Connect with us

Hi, what are you looking for?

Un momento della conferenza stampa sulla sicurezza a Verona.

Territorio

Sicurezza, calano le violenze sessuali, aumentano gli omicidi

Nel rapporto presentato dal Prefetto Cafagna, emerge una diminuzione complessiva del numero dei reati del 4,7% rispetto al 2018. Quattro le interdittive antimafia.

Nel rapporto presentato dal Prefetto Cafagna emerge una diminuzione complessiva del numero dei reati del 4,7% rispetto al 2018.

Un decremento dei reati contro il patrimonio, in modo particolare delle rapine (passate dalle 320 del 2018 alle 246 dello scorso anno), mentre sono aumentati gli omicidi – saliti da uno a tre – ed i tentati omicidi (14 contro i 12 del 2018). Significativo il calo degli episodi di violenza sessuale (56 nel 2019 rispetto ai 78 dell’anno precedente) e dei reati in materia di sfruttamento della prostituzione (da 17 a 13).

Questi i dati emersi mercoledì 5 febbraio al Palazzo Scaligero di Verona, durante la conferenza stampa per presentare il report sulla situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nell’anno da poco concluso. A illustrare il report, dal quale emerge una diminuzione complessiva del numero dei reati del 4,7% rispetto al 2018, il Prefetto Donato Cafagna. Presenti il sindaco Federico Sboarina ed il vicepresidente dell’amministrazione provinciale David Di Michele.

Di particolare rilievo l’attività di contrasto nei confronti della criminalità organizzata, con quattro provvedimenti interdittivi (quattro pure nel 2018) e due denegate iscrizioni nella white list (nessuna nel 2018 e due nel 2017) e quella di prevenzione nei confronti di soggetti pericolosi per l’ordine, la sicurezza e la moralità pubblica, con la questura che ha emesso 135 fogli di via obbligatori, 42 avvisi orali, 25 divieti di accesso alle manifestazioni sportive. La Polizia locale, dal canto suo, ha avanzato 21 proposte di allontanamento di cittadini comunitari e 17 proposte di foglio di via obbligatorio.

Importanti, inoltre, i dispositivi di safety e di security discussi nel corso di 35 riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e di quaranta sedute della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, con una particolare attenzione prestata alla tre giorni del Congresso Mondiale delle Famiglie (ospitato alla Gran Guardia dal 2 marzo al 31 marzo), ai 22 spettacoli tenutisi nell’Arena ed all’evento in Piazza Bra del 31 dicembre.

Antonio  Mazzei

Written By

Antonio Mazzei è nato a Taranto il 27 marzo 1961. Laureato in Storia e in Scienze Politiche, giornalista pubblicista è autore di numerose pubblicazioni sul tema della sicurezza. antonio.mazzei@interno.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

È necessario un rapporto riconciliato con la politica per costruire con fatica e coraggio mediazioni alla ricerca del maggior bene possibile.

Lettere

«Un Servizio Sanitario che continua a definirsi nazionale mentre non lo è. La mia esperienza al momento della seconda dose di vaccino»

Meteo

Situazione generale. Le nostre regioni settentrionali si trovano all‘interfaccia tra due principali centri di azione ( vedi prima immagine con situazione media in quota-ECMWF):  un...

Meteo

Lasciamo una settimana che ha visto l’azione della depressione associata ad un nucleo freddo responsabile delle terribili alluvioni in Germania, Belgio e Olanda. Anche...

Advertisement