Connect with us

Hi, what are you looking for?

Imparare-il-risparmio facile

ADV

Imparare il risparmio è una questione di abitudini digitali

Scegliere di dotare il proprio figlio di una carta prepagata è una scelta saggia. Per i giovani l’ideale è procedere caricando mensilmente la paghetta, sempre nell’ottica di responsabilizzarli.

Riuscire a mettere a fuoco il concetto del risparmio è sempre un’impresa, specie per le nuove generazioni che si trovano a vero e proprio crocevia tra le epoche. Se da un lato c’è l’esempio dei nonni, che nascondevano i soldi sotto il mattone o tra le pieghe del materasso, dall’altro ci sono i tempi moderni dove il denaro ‘di plastica’ è imperante. Quest’ultimo si offre ormai quale moneta di scambio per qualsiasi operazione, anche di piccola entità.

In altri Paesi diversi dal nostro un simile cambio di passo, che ha tutto l’aspetto di uno stravolgimento epocale, è già avvenuto. Così anche ‘solo’ per pagare la colazione, per esempio in Inghilterra ma non solo ovviamente, si apre il portafogli e si estrae la carta. I nostri giovani – già dai 12 anni in su – i soldi da parte iniziano a metterli e sono in grado di sviluppare una certa propensione per il risparmio, ma in un contesto sociale in tal senso non ancora definito.

Il salvadanaio, insomma, non è ancora sparito del tutto dalle camerette e le banconote spesso sono nascoste in anfratti, cassetti segreti e scomparti invisibili. Fin dalla giovane età occorre iniziare a prendere dimestichezza con il denaro di plastica, che si presenterà ovunque in un futuro non troppo lontano. Ecco perché è importante responsabilizzare i ragazzi tramite una carta ricaricabile prepagata, in modo da iniziare a fargli gestire le piccole entrate e i risparmi con un sistema controllato e sicuro. Prendere questa decisione comporta solo un passo cruciale ovvero la scelta dello strumento più adatto: sarà utile consultare il web e, per esempio, richiedere online le carte prepagate su Facile.it.

Imparare-il-risparmio facile

 


L’alternativa al denaro contante e un cambio di passo epocale.
La generazione dei Millennials è quella che più di tutte trae benefici dalle novità digitali che semplificano la vita. Ecco perché esistono molte e differenziate tipologie di carta, pensate anche per quei giovani che abbiano appena superato la soglia dei 12 anni. La cosa migliore è procedere step by step: si inizia a parlare di soldi con il figlio intorno agli 8 anni, poi a 10-11 si inizia con la prima paghetta. Negli anni immediatamente successivi si aprirà la fase degli acquisti online, dunque il periodo adatto per iniziare a pensare a una carta prepagata ad hoc.

Le carte al portatore si configurano come la perfetta alternativa al denaro contante, con un surplus di sicurezza. Spesso infatti questi strumenti sono abilitati al controllo geolocalizzato – che limita le possibilità e l’area di utilizzo della carta – e prevedono servizi di alert via sms dei movimenti in tempo reale. Un ulteriore presidio di sicurezza è infine rappresentato dalla tecnologia contactless: si possono fare acquisti senza esporsi a digitare il pin per importi entro una certa cifra e nei POS abilitati.

L’educazione finanziaria spetta ai genitori, la cui supervisione non deve mai venire meno, specie agli inizi quando lasciarsi prendere dall’entusiasmo online può avere conseguenze negative. Occorre un cambio di passo che è soprattutto mentale, dal momento che – anche se i giovani iniziano a gestire una carta prepagata digitale – la maggior parte dei regali di compleanno, comunione oppure legati ai risultati scolastici avvengono ancora in contanti. La sensazione, così facendo, per i genitori è quella di avere un controllo sulle spese (per timore degli acquisti sregolati sul web) con un rischio dispersione e spreco in realtà invece elevato.

I vantaggi della carta prepagata ricaricabile
Scegliere di dotare il proprio figlio di una carta prepagata è una scelta saggia, poiché questo strumento per le spese elettroniche si collega a un circuito di pagamento ma non a un conto corrente. Dunque, l’asticella della sicurezza specie per gli acquisti online sempre più amati è molto alta: il plafond ha un limite, ovvero quello dell’importo in precedenza caricato. Da questa somma, si scalano via via le spese effettuate. Per i giovani l’ideale è procedere caricando mensilmente la paghetta, sempre nell’ottica di responsabilizzarli. La carta prepagata è uno strumento la cui sicurezza dipende da 3 elementi, richiesti al momento dell’acquisto:

  • il numero a 16 cifre sul fronte dove insiste anche la data di scadenza

  • il codice di controllo a 3 cifre sul retro

  • il nome dell’intestatario sulla carta

La loro combinazione garantisce un alto livello di sicurezza per la transazione.

Redazione2
Written By

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Nessuna categoria

Terzo appuntamento sui cinque mondi che rendono la nostra città una eccellenza per il patrimonio storico e artistico nazionale.

Meteo

È in arrivo anche su Verona e provincia una nuova ed intensa perturbazione atlantica. La situazione rimarrà critica fino a lunedì.

Opinioni

La vicenda dei cipressi di Castel San Pietro è utile per riflettere sul rapporto tra la città e il suo patrimonio architettonico più recente

Cultura

L'amore è ciò che rende l'amato impareggiabile, unico, insostituibile. Amare qualcuno equivale a vivere la gioia dell'esistenza dell'altro.

Advertisement

Privacy Preference Center

Cookie tecnici

Questi cookie sono utilizzati esclusivamente per il corretto funzionamento del sito.

Cookie tecnici proprietari.

Cookie di terze parti

Questi cookie consentono al sito di raccogliere informazioni anonime sui visitatori a fini statistici e alle terze parti di ricavare dati per la profilazione pubblicitaria.

Google analytics, Google Adsense, Amazon.