Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Verona esce dal lockdown, via libera alla circolazione tra regioni

La nuova fase vede Amministrazione e Camera di Commercio lavorare per far ritornare il turismo ai numeri del passato. Il 5 giugno riaprono i banchi in piazza Erbe. Sboarina: «Data attesa».

Piazza Erbe, Verona
Piazza Erbe, Verona

La nuova fase per la città scaligera vede Amministrazione e Camera di Commercio lavorare per far ritornare il turismo ai grandi numeri del passato. Dal 5 giugno riaprono i banchi in piazza Erbe. Sboarina: «Data attesa a lungo».

Mercoledì 3 giugno – «Da oggi decadono le limitazioni agli spostamenti e si può circolare liberamente tra una regione e l’altra. Il lockdown causato dall’emergenza sanitaria è davvero alle spalle. La data di oggi segna per la città scaligera l’avvio di una nuova fase, quella dedicata al rilancio del turismo e dell’importante filiera ad esso legata».

Così palazzo Barbieri, sulla fine del lockdown a Verona e l’inizio di un ritorno alla normalità su tutto il territorio, che vede al lavoro l’Amministrazione unitamente con la Camera di Commercio locale «per far tornare un turismo con numeri importanti, non solo quello dei veneti ma anche quello nazionale, con una significativa attività di promozione progettata già durante il lockdown».

Stamane, infatti, il sindaco Federico Sboarina durante il punto stampa in streaming, ha annunciato la riapertura per venerdì 5 giugno dei banchi del mercato di piazza Erbe, sospeso da tre mesi per l’emergenza Covid-19. Il sindaco ha firmato l’ordinanza così come l’ampliamento dei plateatici che serve ai locali per recuperare i mesi persi con la chiusura. Un modo per far sì che il numero di clienti non sia troppo penalizzato dalle misure previste per il distanziamento sociale.

Approvata dalla giunta, anche l’iniziativa per il Turismo Tibre, che vede Verona lavorare insieme a La Spezia, Parma e Trento per un progetto condiviso volto a rilanciare i rispettivi ambiti turistici.

«Per il nostro turismo questa era la data tanto attesa – dichiara il sindaco Sboarina –. Va bene il turismo di prossimità, ma non basta. Vogliamo che Verona torni alla sua vocazione internazionale, non sarà immediato ma ce la faremo. Verona è pronta a riaccogliere i turisti, che potranno ammirarla in sicurezza, con nuove modalità che non ne penalizzeranno la bellezza ma addirittura contribuiranno ad esaltarla. Sulla stessa linea il nuovo progetto Tibre, per una visione più ampia di turismo territoriale. Del resto, la promozione turistica è un altro degli aspetti su cui ci siamo preparati per tempo, l’aiuto significativo verrà dalla Camera di Commercio e dal presidente Riello che ha già stanziato risorse per promuovere il nostro territorio. Sono fiducioso che da oggi possa davvero partire una nuova fase, di cui beneficeranno anzitutto le attività e i locali che operano nel turismo, con ricadute positive per tutta l’economia. Da venerdì riapre anche il mercato di piazza Erbe un simbolo della nostra piazza, un segnale importante di ritorno verso la normalità».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Turismo

I dati forniti da Comune, Camera di commercio e Regione evidenziano una fortissima crescita rispetto al 2021, con un +540% dei biglietti emessi per...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Opinioni

Metodi e contenuti sono simili ma le divisioni tra i due, culminate in una dura campagna elettorale, hanno reso impossibile ogni alleanza

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Advertisement