Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Verona verso la riapertura di impianti sportivi e biblioteche

Il documento della Regione consente l’attività sportiva solo per l’allenamento agonistico. Le biblioteche aprono il solo servizio prestiti. Ancora niente per le altre attività.

Federico Sboarina
Federico Sboarina

Il documento della Regione consente l’attività sportiva solo per l’allenamento agonistico. Le biblioteche aprono il solo servizio prestiti. Ancora niente per le altre attività.

Lunedì 4 maggio – «Nei prossimi giorni potranno tornare in attività sia gli impianti sportivi, e quindi anche palestre e piscine, ma solo per l’allenamento agonistico, ossia dei tesserati di società e federazioni che partecipano a campionati e tornei. Potranno aprire anche le biblioteche limitatamente al servizio prestiti».

Così palazzo Barbieri, a seguito dell’ordinanza regionale pubblicata domenica 3 maggio e in vigore da oggi. Secondo il documento, è consentita l’attività motoria e sportiva solo in funzione dell’allenamento agonistico a porte chiuse.

«Ci stiamo organizzando per dare attuazione quanto prima a queste nuove direttive – dichiara il sindaco Federico Sboarina –. Assieme alla Provincia siamo pronti ad adottare una linea comune, in modo da assicurare pari opportunità a tutte le società, sia che si allenino negli impianti cittadini, che il comune dà in gestione, sia che lo facciano nelle palestre delle scuole sparse sul territorio provinciale. Criterio fondamentale è che si faccia sport a livello agonistico, non si tratta quindi della partita di calcetto tra amici ma dell’allenamento della squadra che partecipa ad un campionato. Comunicheremo quanto prima i tempi di riapertura a tutti gli interessati, che poi dovranno organizzarsi per riprendere l’attività in sicurezza come previsto dalle normative. Allo stesso modo anche per tutte le biblioteche cittadine servirà qualche giorno per effettuare la sanificazione e riaprire così in sicurezza, solo per il servizio prestiti».

Sul fronte della riapertura delle attività locali, dopo la manifestazione di Confcommercio sabato 1 maggio, il primo cittadino scaligero ha partecipato stamane alla videoconferenza Ci metto la faccia organizzata da Confartigianato.

«Sono passate quasi tre settimane – sottolinea il sindaco Sboarina –, da quando insieme a tutte le categorie economiche e ai sindaci del Veneto, abbiamo chiesto di eliminare i codici Ateco consentendo la riapertura a tutti coloro che garantiscono la sicurezza di lavoratori e clienti. Continueremo a battere i pugni sul tavolo e a fare massa critica perché le nostre istanze vengano ascoltate a Roma. L’unico soggetto che può autorizzare le riaperture è, infatti, il governo. In questo momento le manifestazioni estemporanee non servono a niente perché si disperdono. Trovo assurdo che ci sia qualcuno che cerca di sfruttare politicamente il grido di dolore dei nostri imprenditori. Non ci devono essere Montecchi e Capuleti, ne va del futuro del nostro territorio. La vera fase 2 ci sarà solo quando si farà tornare a lavorare le imprese in sicurezza».

Per quanto riguarda i dati relativi all’epidemia da Covid-19, il Comune parla di «804 persone in quarantena. Il 28 aprile se ne contavano 866, mentre il 1 aprile, giornata di picco dell’intera emergenza, erano ben 1.275. Un calo costante di settimana in settimana che non significa che l’emergenza è terminata ma che, quanto prima, si può riaprire adottando le misure necessarie a evitare nuovi contagi»

Advertisement. Scroll to continue reading.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Opinioni

Lo studio prende in esame 22 parametri relativi alla struttura dei servizi e ai livelli di spesa. Un'indagine su povertà, disoccupazione, aspettativa di vita,...

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Opinioni

Mentre il centrodestra intensifica la sua opposizione, chi amministra deve legittimare il risultato elettorale dimostrando, con scelte di governo appropriate, di saper risolvere i...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Advertisement