Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Economia locale, tra progetti, corsi e grandi speranze

L’eurodeputato Borchia propone alcuni progetti pilota al Parlamento europeo. Il settore trasporti teme l’abbandono. In provincia parte la raccolta delle ciliegie e Coldiretti organizza corsi formativi.

L’eurodeputato Borchia propone alcuni progetti pilota al Parlamento europeo. Il settore trasporti teme l’abbandono. In provincia parte la raccolta delle ciliegie e Coldiretti organizza corsi per le fattorie didattiche.

In collaborazione con Unioncamere Veneto, l’eurodeputato e coordinatore del gruppo Identità e Democrazia in commissione Industria Paolo Borchia, ha presentato alcuni progetti pilota al Parlamento europeo. Nello specifico, secondo Borchia, si tratterebbe di alcune iniziative «di natura sperimentale create per testare la fattibilità di una particolare azione e la sua relativa utilità; si tratta di azioni finanziate con un budget complessivo di 40 milioni di euro. L’approccio che abbiamo adottato è quello di fare partire proposte dal territorio, per tramutare il progetto in un vero e proprio programma comunitario, munito di una dotazione finanziaria ad hoc, con la conseguente apertura di finanziamenti per il settore interessato».

Nel mentre Paolo Bellorio, esponente del settore Trasporto di Confcommercio Verona, fa presente di come le imprese del settore «siano ferme al 100% da febbraio». Il rischio avvertito, pertanto, è quello di non essere considerate non essendo formalmente parte dei comparti quali commercio, turismo e produzione.

«Le commesse perse non sono recuperabili – dichiara Bellorio –. Purtroppo allo stato attuale non è possibile fare un piano di ripresa in quanto tale settore viaggia di pari passo con i comparti dell’istruzione scolastica e del turismo, che brancolano nell’incertezza del futuro della pandemia. Unica speranza per risollevare la categoria, era riportata all’art. 92 comma 4bis della Legge n. 27 del 24 aprile 2020 il cosiddetto decreto “Cura Italia”, che di fatto garantiva il pagamento dei servizi di trasporto scolastico anche in caso di non svolgimento degli stessi. Speranza che, a quanto sembra, col decreto di maggio, stia per estinguersi prevedendo la cancellazione del settore scolastico da tale articolo, in quanto i Comuni, tramite l’Anci, hanno fatto sapere di non avere i fondi per affrontare tali spese».

Volendo evitare che la situazione gravi totalmente sull’impresa di trasporto, le aziende del settore aderenti a Confcommercio Verona chiedono che, per la durata della sospensione dei Servizi Scolastici, venga riconosciuto alle imprese del comparto, un compenso rapportato ai costi residui delle imprese.

In provincia di Verona, invece, è cominciata la raccolta delle ciliegie. Per Francesca Aldegheri, referente di giunta di Confagricoltura Verona per il settore frutticolo, «quest’anno viene premiata la qualità e il calibro dei frutti. Chi ha lavorato in questo senso riesce a prendere anche 4 euro al chilogrammo, se la qualità è medio-bassa, invece, si viaggia su 1,80 euro. Si attende di capire quali sono le conseguenze delle gelate. Al momento, da quanto stiamo vedendo con quest’inizio raccolta, ci sembra che le varietà precoci siano state risparmiate. Temiamo che i danni saranno più sulle tardive, contrariamente a quanto avevamo creduto un mese fa, come i duroni Regina e la varietà Coria. In ogni caso le gelate hanno colpito le piante a macchia di leopardo, quindi in alcune zone non dovrebbero esserci problemi. Ma il tempo deve darci una mano anche adesso. Ci auguriamo che non ci aspetti un periodo troppo piovoso, come accadde l’anno scorso in maggio, altrimenti c’è il rischio che i frutti si spacchino. Il bel tempo e il caldo, peraltro, aiutano anche i consumi».

A spaventare maggiormente con l’arrivo del caldo sono però le prime cimici: «Le vediamo già in azione sulle file esterne dei frutteti e comincia a vedersi anche il danno –, riferisce Aldegheri –. L’anno scorso gli agricoltori denunciarono perdite dal 30 al 100% del prodotto per quasi tutta la frutta. Quest’anno molti hanno investito nelle reti di protezione ma tutti sperano nella vespa samurai, il cui lancio sperimentale dovrebbe avvenire al più presto anche in Veneto, come ha annunciato l’assessore regionale all’Agricoltura Giuseppe Pan».

Advertisement. Scroll to continue reading.

Coldiretti Verona ha dato il via a un corso di formazione online per gli operatori delle 47 fattorie didattiche dell’associazione. Obiettivo del corso in partenza nei prossimi giorni, è apprendere nuove tecniche e linguaggi per accogliere i bambini, che dovranno imparare a stare insieme ma, allo stesso tempo, distanti. A fare da insegnante sarà la pedagogista padovana Elena Ravazzolo che con il suo team metterà in atto la proposta formativa rivolta agli imprenditori agricoli che offrono servizio didattico ai bambini.

«In attesa della ripresa delle attività e di un protocollo sanitario che metta in sicurezza gestori e ospiti – evidenzia Chiara Recchia, responsabile provinciale di Donne Impresa – sarà on line il corso guida per educare le nuove generazioni a stare insieme in modo diverso. Una sorta di abc per affrontare una nuova fase di accoglienza in azienda. Dopo due mesi di restrizioni è necessario trovare una modalità possibile di convivenza in gruppo, tenendo in considerazione lo spazio aperto della campagna».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement Enter ad code here

Altri articoli

Opinioni

Lo studio prende in esame 22 parametri relativi alla struttura dei servizi e ai livelli di spesa. Un'indagine su povertà, disoccupazione, aspettativa di vita,...

Opinioni

Poi c'é l'altra corruzione, di quello strato sociale che non ha nemmeno bisogno delle lobbies perché conosce già bene gli interessi da tutelare

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Opinioni

L'Europa è costretta a subire ai propri confini un conflitto che non voleva ma che non ha saputo evitare e che porterà a una...

Advertisement