Connect with us

Hi, what are you looking for?

CS

Agsm viola i diritti di controllo e verifica dei consiglieri comunali

Dal consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco, riceviamo e pubblichiamo.

Agsm mi ha negato la possibilità di visionare e avere copia, nei termini previsti dal Regolamento del Comune di Verona, della documentazione relativa agli incarichi di advisory conferiti in relazione al Piano di aggregazione con Aim e A2A. Ritengo si tratti di un fatto grave che sottoporrò alla Procura della Repubblica di Verona con un esposto ipotizzando l’omissione di atti di ufficio.

La mia domanda di accesso agli atti risale al 12 Maggio 2020. La Segreteria del Consiglio comunale mi informa che dopo una primo sollecito, da parte della Segreteria stessa, datato 19 maggio, Agsm aveva assicurato che avrebbe rilasciato le carte entro il 20 giugno 2020. Ad oggi però, ciò non è ancora accaduto, anzi, Agsm risulta aver ignorato anche un secondo sollecito della Segreteria del Consiglio comunale, datato 25 giugno 2020. Con comunicazione odierna il Dirigente e il Presidente del Consiglio comunale mi hanno dunque rappresentato l’impossibilità di ricevere risposta alla mia richiesta dichiarando Agsm inadempiente.

Ritengo che questo comportamento di Agsm, e non è la prima volta, violi i diritti dei consiglieri comunali come indicato all’articolo 43 comma 2 del Testo Unico degli Enti Locali: «I consiglieri comunali e provinciali hanno diritto di ottenere dagli uffici, rispettivamente, del comune e della provincia, nonché dalle loro aziende ed enti dipendenti, tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del proprio mandato».

È infatti assurdo e inconcepibile che non si riesca ad ottenere informazioni su una azienda partecipata e posseduta al 100% dal Comune di Verona. Vale sottolineare che oggetto della richiesta non era documentazione sensibile riguardante la strategia industriale dell’azienda ma incarichi, dunque contratti, siglati con società di consulenza. Va in primo luogo verificata la veridicità delle voci secondo le quali le consulenze pagate per predisporre l’aggregazione (ormai sfumata) tra Agsm e Aim e A2A, sarebbero costate la bellezza di 700.000 euro. In secondo luogo ritengo doveroso poter sapere quale siano stati i termini del mandato conferito alle società di consulenza incaricate dai vertici di Agsm. Ritengo tale informazione essenziale per esercitare il diritto di controllo e verifica che esercito come minoranza.

Michele Bertucco
Verona e Sinistra in Comune

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

Allo Stadio e in Borgo Venezia è previsto personale per far rispettare le regole anti Covid, nei rioni più piccoli rimane il distanziamento tra...

Territorio

Impegnava a "non deliberare provvedimenti che tendano a parificare i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle famiglie naturali". Le parole del Papa.

Mostre

Le opere dell'artista trevigiano in esposizione a Verona ricercano la relazione tra forma e colore e richiamano gli strati della vita.

Dossier

Quello che potrebbe essere il più grande avvelenamento delle acque in Europa è a una svolta importante. Decisiva la data del 29 ottobre.

Advertisement