Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cultura

Capitale della Cultura, palazzo Barbieri presenta le linee guida del dossier

Per la relazione del dossier il Comune si è avvalso di PTSCLAS, società di consulenza culturale. Sboarina: «Progetti, visioni, cantieri sono già al centro del dibattito cittadino».

silent dante
Verona, Piazza dei Signori, staua di Dante Alighieri

Per la relazione del dossier il Comune si è avvalso di PTSCLAS, società di consulenza culturale. Sboarina: «Progetti, visioni, cantieri sono già al centro del dibattito cittadino».

Giovedì 20 febbraio a palazzo Barbieri il sindaco Federico Sboarina, l’assessore alla Cultura Francesca Briani, alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala e ai Rapporti con l’Unesco Francesca Toffali, hanno presentato le linee guida del dossier per la candidatura di Verona a Capitale della Cultura Italiana 2021.

Ad aprire il documento un verso di William Shakespeare: «Non esiste mondo fuor dalle mura di Verona». Secondo il Comune, però, il verso è da intendersi come rovesciato «con un gesto forte e positivo che cancella proprio quel “non”, a indicare che fuori della città scaligera il mondo esiste».

E proprio qui l’Amministrazione vorrebbe puntare: «Ci sono mondi fuori dalle mura del centro storico – ha sottolineato palazzo Barbieri –, dell’ansa dell’Adige, della città antica e turistica; ma anche dalle mura di una Verona grande crocevia, che parla coi mondi più lontani, nazionali e internazionali, ai quali proporre nuovi modelli di innovazione urbana attraverso la cultura».

Il dossier dovrebbe esprimere con modelli di innovazione e ambizioni, una capitale che abbia contenuti da offrire al resto del Paese. Per la relazione del dossier il Comune si è avvalso di PTSCLAS, società di consulenza culturale con sede a Milano e Roma.

«Quello presentato oggi non è il dossier – ha dichiarato il sindaco Sboarina –, che si chiuderà a inizio marzo, ma il suo manifesto, il suo concept. Gli uffici comunali, infatti, continueranno la relazione con le forze e le risorse della città, culturali e non solo, in una febbrile e originale co-progettazione, sempre nel solco di una cultura che coinvolge i quartieri e la rigenerazione di intere zone della città. Progetti, visioni, cantieri che sono già felicemente al centro del dibattito cittadino, e che nel 2021 si avvieranno con forza e saranno potenziati da un ricco palinsesto di grandi eventi internazionali, nell’anno speciale di Dante e di Aida».

Termine per spedire il documento al Mibact (Ministero peri Beni e le Attività Culturali) a Roma è il 2 marzo.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement Enter ad code here

Altri articoli

Opinioni

Mentre il centrodestra intensifica la sua opposizione, chi amministra deve legittimare il risultato elettorale dimostrando, con scelte di governo appropriate, di saper risolvere i...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Opinioni

Metodi e contenuti sono simili ma le divisioni tra i due, culminate in una dura campagna elettorale, hanno reso impossibile ogni alleanza

Advertisement