Connect with us

Hi, what are you looking for?

Michele Bertucco
Michele Bertucco

CS

Il filobus non arriverà in esercizio entro i termini previsti

Dal Consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco, riceviamo e pubblichiamo.

Con due delibere di giunta del 4 Febbraio 2020, pubblicate oggi all’albo pretorio, la Giunta Sboarina ha approvato i progetti preliminari dei due parcheggi scambiatori del filobus, rispettivamente sull’area della Cercola a Verona Est e di Cà di Cozzi a Verona Ovest, al fine del loro inserimento “nell’elenco delle opere da avviare nel 2020”.

Si tratta di due parcheggi a raso dell’ampiezza di circa 23.000 metri quadri ciascuno per un costo complessivo di 6,5 milioni di euro e una capienza, rispettivamente, di 303 posti auto per il parcheggio di Verona Est (solo 100 posti in più rispetto a quanto prevedeva l’accordo con i proponenti del centro commerciale) e di 512 posti per il parcheggio di Verona Ovest.

La cosa più strabiliante è che nel cronoprogramma allegato alle relazioni, è previsto che l’iter amministrativo dei parcheggi durerà non meno di 24 mesi, quindi se tutto va bene avremo i parcheggi pronti e collaudati non prima di febbraio 2022.

Questo significa che la giunta ammette ufficialmente che le sarà impossibile consegnare i parcheggi entro il termine del 31 gennaio 2022 sottoscritto con il Ministero per quanto riguarda la realizzazione del filobus. E ormai anche i sassi sanno che senza i parcheggi il filobus non potrà entrare in esercizio.

Ammesso (ma non concesso) che Amt riesca a rispettare la data di consegna del mezzo, si può anche dire che, da oggi, ogni giorno perso sui parcheggi scambiatori costituisce un giorno di fermo forzato per il filobus.

Si può anche osservare che i 24 mesi preventivati per realizzare gli scambiatori non sono assolutamente realistici in quanto entrambe le aree sono di proprietà privata e si dovrà dunque procedere agli espropri. Alla Cercola, poi, il Comune è in causa con i proprietari dell’area, che sicuramente avranno il dente avvelenato.

Tra espropri, varianti urbanistiche, passaggi in Consiglio comunale e procedimenti relativi alla valutazione di impatto ambientale, si andrà ben oltre i termini previsti. Come intendono giustificare questi ritardi, Sboarina e soci?

Michele Bertucco
Consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune

Avatar
Written By

3 Comments

3 Comments

  1. Avatar

    Ettore

    10/04/2020 at 14:11

    Tanti soldi buttati vi per il progetto più costoso ed inefficiente, oltre a tanta confusione per strada tra stadio e stazione. Le città moderne programmano la ciclabili e gli autobus elettrici:
    https://www.repubblica.it/dossier/ambiente/effetto-terra/2020/04/06/news/utrecht_sogna_in_verde_un_quartiere_senz_auto_per_12_mila_persone-253276431/?ref=twha

  2. Avatar

    mimi

    11/02/2020 at 09:31

    Quando partira’ sara’ gia’ vecchio e le strade da rifare, come sempre.

  3. Avatar

    Maurizio Danzi

    09/02/2020 at 00:20

    Credo lo avessero previsto di prevederlo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Nessuna categoria

Dopo l'incontro dell'ambasciatore messicano Carlos Garcia de Alba con il sindaco Sboarina, i commenti sul progetto.

Territorio

Tutti possono partecipare. Attraverso il Park Litter verrà replicata l’indagine sulla quantità e tipologia dei rifiuti abbandonati.

Interviste

INTERVISTA – Il consigliere della V Circoscrizione risponde su trasporto pubblico, Zone 30, ciclabili, verde urbano e inquinamento acustico.

Territorio

La protesta di Aned (Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi nazisti) di Verona che non ha partecipato alla commemorazione.

Advertisement