Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

L’Aeroporto Catullo deve tornare a volare alto e senza indugi

Aeroporto Catullo, Verona.jpg
Aeroporto Valerio Catullo, Verona

Da Apindustria Confimi Verona, riceviamo e pubblichiamo.

Per l’Aeroporto Catullo è finito il tempo degli indugi. Dopo l’emergenza Coronavirus, è il momento di impostare un modello di sviluppo strategico per permettere a Verona con la sua provincia di ripartire.

Il sindaco Sboarina ha di recente richiamato la classe dirigente scaligera a svolgere il ruolo di motore propulsivo e propositivo per evidenziare soluzioni utili a superare la crisi economica e sociale in atto e gettare le basi per un’immediata ripresa delle attività. Nella scacchiera delle strategie c’è lo scalo veronese: infrastruttura che deve riaffermare la propria centralità con autonomia di progettazione e strategia, considerata la posizione geografica al centro naturale del sistema economico del bacino del Garda e della linea dell’Adige (da Bolzano a Verona fino a Mantova e Brescia con Montichiari).

Sulla questione gli operatori economici del territorio devono avere voce in capitolo. Nell’assemblea tenutasi a fine 2019, Apindustria Verona ha posto con forza il problema chiedendo alla politica di dare risposte sulle scelte da fare per l’immediato rilancio. Risposte che ad oggi non sono arrivate. A breve dovranno essere rinominati i componenti del Cda dell’aeroporto scaligero. Apindustria auspica che, nell’effettuare tali nomine, la politica adotti criteri di scelta orientati verso soggetti di spessore e capacità tecnico progettuali che incarnino le aspettative di coloro che hanno a cuore lo sviluppo di Verona e soprattutto una visione e un progetto per il futuro dell’aeroporto che lo porti a superare la fase di stallo in cui si è trovato in questi anni.

Polemiche politiche e gestionali non sono una novità. In passato i problemi economici hanno obbligato a ricercare accordi “gestionali” con Save, cioè con chi gestisce lo scalo di Venezia, per garantirne la sopravvivenza. Adesso è necessaria un’analisi seria di quanto avvenuto, o non avvenuto, per riprogettare il destino dell’aeroporto, promuovendo un confronto sistematico con le parti sociali al fine di ridare a questa infrastruttura quel ruolo di fondamentale motore per la crescita del sistema Verona: un grande aeroporto per una città che vuole definirsi tale.

Al di là delle promesse fatte al momento di entrare nel capitale del Catullo, Save ha attuato una politica che ha favorito più Venezia che Verona. Vale la pena ricordare che nella società che gestisce il Catullo, Aerogest srl, la maggioranza è in mano a soci pubblici, nominati dalla politica. Il partner industriale Save, vista la debolezza degli enti pubblici, è il vero stratega delle scelte dell’aeroporto Catullo e ha sempre avuto come primo pensiero lo sviluppo di Venezia. Altro che sistema aeroportuale del Nord-Est.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Apindustria Confimi Verona

1 Comment

1 Comment

  1. Emiliano Cassardo

    08/06/2020 at 15:58

    Sveglia VERONAAA!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Ambiente

Tutti i decisori politici – Governo, Regione, Comuni – anziché difendere il patrimonio agricolo e il suolo concordano nel considerare il possibile insediamento a...

Opinioni

La cosa peggiore sarebbe accorgersi che c'erano le condizioni per vincere ma che non sono state utilizzate per un incomprensibile attendismo

Opinioni

Ci sono problemi tanto evidenti quanto in gran parte ignorati dalla classe dirigente e dalla politica, che appare priva di idee e di proposte

Advertisement