Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Anche Verona in piazza per ricordare la morte di George Floyd

La protesta contro una disuguaglianza ancora presente in molti contesti, sebbene con caratteristiche e modalità diverse, come spiegato dai manifestanti riuniti in Piazza dei Signori..

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante
Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

La protesta contro una disuguaglianza ancora presente in molti contesti, sebbene con caratteristiche e modalità diverse, come spiegato dai manifestanti riuniti in Piazza dei Signori.

Venerdì 5 giugno anche Verona si è unita al ciclo di manifestazioni contro il razzismo scatenate dalle morte di George Floyd, uomo di origini afro americane morto lo scorso 25 maggio a Minneapolis per asfissia, dopo essere stato arrestato dalla polizia. Dalle 17 in Piazza dei Signori almeno un centinaio di persone si sono riunite per manifestare sotto lo slogan #blacklivesmatter.

La tragedia di George Floyd, che ha fatto il giro del mondo dopo essere stata filmata e immessa sul web dai testimoni, ha riaperto il dibattito sulla questione razziale negli Stati Uniti e ha fatto nascere manifestazioni in tutti i Paesi per reclamare giustizia e porre fine al razzismo.

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

Come spiegato in Piazza dei Signori dai manifestanti che a turno prendevano parola «George Floyd è una delle tante vittime che hanno perso la vita o combattono ogni giorno per il colore della loro pelle. Siamo nel 2020 e questa lotta non è ancora finita: dobbiamo dire basta».

La morte di George Floyd e l’omaggio che queste manifestazioni vogliono rappresentare è stato un incentivo per protestare contro una disuguaglianza ancora presente in molti contesti, sebbene con caratteristiche e modalità diverse, come spiegato dai manifestanti. «Andare a fare la spesa, uscire con gli amici per andare a ballare, trovare un lavoro: tutto è diverso quando sei nero. Ma il colore della pelle è l’ultimo degli aggettivi».

La manifestazione, che si è svolta cercando di seguire le direttive di distanziamento sociale, ha avuto come sottofondo il coro “No al razzismo”, e i cartelloni con le scritte “Black lives matter”, “Enough is enough”. Ai manifestanti veniva ripetutamente ricordato, tra un discorso e l’altro, di mantenere il metro di distanza e indossare le mascherine, al fine di minimizzare il rischio data la difficoltà nel conciliare il rispetto delle regole durante gli eventi e il diritto a manifestare.

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

A metà manifestazione, durata circa un’ora, è stato chiesto ai partecipanti di inginocchiarsi, un gesto simbolo di protesta contro la violenza sulla comunità nera. In ginocchio per 8 minuti, il tempo che George Floyd ha passato steso per terra con il ginocchio del poliziotto puntato alla gola, mentre chiedeva di essere liberato perché non riusciva a respirare. “I can’t breathe” è diventato poi lo slogan delle proteste e ieri, a Verona, è stato ripetuto per scandire gli otto minuti di silenzio.

«Manifestare è un bel gesto ma non serve a niente. Quello che dobbiamo fare è cambiare i nostri comportamenti» ci dice Ali, originario della Gambia, anche lui in piazza a manifestare.

A prendere la parola anche un membro dell’associazione Para Todos, che ha ringraziato i partecipanti per la partecipazione «soprattutto in una città come Verona, che ancora oggi vive episodi di fascismo e razzismo». Il presidio di Piazza dei Signori è stato organizzato dalle associazioni AfroVeronesiRete degli Studenti medi di Verona, Unione degli Universitari di Verona e Studenti Per Accademia di Belle Arti Verona.

Cristiana Ceccarelli

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

Manifestazione per George Floyd in Piazza Dante

 

Cristiana Ceccarelli è toscana, nata in provincia di Pisa nel 1995. Attualmente è residente a Verona ma il dialetto è per lei ancora un po' ostico. Ha vissuto a Londra e adesso studia Editoria e Giornalismo all'Università di Verona. cristianaceccarelli311@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Cultura

Il Compito del nuovo assessore alla Cultura? Mappare e coinvolgere istituzioni storiche e soggetti culturali finora poco valorizzati in un progetto corale di rilancio...

Opinioni

La Lega perde consensi, Forza Italia si barcamena, Fratelli d'Italia è diventato il nuovo baricentro politico della coalizione mentre si complica la vita del...

Cultura

Il simbolo della croce frecciata ungherese è quello del partito filonazista della Budapest dove il padovano Perlasca salvò tanti ebrei da quei persecutori

Opinioni

La cessione della Domus Mercatorum a privati rappresenta l'ennesima sconfitta di una Amministrazione che non è riuscita a valorizzare l'eredità storica e artistica della...

Advertisement