Connect with us

Hi, what are you looking for?

fondazione arena - estate teatrale veronese
Arena di Verona - Foto Ennevi

CS

Un chiarimento a tutela del modello Fondazione lirica

Da SLC/CGIL per FISTel Regionale UILCom/UIL FIALS/CISAL, riceviamo e pubblichiamo.

Nell’articolo apparso su L’Arena in data 19 maggio a firma Giulio Brusati intitolato “Arrivederci ai concerti pop in Arena (e non solo): li spostiamo tutti al 2021, è contenuta una dichiarazione virgolettata del Sig. Gianmarco Mazzi sulla quale si rende assolutamente necessario un nostro intervento di replica, a precisazione e chiarimento e a tutela del modello Fondazione lirica.

Stigmatizziamo che il Sovrintendente di Fondazione Arena non abbia provveduto in tal senso a rettificare dichiarazioni fuorvianti per il lettore e per l’immagine della Fondazione che guida e che su mandato ministeriale deve amministrare e tutelare.

Il Sig. Mazzi dichiara: “Così, lasciando all’Opera la possibilità di programmare concerti ad agosto, mi sono concentrato per realizzare a Verona, nella prima decade di settembre, alcuni importanti eventi televisivi”.
Va qui chiarito che non è il Sig. Mazzi che permette alla Fondazione Arena di programmare una cosa o l’altra o di scegliere un periodo o l’altro per realizzare la produzione istituzionale: lo Statuto di Fondazione Arena prevede l’uso esclusivo dell’Anfiteatro da aprile a settembre per le sue finalità istituzionali (diffusione di lirica, balletto e concerti quali elementi di trasmissione culturale e di educazione musicale della collettività) e una legge dello Stato Italiano (L.800/67) obbliga il Comune di Verona a fornire alla Fondazione i luoghi per l’espletamento di tale attività.

La Fondazione Arena ha una S.r.l. partecipata al 100%, che si occupa di extra- lirica, nei giorni e nei periodi in cui la Fondazione, in totale autonomia decisionale di programmazione, decide di non utilizzare l’Anfiteatro per gli spettacoli lirici, sinfonici e di balletto e le relative prove.

La programmazione extra-lirica è dunque un’attività accessoria, subordinata e funzionale: esattamente l’opposto di quanto il Sig. Mazzi dichiara, che non corrisponde a quanto discende indiscutibilmente dalla legge italiana, dalle norme, dagli Statuti e dalle delibere comunali.

Chiariamo anche che il Sig. Mazzi è figura subordinata e quindi avrebbe il dovere in ogni sede di denominare correttamente la Fondazione Arena di Verona (non apostrofandola “l’Opera) e di evitare di minare l’identificazione dell’Arena con la Fondazione che ha l’uso esclusivo dell’Anfiteatro.

Ribadiamo infine quanto già espresso precedentemente riguardo alla denominazione della partecipata affidata al Sig. Mazzi: l’aver permesso che essa utilizzi lo stesso nome della controllante va contro ogni logica di marketing di buon senso. Tale scelta resta per noi un palese tentativo di generare confusione e una minaccia per il modello Fondazione lirica e ci aspettiamo che il Sovrintendente della Fondazione Arena intervenga finalmente a tutela del marchio, così come delle prerogative decisionali e gestionali che lo Stato le riconosce ed affida.

SLC/CGIL per FISTel Regionale UILCom/UIL FIALS/CISAL

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

L'amore è ciò che rende l'amato impareggiabile, unico, insostituibile. Amare qualcuno equivale a vivere la gioia dell'esistenza dell'altro.

Territorio

Pubblichiamo i grafici relativi ai dati forniti dall’Azienda Zero negli ultimi 30 giorni.

Ambiente

In nome della sicurezza, e per evitare grane, l’amministrazione opera senza un programma che spieghi come e dove sostituire le piante.

Nessuna categoria

Martedì e mercoledì le temperature massime anche a Verona risulteranno gradevoli collocandosi sui 22/23 gradi.

Advertisement