Connect with us

Hi, what are you looking for?

Lungadige Re Teodorico, Verona, 2018-10-29.jpg
Lungadige Re Teodorico, Verona, 2018-10-29.jpg

Territorio

A mezzogiorno allerta Adige, il sindaco: «Rimanete lontani dagli argini»

Durante la notte, fino alle 6.30 di questa mattina, sono state disposte le paratie per evitare gli straripamenti nei punti più sensibili.

Lunedì 31 agosto. Il passaggio della piena dell’Adige in città è atteso per mezzogiorno di oggi. Già in centro città il livello dell’acqua è salito oltre il Toro, che da sempre segna un livello preoccupante. Durante la notte, fino alle 6.30 di questa mattina, sono state disposte le paratie per evitare gli straripamenti nei punti più sensibili. Tutte le squadre della Protezione civile sono state allertate come disposto a livello regionale. «Le piogge che, negli ultimi giorni, sono cadute in Trentino hanno aumentato notevolmente il livello dell’Adige – spiega il sindaco Federico Sboarina –, per questo nella notte abbiamo allertato tutte le squadre di Protezione civile e messo le paratie in via precauzionale, anche se non c’era nessun allarme. Invito comunque i cittadini e i curiosi a rimanere lontani dagli argini, restando a distanza di sicurezza». 

E dopo la solidarietà a Verona espressa dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a seguito dei danni provocati dal maltempo domenica 30 agosto è arrivata anche la telefonata del presidente del consiglio Giuseppe Conte. Il premier ha chiamato il sindaco, garantendo massima attenzione riguardo la città di Verona. «Il presidente del Consiglio mi ha assicurato che l’emergenza meteo di Verona è tra le priorità del Governo – dichiara Federico Sboarina – e che non appena verrà inviata tutta la documentazione, con il censimento dei danni, il Consiglio dei ministri procederà celermente con i risarcimenti ai veronesi».

Gli eventi estremi di questa estate 2020, evidenzia la Coldiretti, sono il risultato dell’enorme energia termica accumulata nell’atmosfera in un anno che è stato fino adesso di oltre un grado (+1,01 gradi) superiore alla media storica classificandosi in Italia al quarto posto tra i più bollenti dal 1800, sulla base dell’analisi Coldiretti su dati Isac Cnr relativi ai primi sette mesi dai quali si evidenzia anche la caduta del 30% di pioggia in meno nonostante gli ultimi nubifragi che hanno colpito il nord Italia che evidenziano una progressiva tendenza alla moltiplicazione degli eventi estremi.

Redazione2
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Meteo

  «Questo fine settimana la temperatura a Verona si attesterà sui 35 gradi, con temperature che potrebbero sfiorare anche i 40. Domani, sabato 1...

Territorio

Da quattro giorni Verona supera i limiti giornalieri. Dal 28 gennaio divieto di circolazione per i diesel Euro 4. Segala: «Il nostro impegno per...

Territorio

I valori di Pm 10 registrati dalla stazione di rilevamento di Giarol Grande, sono passati dai 71 µg/m3 del 3 gennaio ai 47 µg/m3...

Territorio

Venerdì 15 novembre è stato convocato dal Prefetto il Centro di coordinamento soccorsi nella sala operativa di protezione civile della Provincia. La verifica delle...

Advertisement