Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Aria in Veneto, Pm10 in miglioramento nel lungo periodo

Secondo Arpav le concentrazioni su lungo periodo di Pm10 si sono ridotte. All’inizio del 2020, però, in tutta la regione molti capoluoghi hanno oltrepassato i 35 giorni di superamento.

Pm10
Il robot per la pesatura dei filtri dell’aria.

Secondo Arpav rispetto ai primi anni del 2000, le concentrazioni di Pm10, Pm2.5 e biossido di azoto si sono ridotte. L’inizio del 2020, però, in tutta la regione molti capoluoghi hanno oltrepassato i 35 giorni di superamento.

«La qualità dell’aria in Veneto mostra un trend di lungo periodo in miglioramento per PM10, PM2.5 e biossido di azoto, con significative riduzioni delle concentrazioni di questi inquinanti rispetto ai primi anni 2000. Altri  inquinanti, come il benzene, il monossido di carbonio e il biossido di zolfo, le concentrazioni rispettano i limiti oramai da molti anni, non rappresentando una criticità per la qualità dell’aria. Una buona notizia in un contesto che per la posizione orografica, con Alpi e Appennini a sbarrare l’ingresso di aria in tutta la pianura padana, richiede ancora molta attenzione».

Questa la dichiarazione nella conferenza stampa di venerdì 14 febbraio dell’Arpav tenutasi a Mestre, durante la quale il direttore generale Luca Marchesi assieme allo staff dell’Osservatorio Aria, ha illustrato i trend degli inquinanti sul lungo periodo.

Per quanto riguarda il 2019 i dati misurati dalle 43 centraline della rete aria di Arpav, hanno mostrato che il  valore limite annuale del PM10 è stato rispettato in tutti i siti, mentre 29 stazioni su 36 superano ancora il valore limite giornaliero.

Per il PM2.5, cioè le polveri più sottili, 19 centraline su 21 rispettano il valore limite annuale. Il biossido di azoto resta sotto il valore limite annuale in 40 centraline su 41, mentre nella metà dei punti di campionamento viene rispettato il valore obiettivo per il Benzo(a)pirene.

L’inizio del 2020 a causa della stabilità atmosferica e delle scarse precipitazioni, registra per il PM10 superamenti del limite giornaliero (50 microgrammi/metro cubo) in gran parte della pianura veneta. Alcuni capoluoghi di provincia hanno oltrepassato i 35 giorni di superamento: Treviso (38), Padova e Venezia (37) seguono Rovigo e Vicenza (34), Verona (30), Belluno (2).

Le sorgenti emissive più rilevanti per il PM10, secondo le dichiarazioni di Arpav, sono il riscaldamento (32%), il traffico (24%), l’agricoltura/allevamento (20%) e l’industria (9%). Il riscaldamento domestico, in particolare l’uso di biomasse, incide inoltre significativamente sulla componente primaria del particolato, ossia quella emessa direttamente dalle sorgenti, mentre il traffico e l’agrozootecnia impattano sul particolato secondario, cioè quello che si forma in atmosfera a seguito di reazioni di altre specie chimiche.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Nel corso della conferenza stampa è stato anche mostrato in laboratorio il robot per la pesatura dei filtri dell’aria ingegnerizzato da un’azienda veneta.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Flash

Il progetto si inserisce nelle misure che l’Amministrazione comunale sta mettendo a punto a favore della mobilità sostenibile e della qualità dell’aria

Opinioni

Lo studio prende in esame 22 parametri relativi alla struttura dei servizi e ai livelli di spesa. Un'indagine su povertà, disoccupazione, aspettativa di vita,...

Ambiente

Mentre per i sindaci dei territori interessati il tunnel servirebbe a rendere più agevole la mobilità, per gli oppositori questa scelta avrebbe effetti di...

Flash

Il corso, patrocinato dal Comune di Verona, rientra tra i progetti del Bando Habitat sostenuto da Fondazione Cariverona. Le lezioni si terranno nelle aule...

Advertisement