Connect with us

Hi, what are you looking for?

La conferenza stampa di Confcommercio Verona sui danni della psicosi da Corona Virus.

Territorio

Il Corona virus e i danni all’economia locale e nazionale

A preoccupare Confcommercio Verona è la possibilità di un effetto domino scatenato dalla psicosi generale, che causerebbe una contrazione di spesa in Italia di 4,5 miliardi.

A preoccupare Confcommercio Verona è la possibilità di un effetto domino scatenato dalla psicosi generale, che causerebbe una contrazione di spesa turistica in Italia di 4,5 miliardi di euro.

«L’ufficio studi di Confcommercio stima che il nostro Paese possa perdere almeno lo 0,3% del Pil a causa della psicosi da Corona virus. E a Verona, provincia “in prima linea”, il dato può essere maggiore».

A dichiararlo è il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena, durante la conferenza stampa tenutasi mercoledì 19 febbraio nella sede dell’associazione. Presenti Nicola Dal Dosso, direttore generale di Confcommercio, Nicolò Zavarise, assessore Attività produttive, Stefano Brusco, coordinatore Giovani Albergatori di Verona, Chiara Tosi, presidente del Comitato provinciale Consulenti del Benessere del Territorio e Pei Pei, ristoratrice cinese e titolare del Sun Restaurant a Verona.

Ciò che preoccupa di più, secondo i dati di Confcommercio, è la possibilità di un effetto domino che potrebbe generare un segno negativo per il turismo italiano, con una contrazione della spesa turistica nel 2020 di 4,5 miliardi di euro: una cifra pari a circa il 5% del prodotto interno lordo del settore. Circa il 70% della contrazione riguarderebbe quattro regioni: Veneto, Toscana, Lazio e Lombardia, che perderebbero circa 3,2 miliardi di euro con un danno ingentissimo per Verona che Confcommercio stima in oltre 500 milioni di euro nel solo ricettivo.

Ma non solo: l’ufficio studi Fipe-Confcommercio, infatti, sottolinea che «nei circa 5.000 ristoranti cinesi, e non solo, si registra una perdita di fatturato del 70% circa che tradotta in valori assoluti significa 2 milioni di euro in meno al giorno. Se a questo aggiungiamo i 500.000 euro che i turisti cinesi in Italia spendono ogni giorno per mangiare, la perdita complessiva della ristorazione è di 2,5 milioni di euro con danni pesanti anche per i fornitori italiani di pesce, carne, beverage».

Da qui la scelta di Confcommercio per ribaltare la situazione o, quantomeno, arginarla: «Mercoledì 26 febbraio – hanno spiegato Chiara Tosi e Stefano Brusco –, si svolgerà una serata conviviale organizzata da Confcommercio Verona per dimostrare che non c’è nessun pericolo e contro ogni forma di intolleranza». L’appuntamento è alle ore 20.00 al Sun Restaurant di via Pellicciai a Verona gestito da Pei Pei.

La serata prevede un menù fisso-degustazione e vedrà la partecipazione dei dirigenti di Confcommercio Verona e di chiunque vorrà esserci per dire no a pregiudizi e discriminazioni.

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Nessuna categoria

Dopo l'incontro dell'ambasciatore messicano Carlos Garcia de Alba con il sindaco Sboarina, i commenti sul progetto.

Opinioni

Una gestione del partito che al massimo favorisce alcune singole carriere, a Roma o in Regione, ma non fa crescere una classe dirigente.

Territorio

Tutti possono partecipare. Attraverso il Park Litter verrà replicata l’indagine sulla quantità e tipologia dei rifiuti abbandonati.

Territorio

La protesta di Aned (Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi nazisti) di Verona che non ha partecipato alla commemorazione.

Advertisement