Connect with us

Hi, what are you looking for?

inquinamento da ozono

Ambiente

Monitoraggi Arpav, la qualità dell’aria in zona Fiera e in provincia

Il report mostra quali inquinanti critici a Verona Sud gli ossidi d’azoto e le polveri sottili. A Selva di Progno i risultati non mostrano particolarità critiche. A Cologna Veneta elevato l’ozono.

Il report dell’agenzia mostra quali inquinanti critici a Verona Sud gli ossidi d’azoto e le polveri sottili. A Cologna Veneta elevate le concentrazioni di ozono nel periodo estivo.

Lunedì 22 giugno – In Zona Fiera gli ossidi di azoto hanno valori superiori a quelli rilevati presso la centralina di traffico di Verona-Borgo Milano. Questi i risultati del monitoraggio di Arpav tra il 16 febbraio e il 16 aprile 2019, in via Udine, nel quartiere di Borgo Roma, in via Cacciatori Piemontesi vicino alla scuola elementare Massimo D’Azeglio e in via Scopoli sul lato nord dei padiglioni della Fiera.

«I risultati – dichiara Arpav–, confermano quanto già evidenziato dalle misure effettuate in zona Fiera negli anni compresi tra il 2016 e 2018, cioè le caratteristiche di un sito di traffico, in cui gli inquinanti più critici sono gli ossidi di azoto e il PM10».

Proprio riguardo alle polveri sottili, per Arpav la loro origine «è prevalentemente secondaria», cioè non sono emesse direttamente da una fonte emissiva, ma si formerebbero per reazione chimica di altri composti organici, come, ad esempio, gli ossidi di azoto e i composti organici volatili. «Il loro tempo di permanenza in atmosfera è di diversi giorni – sottolinea Arpav –, per cui possono essere trasportate anche lontano dal punto di formazione. Per questo motivo, la concentrazione di polveri sottili mostra variazioni spaziali limitate, se confrontate con quelle di altri inquinanti di origine prevalentemente primaria, emessi cioè direttamente da una fonte».

Risultati senza grosse criticità, invece, Arpav li ha rilevati a Selva di Progno e più precisamente in via Trento, sita vicino ad una zona residenziale. Il monitoraggio, dal 18 aprile al 27 maggio 2019 per il periodo invernale e dal 30 agosto al 29 settembre 2019 per quello estivo, è stato secondo i risultati forniti «caratterizzato da una meteorologia che ha facilitato la dispersione degli inquinanti e non ha creato situazioni favorevoli per la loro formazione tramite reazioni chimiche secondarie: questo spiega le basse concentrazioni registrate sia a Selva di Progno, sia presso le centraline di riferimento della rete Arpav di qualità dell’aria».

A Cologna Veneta la campagna di misurazione della qualità dell’aria, svoltasi dal 1 novembre al 27 novembre 2019 e dal 24 luglio al 27 agosto 2019,  si è concentrata in piazza Capitaniato ed ha evidenziato quali inquinanti critici ozono e polveri sottili.

«Elevate le concentrazioni di ozono nel periodo estivo – conclude Arpav –, come in tutta la provincia. Per quanto riguarda il PM10, il periodo di monitoraggio non ha registrato superamenti del limite giornaliero di 50 μg/m3 (microgrammi per metro cubo ndr), grazie alle condizioni meteorologiche particolarmente favorevoli alla dispersione degli inquinanti. Tuttavia, il confronto con le centraline fisse della rete Arpav ha permesso di stimare per l’anno un numero maggiore dei 35 superamenti del limite giornaliero consentiti dalla normativa».

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

L'amore è ciò che rende l'amato impareggiabile, unico, insostituibile. Amare qualcuno equivale a vivere la gioia dell'esistenza dell'altro.

Territorio

Pubblichiamo i grafici relativi ai dati forniti dall’Azienda Zero negli ultimi 30 giorni.

Ambiente

In nome della sicurezza, e per evitare grane, l’amministrazione opera senza un programma che spieghi come e dove sostituire le piante.

Nessuna categoria

Martedì e mercoledì le temperature massime anche a Verona risulteranno gradevoli collocandosi sui 22/23 gradi.

Advertisement