Connect with us

Hi, what are you looking for?

Provincia

Dai cinesi mascherine e la frase «Siamo petali dello stesso fiore»

La Cina commuove Verona. 10 mila dispositivi per l’emergenza Coronavirus all’Ospedale di Negrar e una scritta sulla confezione che dà una grande forza per uscire dal tunnel.

Il personale medico ringrazia la Cina
Il personale medico ringrazia la Cina

La Cina commuove Verona. 10 mila dispositivi per l’emergenza Coronavirus all’Ospedale di Negrar e una scritta sulla confezione che dà una grande forza per uscire dal tunnel.

Dalla Cina a Negrar di Valpolicella: uno stock di mascherine FFP2 è giunto nei giorni scorsi all’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria dalla città Shenzhen, moderna metropoli, situata nella parte sud orientale del Paese asiatico, anch’essa colpita dall’epidemia Covid-19. Un dono prezioso dell’azienda cinese Aukey, produttrice di accessori per cellulari, che consentirà al nosocomio veronese di tirare il fiato riguardo all’approvvigionamento di uno dei dispositivi di protezione individuale fondamentali per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza e introvabili sul mercato. Diecimila mascherine, confezionate singolarmente, il cui involucro è già un regalo. Ciascuno infatti riporta un messaggio di solidarietà e speranza: “Siamo petali dello stesso fiore poiché solo se ci stringiamo nello stesso punto dell’infinito riusciamo ad essere qualcosa di meraviglioso”.

«L’iniziativa di Aukey è stata dettata innanzitutto dal forte legame che la Cina ha con l’Italia – spiega il creative leader del Dipartimento product marketing management Alessandro Cormio –. In passato l’Italia ha offerto più volte aiuto e collaborazione alla Cina, soprattutto nei momenti di grave difficoltà, come accadde nel 2002, quando scoppiò l’epidemia da Sars. La distribuzione di poche migliaia di dispositivi a diversi Centri ospedalieri non sarebbe stata incisiva ai fini dell’emergenza. Quindi Aukey ha deciso di donare grandi quantitativi, in questo caso all’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria per interessamento della giornalista Carolina Zanoni».

«Ringrazio a nome di tutti i collaboratori del Sacro Cuore Don Calabria l’Azienda Aukey nella persona di Alessandro Cormio per questo impagabile dono e Carolina Zanoni per il suo generoso interessamento – afferma l’amministratore delegato Mario Piccinini –. La donazione di Aukey è la dimostrazione che da questa tragedia mondiale possiamo uscirne solo se combattiamo tutti uniti verso un’unica direzione, supportandoci a vicenda senza limiti di confini».

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Opinioni

Una nuova politica territoriale, all’altezza dei reali bisogni dei diversi territori richiede una cultura e una responsabilità politica che finora sono state in gran...

Opinioni

Anche a Verona nascono nuove povertà legate all'emergenza sanitaria, che riguardano in particolare coloro che hanno perso il lavoro e molte persone anziane

Opinioni

Continua l'indagine della Procura di Bergamo sulle prime fasi della pandemia e sul mancato aggiornamento del Piano anti-pandemico

Opinioni

Gli auguri ai giovani, alle donne, agli ultimi, ai perseguitati, abbracciando Patrick e ricordando Giulio, e auguri anche a Verona In

Advertisement