Connect with us

Hi, what are you looking for?

Vangelo

Sentirsi come un discepolo può aprirti al mistero della vita

Gesù non fa l’elogio della povertà, e nemmeno dell’ignoranza. Gesù ci dice invece che per accogliere il suo messaggio bisogna essere disponibili ad “ascoltare” e ricevere

L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)
L'adorazione dei magi, tempera e oro su tavola, Gentile da Fabriano, 1423 (Galleria degli Uffizi, Firenze)

Dal Vangelo di Matteo

In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero». Matteo 11,25-30

I Vangeli ci parlano spesso di Gesù che si ritira a pregare. Tuttavia sono rare le preghiere di Gesù riportate dagli evangelisti. Ma cosa diceva, che cosa faceva quando andava a pregare? Per capire la bellezza e la profondità di questa preghiera bisogna inserirla nel contesto del racconto di Matteo. La sua preghiera nasce sempre dalla vita. Ogni tanto anche Gesù faceva un piccolo bilancio della sua missione.

E proprio in quel momento era molto triste. Era deluso perché vedeva che molti lo rifiutavano. Il suo Vangelo, il suo invito a seguirlo, era rivolto a tutti. Però, di fatto, i ricchi, i potenti, i sapienti (farisei, scribi) non lo seguivano. Soltanto “i piccoli” erano interessati e accoglievano il suo messaggio. Perché? Il perché Gesù lo scopre attraverso la riflessione e la preghiera.

È nel fermarsi, nel fare silenzio, nel mettersi in ascolto delle Scritture, che la vita si fa preghiera. È attraverso questi momenti di meditazione che Gesù impara a guardare la vita con gli occhi del Padre. E scopre che quello che era motivo di delusione, invece diventa occasione per ringraziare il Padre: «Ti rendo lode, Padre perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai potenti e le hai rivelate ai piccoli».

La preghiera ti aiuta a scoprire il senso della vita. Lo aveva capito molto bene un filosofo laico come Ludwig Wittgenstein che diceva: «Io non credo in Dio, ma prego tutti i giorni. Per me pregare è cercare il senso della vita». È pregando, è riflettendo, che Gesù comprende che i ricchi non lo seguivano perché erano pieni di cose e non avevano bisogno di niente, che i potenti rimanevano indifferenti perché si sentivano al sicuro, che gli intellettuali avevano la verità in tasca e quindi non avevano bisogno di cercare, di dubitare, di interrogarsi.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Chi ha tutto, chi è pieno di sé, non ha bisogno di nessuno, nemmeno di Dio. Solo i “piccoli” sono disponibili ad accogliere la novità del Vangelo. Questo non vuol dire che soltanto i poveri e i piccoli possono capire il Vangelo. Non bisogna fare della demagogia. Gesù non fa l’elogio della povertà, e nemmeno dell’ignoranza. Gesù ci dice invece che per accogliere il suo messaggio bisogna essere disponibili ad “ascoltare” a ricevere.

È il tuo sentirti sempre come un discepolo, cioè uno che ha sempre da imparare, che può aprirti al mistero della vita, al mistero di Dio. È in questa ottica che possiamo veramente capire la finale del Vangelo di oggi: «Venite a me voi tutti che siete affaticati e io vi ristorerò». Spesso anche le nostre giornate sono costellate di pesi e di sofferenze. Gesù non ci offre né ricchezza, né intelligenza per risolvere i problemi. Gesù ci offre ristoro.

È forse ciò di cui abbiamo maggiormente bisogno: un po’ di riposo, un po’ di serenità interiore, un po’ di conforto per vivere meglio. Impara a fermarti, cerca di riposarti. Imparerai a gustare di più la vita. Ecco la preghiera più bella che possiamo fare ogni giorno.

Don Roberto Vinco
Domenica 5 luglio 2020

Written By

Don Roberto Vinco, docente di filosofia allo Studio Teologico San Zeno e all'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire di Verona, è collaboratore nella parrocchia di Novaglie. roberto.vinco@tin.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Vangelo

Il programma di Gesù è che le donne e gli uomini di tutte le culture e di tutte le religioni siano felici. E per...

Vangelo

Il nostro tesoro sono le persone, i nostri miracoli sono i piccoli gesti della vita quotidiana. A volte basta uno sguardo per rendere bella...

Vangelo

Gesù non ci parla mai di un Dio onnipotente e nemmeno di un Dio degli eserciti. Ci parla invece di un Dio che è...

Vangelo

Il Battesimo ci invita ad immergerci nella vita condividendo i problemi e i bisogni del nostro prossimo

Advertisement