Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cattolica Assicurazioni
Cattolica Assicurazioni

CS

Cattolica Assicurazioni diventa Spa, entra Generali

Dal presidente di Traguardi Giovanni Trincanato, riceviamo e pubblichiamo.

Con l’aumento di capitale e la trasformazione in Spa con l’ingresso di Generali constatiamo ancora una volta che Verona subisce passivamente le trasformazioni profonde del suo tessuto economico per colpa di una politica assente, connivente e incapace di dare una strategia alla città.

Mentre il sindaco sbandiera da mesi la Carta dei Valori, uno dei cui sottoscrittori è proprio Cattolica assicurazioni, giunge improvvisa la notizia della trasformazione in società per azioni e dell’ingresso di Generali. Non abbiamo pregiudiziali rispetto a quelle che sono e devono restare logiche di mercato, tuttavia di fronte al rischio che la città perda, a lungo andare, la sua ultima grande istituzione finanziaria è inevitabile riflettere su come, da quindici o vent’anni, la politica veronese sia sempre stata incapace di elaborare una strategia per gli asset determinanti dell’economia cittadina, subendo tutte le decisioni perché incapace di guidarle.

Ormai non contiamo più le istituzioni finanziarie, le imprese e le risorse strategiche delle quali la nostra città ha perso il controllo negli ultimi anni, sintomo della profonda crisi che attanaglia il “Sistema Verona” a causa della totale incapacità di gestione da parte delle amministrazioni che si sono succedute. Un problema che non riguarda l’assurdo concetto di “veronesità” delle imprese, perché in ambito economico il campanilismo non paga. Semmai, si tratta di capire perché una città economicamente florida e solida abbia progressivamente perso alcuni dei suoi asset più strategici. La spiegazione risiede nell’assoluta incapacità della politica veronese di dare risposte alla città in una stagione di profondo cambiamento, di offrire una prospettiva per lo sviluppo della città che combini gioco di squadra e visione politica.

Il risultato di questa inadeguatezza è sotto gli occhi di tutti. L’auspicio è che la trasformazione renda Cattolica più forte e solida, per conservare un grande istituto finanziario ancorato a Verona; ma il timore è che, se la politica continuerà a non essere in grado di condividere e pianificare le scelte con i grandi player cittadini, continueremo a perdere pezzi e, soprattutto, il controllo sulle risorse più preziose del nostro tessuto economico.

Tommaso Ferrari
Consigliere Traguardi

Giovanni Trincanato
Presidente Traguardi

Leggi anche il commento del senatore Luigi Viviani: Cattolica Assicurazioni, venduta nel cuore della notte

Redazione2
Written By

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Maurizio Danzi

    27/06/2020 at 16:54

    Che Cattolica non potesse proseguire da sola era talmente evidente, nonostante i proclami roboanti in Assemblea che anche l’ultimo sub/ agente della più sperduta agenzia lo aveva capito.
    Evidentemente Minali non solo era molto capace ma anche molto intelligente da costruire una strategia per arrivarci. Troppo. Decisamente troppo. Come sempre ha vinto l’articolo V. Certo che dopo millenni ripetere l’esperienza di Esaù svendendo la primogenitura per un piatto di lenticchie… Altrimenti Luca 16,8.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

La CRI Comitato di Verona offre assistenza domiciliare con consegna di generi alimentari e farmaci per le persone anziane o in difficoltà.

Territorio

Valpiana: «Gli organizzatori si dichiarano vittime, dopo aver accettato la sponda della destra sfascista». Il Comune parte civile.

Territorio

Organizzato da Mariam Ghrissi una giovane musulmana che vive a Verona che si sente «oltraggiata dalle parole del presidente francese Macron».

Advertisement