ed arboreo della città di Verona e della provincia, nel quadro delle operazioni coordinate dal Centro Coordinamento Soccorsi della Prefettura, che ha visto anche impegnate le Forze dell’Ordine e i volontari di protezione civile.

All’incontro sono intervenuti il Direttore interregionale dei Vigili del Fuoco Loris Munaro, il Comandante provinciale, Luigi Giudice e alcuni componenti delle squadre che sono intervenute nelle attività di emergenza e soccorso.

Redazione2
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

Si ripropone una categoria politico-culturale che ha contrassegnato le fasi storiche meno vive e positive della vita delle Chiesa.

Opinioni

Sulla scia dell'intervista pubblicata dal nostro giornale all'ing. Marco Passigato l'appassionato intervento di un cittadino di Verona Sud.

Animali

Convivere con un animale vuol dire comprendere i suoi bisogni di specie per una relazione serena. Prima di adottare è consigliato confrontarsi con educatori,...

Territorio

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile ha come obiettivo quello di raddoppiare la percentuale dei ciclisti e diminuire il traffico, con i conseguenti benefici...

Advertisement