Connect with us

Hi, what are you looking for?

Ambiente

Come il lockdown ha cambiato il rumore delle nostre città

La quarantena ha limitato gli spostamenti e diminuito la rumorosità ambientale nelle nostre città, mostrando quanto siano di impatto sul clima acustico le abitudini quotidiane

Traffico a Verona
Traffico a Verona

A Verona sono state controllate alcune strade urbane ed extraurbane con misure spot, poi confrontate con i dati raccolti negli anni scorsi nelle stesse aree per valutare gli effetti della quarantena sull’inquinamento acustico. Nella città scaligera, tra marzo e aprile 2020, sono stati misurati i livelli sonori diurni sia in centro, in due punti, uno in ZTL e uno esterno alla ZTL, sia nei quartieri di Borgo Roma, Borgo Milano e Santa Lucia, dove sono state effettuate rilevazioni su strade urbane di solito molto trafficate. Nelle vie più trafficate di Verona la riduzione registrata è notevole:tra i 4 e 5 dB, mentre è di 3 dB sulla tangenziale sud. Nella zona del centro ZTL la riduzione del livello è stata limitata, in conseguenza del traffico comunque ridotto rispetto alle altre zone della città anche in assenza del lockdown.

I tecnici dell’Arpav provinciali hanno analizzato gli effetti del lockdown sul rumore a Verona e nelle altre province venete, registrando un abbassamento del rumore condiviso da tutte le città. La situazione di emergenza e le restrizioni hanno infatti permesso di rilevare quanto le abitudini quotidiane, legate agli spostamenti, siano d’impatto sul clima acustico dei centri urbani. Le misurazioni spot e le campagne di monitoraggio sono iniziate nel mese di marzo 2020, e sono state poi paragonate a rilevazioni precedenti negli stessi punti di misura; mentre per altre zone, nella Fase 2, Arpav ha preferito monitorare nuove aree per valutare l’incremento della rumorosità ambientale all’aumentare delle attività antropiche.

Le misure già rilevate sono rappresentative della variazione del livello sonoro diurno a causa della variazione di traffico imposta dai provvedimenti di quarantena mentre i monitoraggi in corso seguono le variazioni dovute al progressivo “ritorno alla normalità” e andranno a completare il confronto tra le diverse situazioni.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Ambiente

Il blocco delle forniture causato dalla guerra in Ucraina ha mandato gli stati europei nel panico e di colpo le promesse e gli impegni...

Opinioni

Da tempo l’integrazione italo-tedesca dei territori del Veneto rappresenta la prospettiva più naturale e utile di vivere la loro piena identità

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Ambiente

Durante la COP 15 di Copenaghen i Paesi sviluppati si erano impegnati a versare 100 miliardi di dollari l’anno ai Paesi che avevano subito...

Advertisement