Connect with us

Hi, what are you looking for?

Il Vangelo

Avere fede significa passare dall’angoscia al coraggio

«Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Gesù invita Pietro ad uscire dalla barca, ad uscire da se stessi, dalle proprie paure. La fede infatti è il contrario della paura.

Dal Vangelo di Matteo
[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, Io-Sono, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!». Matteo 14,22-33

“A credere si impara” è il messaggio straordinario che ci regala questo piccolo racconto di Matteo. Tutto ruota attorno alla figura di Pietro, che rappresenta ognuno di noi. La barca (la chiesa, la comunità), le acque (il mondo), la notte (il buio, la paura), sono immagini simboliche che richiamano la vita di tutti i giorni. Per Gesù credere vuol dire fidarsi. Ma fidarsi non è facile. Fidarsi vuol dire rischiare. Siamo un po’ tutti cresciuti nella cultura del “non fidarti mai di nessuno”. Cerca sempre di arrangiarti.

Gesù invita Pietro ad uscire dalla barca, ad uscire dai recinti, da se stessi, dalle proprie paure. La fede infatti è il contrario della paura. Pietro passa dalla paura: «Signore affondo», alla fede: «Signore salvami». Avere fede è passare da uno stato di angoscia ed una scelta di coraggio, di responsabilità.

Una fede adulta è frutto di un lungo cammino. Bisogna imparare ad uscire dalle proprie certezze per “andare al largo verso l’altra sponda”. Ma qual è il cammino che bisogna fare per riscoprire una fede evangelica? C’è un piccolo particolare del racconto che ci offre degli spunti interessanti anche per noi oggi. Cosa chiede Pietro a Gesù? «Se sei veramente tu, fammi camminare sulle acque». Pietro vorrebbe andare incontro a Gesù, ma attraverso un miracolo.

Ance noi talvolta, come Pietro, vorremmo avere qualche prova concreta della presenza di Dio nella nostra vita, ma sempre attraverso qualche miracolo. Tutti pensiamo che se Dio facesse qualche miracolo in più, ci sarebbero molti più credenti. Per Gesù invece i miracoli non servono. Dio non agisce mai al posto nostro. Credere non vuol dire che Dio ci toglie dalle tempeste, dalle fatiche, dai problemi di ogni giorno.

Pietro passa dalla paura alla fede, quando si scopre fragile e inizia a gridare: Signore salvami! In quel momento Gesù gli tende la mano e gli dice: uomo di poca fede perché hai dubitato? Gesù lo rimprovera non perché dubita, ma perché credeva nella forza dei miracoli e non nella forza dell’amore. Pietro incomincia a credere veramente il momento in cui impara a camminare non sulle acque miracolose, ma sulle strade polverose del buon Samaritano.

È quando anche noi impariamo a condividere e a fare della nostra vita un dono che possiamo scoprire la bellezza della fede. Perché è allora che il credere mi aiuta a vivere.

Don Roberto Vinco
Domenica 9 agosto 2020

Roberto Vinco
Written By

Don Roberto Vinco è parroco a San Nicolò all'Arena (Verona). roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Advertisement